Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuova tecnica di rappresentazione per studiare risposta dei globuli bianchi ad infiammazione

Ricerca pubblicata nella Scienza

I Ricercatori all'Università di Facoltà di Calgary di Medicina stanno usando una nuova tecnica di rappresentazione innovatrice per studiare come i globuli bianchi (chiamati neutrofili) rispondono ad infiammazione ed hanno rivelato i nuovi obiettivi per inibire la risposta.

Quando l'organismo è invaso tramite l'infezione, il sistema immunitario ricambia generando l'infiammazione con distribuzione dei globuli bianchi al sito del pericolo per uccidere i batteri d'invasione. Tuttavia, l'infiammazione inadeguata si presenta in assenza dell'infezione quando i tessuti sono danneggiati e questa risposta inadeguata contribuisce alle malattie quali gli attacchi di cuore ed il colpo. I Ricercatori hanno usato sia i modelli dell'animale da laboratorio che i globuli bianchi umani per scoprire che il tessuto nocivo può rilasciare i segnali che attirano i globuli bianchi e bloccando questi il segnale può impedire l'infiammazione inadeguata.

I risultati sono pubblicati nell'edizione del 15 ottobre di Scienza.

“Abbiamo saputo i globuli bianchi trovano per molti anni il loro modo ai siti dell'infezione, ma capendo come, o persino perché i globuli bianchi vanno ai siti di danno di tessuto non infettivo sterile è stato un dilemma reale,„ diciamo il Dott. Paul Kubes, PhD, autore senior dello studio come pure Direttore dell'Istituto di Snyder dell'Infezione, dell'Immunità e dell'Infiammazione. “Riconoscendo quello le cellule danneggiate rilasciano i segnali “del tipo di batteri„ che attirano i globuli bianchi ed infiammazione di causa potrebbe permettere lo sviluppo di intera nuova classe di terapeutica alle malattie infiammatorie di combattimento.„

Un Altro aspetto notevole della ricerca è che gli scienziati potevano catturare i video in tempo reale senza precedenti dell'attività bianca dei globuli ai siti di infiammazione. L'Università di Calgary è uno molto di pochi centri nel mondo facendo uso di questa tecnologia dell'immagine, chiamato il disco di filatura microscopia intravial confocale, per studiare la risposta infiammatoria.

“Questi sistemi potenti della rappresentazione permettono che noi affrontiamo i problemi complicati direttamente osservando l'attività del sistema immunitario nell'organismo. Il Nostro laboratorio è forse il solo nel Canada e fra a select few nel mondo che abbiano questa tecnologia, in modo da è vero un privilegio di contribuire a questa ricerca,„ dice Braedon McDonald, l'autore principale dello studio e candidato di PhD.

Sorgente: Università di Calgary