Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Più formazione ed attenzione hanno avuto bisogno di su cancro al seno infiammatorio

Il cancro al seno infiammatorio (IBC), una malignità aggressiva e rara, spesso inizialmente è mal diagnosticato come un'infezione o eruzione. Tuttavia, ottenere la diagnosi corretta è rapidamente critico per i pazienti perché la malattia si sparge oltre il petto in un aspetto appena dei giorni o delle settimane. Con quello in mente, gli specialisti principali dal centro del Cancro di Anderson di MD dell'università del Texas e dal centro del Cancro dell'inseguimento di Fox hanno scritto un esame della comprensione scientifica e medica corrente di IBC, che comprende le informazioni chiave sulla diagnosi, sulla rappresentazione, sul trattamento e sulla ricerca di avanguardia.

“Il cancro al seno infiammatorio è una malattia che ha bisogno della più attenzione e più formazione per i medici ed i pazienti,„ dice Massimo Cristofanilli, M.D., F.A.C.P., presidenza del dipartimento dell'oncologia medica al centro del Cancro dell'inseguimento di Fox ed autore senior dell'esame, che comparirà nell'emissione dicembre/di novembre del CA: Un giornale del Cancro per i clinici.

L'associazione del cancro americana stima che IBC rappresenti 2,5% di tutte le casse del cancro al seno negli Stati Uniti, con 192.370 nuove diagnosi e 40.170 morti prevedute questo anno. Eppure Cristofanilli sottolinea che non è necessario affinchè i medici già abbia veduto un caso di IBC per diagnosticarlo correttamente. “Se sapere a questo proposito ed avete un sospetto clinico, è importante da raggiungere appena possibile fuori ad uno specialista,„ dice.

I pazienti vengono frequentemente a loro lamentarsi primario dei ginecologi o del medico dell'interfaccia arrossita e del petto gonfiato, che potrebbero inizialmente essere confusi un'eruzione o un'infezione. “Novantacinque per cento delle donne con IBC ricevono gli antibiotici per un po'prima che siano diagnosticati correttamente,„ Cristofanilli dicono. “Ma è importante riconoscere che non potete avere un'infezione senza febbre. Se una donna non sta curando, è 55 anni e non ha altri fattori di rischio per mastite, è molto più probabili che ha un cancro che un'infezione.„

E sebbene molti oncologi spesso abbiano considerato IBC un tipo di cancro al seno localmente avanzato, la realtà è che IBC è una malattia distinta. “Un cancro al seno avanzato tipico ha la massa o un nodulo che si sviluppano nei mesi o negli anni e finalmente comprende la maggior parte del petto e potrebbe mostrare anche con un certo rossore,„ Cristofanilli dice. “Con IBC, avete un tumore che diventa clinicamente evidente appena in alcune settimane - a volte le donne lo descrivono come appena alcuni giorni. Il petto è rosso e infiammato, ma non c'è febbre; in alcuni giorni, il cancro è già nei linfonodi e non c'è Massachusetts evidente. Così se rappresentate queste due situazioni, vedete chiaramente che non c'è rassomiglianza.„

La differenza nella presentazione e nei sintomi suggerisce che IBC abbia una biologia di fondo distinta, riguardante cancro al seno locale-avanzato. E molti anni di ricerca hanno indicato che IBC non risponde alle terapie usate per trattare altri moduli di cancro al seno.

Le nuove e più efficaci terapie sono negli impianti comunque, secondo Cristofanilli e primo Fredika Robertson autore, Ph.D., professore nel dipartimento di terapeutica sperimentale al centro del Cancro di Anderson di MD dell'università del Texas. I ricercatori di scienza di base, quale Robertson, stanno segnando le vie con esattezza molecolari che determinano la formazione e la crescita di IBC ed i nuovi agenti mirati a contro quelle vie sono in via di sviluppo.

Per esempio, i test clinici in corso stanno verificando il lapatinib, un inibitore della chinasi della tirosina quel blocca due vie di segnalazione che sono frequentemente iperattive in IBC. “Lapatinib è una delle poche droghe che mostra l'attività come singola droga in IBC, ma questa è ancora un'evoluzione,„ Cristofanilli dice. “Il documento indirizza alcuna delle aree dove pensiamo vedere gli agenti novelli venire e della direzione che andremo nei prossimi anni.„

“Penso che il futuro sia luminoso se possiamo tutti venire insieme e riconoscerlo che c'è una necessità di mettere le risorse e la ricerca su questa malattia,„ diciamo. “E molti ricercatori già stanno facendo questo.„