Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il Consumo di arachide durante la gravidanza può aumentare il rischio di allergia in infanti: Studio

I Ricercatori hanno trovato che gli infanti allergici possono essere al rischio aumentato di allergia dell'arachide se le loro madri ingerissero le arachidi durante la gravidanza. I dati sono riferiti nell'edizione del 1° novembre 2010 del Giornale dell'Allergia e dell'Immunologia Clinica.

Piombo da Scott H. Sicherer, il MD, il Professor della Pediatria, Istituto di Allergia Alimentare di Jaffe alla Scuola di Medicina di Monte Sinai, ricercatori a cinque siti di studio degli Stati Uniti ha valutato 503 infanti invecchiati tre - 15 mesi con le allergie probabili dell'uovo o del latte o con eczema significativo e le prove positive di allergia per mungere o egg, che sono fattori connessi con un rischio aumentato di allergia dell'arachide. Gli infanti di studio non hanno avuti diagnosi precedente dell'allergia dell'arachide. Complessivamente 140 infanti hanno avuti forte sensibilità all'arachide basata sulle analisi del sangue ed il consumo di arachide durante la gravidanza era un preannunciatore significativo di questo risultato dei test.

“I Ricercatori negli ultimi anni sono stati incerti circa il ruolo del consumo dell'arachide durante la gravidanza sul rischio di allergia dell'arachide in infanti,„ ha detto il Dott. Sicherer. “Mentre il nostro studio definitivo non indicherà che le donne incinte non dovrebbero mangiare i prodotti dell'arachide durante la gravidanza, evidenzia l'esigenza di ulteriore ricerca nell'ordine fa le raccomandazioni circa le restrizioni dietetiche.„

Nel 2000, l'Accademia Americana della Pediatria ha raccomandato che le donne di cui gli infanti erano al rischio aumentato di allergie basate sopra storia della famiglia studiassero la possibilità di evitare i prodotti dell'arachide mentre incinte e di allattare. Tuttavia, la raccomandazione era nel 2008 ritirato dovuto prova scientifica limitata di supportarla. Il Consorzio della Ricerca di Allergia Alimentare (CoFAR), che ha ricevuto appena una concessione rinnovata $29,9 milioni dagli Istituti della Sanità Nazionali, sta intraprendendo questi studi in corso e d'osservazione per contribuire meglio a capire i fattori di rischio dietro l'allergia di sviluppo dell'arachide di un bambino come pure le allergie per mungere ed egg. Il Consorzio egualmente sta studiando i trattamenti novelli per le allergie alimentari.

Gli autori avvertono che lo studio presenta le limitazioni, compreso il ricorso alla auto-segnalazione delle abitudini dietetiche fra le donne incinte. D'importanza, lo studio finora ha indicato soltanto un rischio aumentato per i risultati dei test positivi di allergia all'arachide.

Malgrado le sue limitazioni, lo studio ha identificato un fattore di rischio potenziale che, se verificato, potesse presentare un'opportunità per riduzione di rischio. Gli autori concludono quello gestito, studi interventional dovrebbero essere condotti per esplorare questi risultati più ulteriormente.

“L'allergia dell'Arachide è grave, solitamente persistente, potenzialmente mortale e sembra aumentare di prevalenza,„ ha detto il Dott. Sicherer. “Il Nostro studio è un punto importante verso identificare le misure preventive che, se verificato, può contribuire a diminuire l'impatto dell'allergia dell'arachide.„

Sorgente: http://www.mountsinai.org/