Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

vaccino sperimentale Paziente-specifico per impedire ricorrenza del glioblastoma

Il medico di pronto intervento di Maria Lee è egualmente un amico della famiglia. Quando ha camminato nella stanza dell'esame nell'ottobre 2006 con gli strappi nei suoi occhi, ha saputo che qualche cosa di serio era sbagliato. Ma è stata colpita per imparare che ha avuta un tumore cerebrale - e successivamente scoperto era il tipo maligno più aggressivo, un multiforme di glioblastoma.

Il medico ha inviato via fax una nota al neurochirurgo Keith L. Black, M.D., presidente del dipartimento di neurochirurgia al centro medico del Cedro-Sinai. In meno di due settimane, la razza CHU, M.D. del neurochirurgo e del nero, ha eseguito la chirurgia per eliminare il tumore di palla-dimensione del golf e all'inizio del 2007, Lee, residente di un San Dimas, California, ha subito un corso della radioterapia e della chemioterapia.

Circa un anno dopo che il tumore è stato eliminato, Lee si è iscritto ad un test clinico di un vaccino sperimentale sviluppato al Cedro-Sinai che è destinato per contribuire ad impedire i tumori cerebrali maligni ricorrere. È uno di parecchi approcci che sono studiati dai ricercatori all'istituto neurochirurgico del Maxine Dunitz del Cedro-Sinai.

“Stavo reagendo bene al chemo e stavo reagendo bene alla radiazione, in modo da mi hanno chiesto considerare il vaccino perché vogliono continuare assicurarsi che non ritornasse,„ ha detto Lee, 58. “Che è la parte dura circa il glioblastoma. Sanno che sta andando ritornare.„

Glioblastoma può rendersi invisibile al sistema immunitario e può accendere i geni che rendono la maggior parte della chemioterapia inutile. L'immunoterapia del tumore cerebrale del Cedro-Sinai concentra sulle celle dentritiche, specializzate antigene-presentando le celle. Queste celle rimuovono i detriti quando altre celle muoiono e quando incontrano le celle non Xeros (antigeni) essi presentano le proteine alle celle dell'uccisore chiamate linfociti T. Questi hanno specializzato i globuli bianchi sciamano agli invasori ed all'attacco recentemente identificati.

Ogni vaccino fornisce una terapia individualizzata, paziente-specifica e tumore-specifica. Quando il paziente subisce la chirurgia di tumore-rimozione o una biopsia del ago di stampa, gli esemplari delle celle del tumore sono salvati a questo fine. Nel frattempo, i globuli bianchi acerbi chiamati monociti sono filtrati dalla circolazione sanguigna del paziente da diventare le celle dentritiche.

Quando questi milioni di celle dentritiche più successivamente sono coltivati nel laboratorio con le proteine dalle celle del tumore, sono avvisati per riconoscerle come invasori. Recentemente “ha istruito„ le celle dentritiche poi sono iniettati sotto l'interfaccia dell'ascella, ricchi di un'area con i linfonodi. Ciò è fatta solitamente tre volte oltre sei settimane. Una volta nel sistema linfatico, le celle dentritiche si pensano che reclutino milioni di linfociti T per attaccare tutte le celle che residue di tumore cerebrale incontrano.

Il vaccino dentritico delle cellule in primo luogo è stato usato come trattamento paziente sperimentale nel maggio 1998 ed è stato studiato da solo e congiuntamente ad altre terapie.

Glioblastomas è così aggressivo e resistente al trattamento, lunghezza mediana della sopravvivenza dopo che la diagnosi varia soltanto 12 mesi - 15 mesi, anche quando l'ambulatorio, la radiazione e la chemioterapia sono usati. Soltanto tre per cento - cinque per cento dei pazienti vivono più lungamente di tre anni, ma attraverso le innovazioni che hanno luogo al Cedro-Sinai ed altri centri del trattamento di tumore cerebrale intorno al paese, le statistiche di sopravvivenza stanno cominciando gradualmente ad aumentare.

In un test clinico di fase I che valuta la più nuova versione del vaccino - ICT-107 chiamato - il tempo di sopravvivenza senza progressione mediano in 16 pazienti recentemente diagnosticati è di 17,7 mesi - quasi 11 mese più di lunghezza del periodo di sopravvivenza senza progressione storico di 6,9 mesi. Quando i risultati sono stati presentati al congresso della riunione annuale neurologica 2009 dei chirurghi l'ottobre scorso, sette dei 16 pazienti hanno continuato a non mostrare segni della ricorrenza del tumore e tre pazienti erano andato più di due anni senza la progressione di malattia. “La progressione libera„ è definita come il tempo fra la chirurgia di tumore-rimozione e la ricorrenza del tumore.

ICT-107 sta sviluppando da terapeutica di ImmunoCellular, srl, una società di biotecnologia. Il nero è presidente del comitato consultivo scientifico e di John S. Yu, M.D., Direttore dell'neuro-oncologia chirurgica nel dipartimento di neurochirurgia al Cedro-Sinai, servire da ufficiale e presidente dell'assemblea scientifici principali.

Circa due mesi prima che ricevi la sua diagnosi, Lee ha cominciato ottenere “le grandi emicranie,„ a differenza di c'è ne che avesse sperimentato prima. Prima che vada al suo medico, egualmente stava avendo difficoltà che comunica. “Avrei cose che ho voluto dire ma non potrei ottenere le parole dal cervello,„ ha detto Lee, che ha due figli adulti e celebra il suo trentacinquesimo anniversario di nozze questo anno.

Le emicranie sono andato via subito dopo che il tumore è stato eliminato e Lee ha detto che ora si sente bene. Ha lasciato la sua posizione come gestore di ufficio per un gruppo medico, parzialmente sulla raccomandazione del suo amico del medico che sa che con la sua etica di lavoro, se lavora affatto lavorerà troppo.

“Sapendo che il tempo potrebbe essere breve per me, ho detto, “GIUSTO, appena userò questo volta godere della vita, godo della mia famiglia e faccio le cose che voglio fare, “„ Lee richiamato, che continua ad avere scansioni di imaging a risonanza magnetica ogni tre mesi.

“Non conosco chiunque che passi con questo trattamento o qualunque genere di diagnosi del cancro e continui tutto lo stessi,„ che lei ha detto. “Esaminate diversamente la vita. Ogni giorno è un buon giorno. Siete felice di svegliare. E sapere che ci sono molte cose di che avete bisogno di ottenere fatte.„

Source:

Cedars-Sinai Medical Center