Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori mettono a fuoco sull'individuazione degli indicatori per individuare le lesioni vascolari atipiche che piombo al angiosarcomato

I medici lungamente hanno notato che pazienti di cancro al seno che hanno avuti radioterapia o della chirurgia avere un rischio intensificato di sviluppare l'angiosarcoma, un tipo raro di cancro che proviene dal rivestimento dei vasi sanguigni.

Ora, i ricercatori al sistema di salubrità dell'università di Loyola in Maywood, Ill., hanno messo a fuoco dentro su un'individuazione che potrebbe essere un precursore possibile all'angiosarcoma. Con ulteriore ricerca questo che trova potrebbe piombo agli indicatori più definitivi che potrebbero predire coloro che è più probabile da sviluppare la malattia. L'angiosarcoma è un maligno, rapido crescendo, tipo altamente dilagante di cancro che ha un alto tasso di mortalità.

In uno studio finalizzato pubblicato nell'edizione augusta del giornale dell'accademia americana della dermatologia, i ricercatori a Loyola hanno identificato che cosa inizialmente sembrato essere soltanto una contusione minuscola sul petto giusto di una donna di 63 anni. Priore quattro anni la donna aveva avuta un lumpectomy nel petto e nella radioterapia per cancro. Egualmente aveva avuta la chemioterapia e terapia ormonale.

“Normalmente, quando vedete una lesione vascolare benigno-apparente, probabilmente la passereste su,„ ha detto il Dott. Joshua Mandrell, un dermatologo che co-ha creato il rapporto. “Ma dato lei la cronologia, la abbiamo biopsiata ed ha indicato che era una lesione vascolare atipica.„

Le lesioni vascolari atipiche sono le crescite vascolari anormali che sono pensate per formarsi in risposta al trauma, come quella causata tramite la radioterapia e della chirurgia, secondo lo studio. Le lesioni sono così rare che pochi professionisti medici sono informati della loro esistenza. Non ci sono egualmente fattori di prognosi o linee guida ben definiti del trattamento per loro.

“Le lesioni vascolari atipiche non sono le crescite completamente benigne del vaso sanguigno e non sono angiosarcoma. Sono giuste nel mezzo. Sono abbastanza atipiche che suggeriamo nel nostro studio che autorizzino il trattamento,„ Mandrell abbiamo detto. “Il pensiero è che potrebbero potenzialmente trasformarsi in in angiosarcomi.„

Come precauzione, la lesione e una quantità significativa del paziente di tessuto che la circondano sono state eliminate chirurgicamente.

“Abbiamo voluto assicurarci che niente fosse lasciato che potrebbe diventare un angiosarcoma,„ Mandrell dicesse.

Lo studio conclude che il fuoco della ricerca futura dovrebbe essere sull'individuazione degli indicatori per individuare quale tipo di lesioni vascolari atipiche è più probabile piombo ad un angiosarcoma.

“Questo è probabilmente dove la maggior parte della ricerca dovrebbero essere effettuate,„ Mandrell ha detto. “Qualcuno che abbia avuto radiazione ha cambiamenti nella loro interfaccia. Era probabilmente radiazione congiuntamente all'ambulatorio per il cancro che quello piombo allo sviluppo di questa entità. La domanda principale è, “c'è indicatori speciali o altre funzionalità istologiche al di sotto del microscopio che suggerirebbe che una lesione vascolare atipica sia peggiore e più probabile svilupparsi in un angiosarcoma ed altro non è? “Che non è ancora ben definito.„

Lo studio egualmente conclude che la comunità medica deve intensificare la sua sorveglianza dell'interfaccia dei pazienti che hanno una radioterapia e di storia della chirurgia per cancro al seno.

“Anche le lesioni benigno-apparenti possono essere serio date quell'anamnesi,„ Mandrell ha detto. “I dermatologi ed i medici di pronto intervento dovrebbero esaminare l'interfaccia per tutti i cambiamenti in questa popolazione paziente.„

Source:

: Loyola University Health System