Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La singola iniezione di morfina per combattere il dolore persistente diminuisce il testoterone livellato: Ricerca

Una singola iniezione di morfina per combattere il dolore persistente in ratti maschii può diminuire forte il testoterone dell'ormone nel cervello e nel plasma, secondo un nuovo documento pubblicato nel dolore molecolare. Lo studio, piombo da Anna Maria Aloisi, M.D., del dipartimento di fisiologia - la sezione della neuroscienza e della fisiologia applicata all'università di Siena, di Italia, di istituto di Sbarro per ricerca sul cancro e medicina molecolare alla Temple University in Filadelfia, di università di Siena e delle fondamenta di sanità in Spoleto, Italia, ha indicato che gli opioidi hanno avuti “effetti genomica duraturi nelle aree dell'organismo quale contribuiscono a forte centrale ed il testoterone periferico livella„ compreso il cervello, il fegato ed il testicolo.

Lo studio ha mostrato gli aumenti in aromatase, un enzima che è responsabile di un punto chiave nella biosintesi di estrogeno. I risultati sono particolarmente importanti poiché il testoterone è il substrato principale del aromatase, che è compreso nella formazione di estradiolo. Sia il testoterone che l'estradiolo sono ormoni importanti, impegnati nelle funzioni conoscitive come pure nell'umore, nel controllo di motore ed in molte altre funzioni, come ricostruzione della struttura dell'osso.

“Il nostro laboratorio è stato interessato in ormoni gonadici parecchi anni fa quando è stato evidente che c'erano molte differenze nelle sindromi di dolore fra i sessi,„ dice il Dott. Aloisi. “Nell'esame delle differenze, era immediatamente evidente che questi cambiamenti sono stati introdotti dai trattamenti differenti, opioidi in particolare.„

“I risultati della ricerca sono molto pertinenti alla gestione dei pazienti con dolore cronico,„ ha detto Marco Pappagallo, M.D., professore e Direttore di ricerca e sviluppo di dolore, dipartimento di anestesiologia, la scuola di medicina di monte Sinai, New York, NY. “Oggi, i medici di pronto intervento, gli specialisti di dolore e vari professionisti di sanità sono chiesti non solo di trattare il dolore ma come gestire gli effetti collaterali dei farmaci e tentare d'ottenere la cura ed il benessere completi migliori dei pazienti che avvertono il dolore cronico. Il ipogonadismo indotto opioide può causare le complicazioni di salubrità a cui i pazienti con dolore possono essere eccessivamente suscettibili, compreso fatica cronica, perdita di vigore, perturbazioni emozionali e sessuali, pure complicazioni scheletriche e muscolari dolorose.„

È stato conosciuto che i pazienti hanno trattato con gli opioidi in breve o i lungi periodi mostrano i bassi livelli di ormoni gonadici. Il ipogonadismo già è stato descritto negli utenti dell'opioide e si è applicato ai pazienti di dolore come OPIAD (carenza dell'androgeno indotta opioide). Egualmente è conosciuto che i pazienti hanno trattato con gli opioidi, compreso le più nuove droghe (fentalyl, tramadolo) hanno un'alta probabilità da essere hypogonadic, con i sintomi della menopausa che accadono nelle donne ed i sintomi andropausal negli uomini.

“L'uso degli opioidi mette un blocco “fisiologico„ sul sistema riproduttivo e può indurre un'assenza duratura di questi ormoni essenziali dal sangue ed il cervello,„ dice il Dott. Aloisi. “L'effetto normale degli opioidi per limitare la riproduzione negli oggetti sollecitati è moltiplicato per la durata lunga dei livelli elevati degli opioidi nell'organismo.„

“Finché alcuni anni fa questa circostanza non sia completamente non riconosciuta dai medici sebbene alcuni rapporti la mostrino chiaramente in molti generi di pazienti,„ nota il Dott. Aloisi. “Oggi rimane una certa ignoranza su questa circostanza ma gli ormoni gonadici sono citati più comunemente come responsabili di molte patologie degeneranti croniche.„

Malgrado gli effetti secondari degli opioidi, Antonio Giordano, M.D., il Ph.D., Direttore dell'istituto di Sbarro per ricerca sul cancro e medicina molecolare, avverte che il messaggio dello studio non è destinato per limitare l'uso degli opioidi per dolore. Invece, suggerisce che medici se “prenda in considerazione questo effetto secondario, poiché è terapie di sostituzione di ormone molto facili da trovare. Facendo uso di HRTs, i pazienti possono ottenere il sollievo dal loro dolore e migliorano la loro qualità di vita.„