Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il giornale del morbo di Alzheimer evidenzia gli ultimi studi scientifici dell'ANNUNCIO

Un supplemento al giornale del morbo di Alzheimer “sugli anestetici e del morbo di Alzheimer„ fornisce la piattaforma per portare gli ultimi studi scientifici alla ricerca dell'ANNUNCIO ed alle comunità cliniche.  Il Dott. principale Pravat K Mandal degli editori di ospite e dello scienziato dal centro di ricerca nazionale del cervello, da un centro della neuroscienza della classe del mondo situato in India e dal Dott. Vincenzo Fodale dall'università di Messina, Italia, un'università riconosciuta globalmente per la ricerca avanzata, ha riunito gli ultimi risultati della ricerca dagli scienziati, dai neurologi, dai medici, dai neuropsicologi e dagli anestesisti sui vari aspetti della patofisiologia dell'ANNUNCIO e del ruolo degli anestetici come fattore di rischio possibile.

Sta coltivando la preoccupazione globale per quanto riguarda la neurotossicità potenziale degli anestetici. Gli studi di modello biofisici ed animali hanno identificato i cambiamenti molecolari che simulano la patologia (AD) del morbo di Alzheimer dopo l'esposizione agli anestetici inalati.  Questa ricerca ha avvisato gli anestesisti, i neuropsicologi, i chirurghi ed altri clinici per iniziare la ricerca clinica approfondita sul ruolo degli anestetici nel declino conoscitivo operativo del paletto.

L'ANNUNCIO è una malattia devastante trovata comunemente in persone anziane ed in un problema sanitario enorme del mondo.  È manifestato da perdita di memoria severa, dai problemi di linguaggio, dalle attività decisionali e commoventi alterate di vita quotidiana. La popolazione umana sta invecchiando con l'aumento nella speranza di vita. Di conseguenza, siamo confrontati con gli aumenti nel numero delle persone a rischio dell'ANNUNCIO di sviluppo ed anche nel numero degli anziani che subiscono le procedure chirurgiche. Qualunque associazione possibile fra i due quindi merita l'attenta riflessione.

In assenza di singolo modello eziologico coerente per spiegare la causa dell'ANNUNCIO o di efficace trattamento, una parte coerente del finanziamento per la ricerca in ANNUNCIO corrente è puntata su che identifica i fattori di rischio come pure che ritarda le manifestazioni cliniche della malattia. La ricerca recente ha messo a fuoco su riduzione dell'incidenza di malattia attraverso l'identificazione dei fattori di rischio. In questo contesto il problema dell'associazione fra l'ANNUNCIO e l'anestesia è stato sollevato ancora.

Un supplemento al giornale del morbo di Alzheimer “sugli anestetici e del morbo di Alzheimer„ fornisce la piattaforma per portare gli ultimi studi scientifici alla ricerca dell'ANNUNCIO ed alle comunità cliniche.  Il Dott. principale Pravat K Mandal degli editori di ospite e dello scienziato dal centro di ricerca nazionale del cervello, da un centro della neuroscienza della classe del mondo situato in India e dal Dott. Vincenzo Fodale dall'università di Messina, Italia, un'università riconosciuta globalmente per la ricerca avanzata, ha riunito gli ultimi risultati della ricerca dagli scienziati, dai neurologi, dai medici, dai neuropsicologi e dagli anestesisti sui vari aspetti della patofisiologia dell'ANNUNCIO e del ruolo degli anestetici come fattore di rischio possibile. 

 I punti culminanti del numero speciale sono: 

  • Patologia cellulare e molecolare in ANNUNCIO
  •  Influenza della dimensione anestetica su oligomerizzazione di Aβ stabilita facendo uso della tecnica spettroscopica RMN avanzata (un contributo fondamentale in questo campo di ricerca)
  • La prova dagli studi animali del modello che indicano la più formazione di placche in mouse transgenici trattati con gli anestetici inalati gradisce il halothane o il isoflurane
  •  Associazione fra danno dei neuroni colinergici ed i deficit conoscitivi nei pazienti dell'ANNUNCIO; ed il ruolo possibile degli anestetici nella disfunzione colinergica
  • Eziologia multifattoriale, compreso il tipo di anestesia, il genotipo del apolipoprotein E e la presenza di disordini co-morbosi, nello sviluppo del declino conoscitivo postoperatorio a lungo termine
  • Anestesia in pazienti con demenza; antecedenti clinici considerevoli e gestione dei rischi peri-operativa in ANNUNCIO

Editori di ospite DRS. Mandal e Fodale hanno sottolineato che “questo numero speciale è una pietra angolare nello sforzo per aggiornare e chiarire i legami possibili fra gli anestetici comuni dati a milioni di pazienti ogni giorno e il pathomechanism dell'ANNUNCIO, così il contributo ad un dibattito costruttivo in corso.  Gli editori del supplemento non intendono generare “un timore dell'anestesia„ che potrebbe piombo al rifiuto irrazionale di chirurgia nella vita più tarda, ma sperano di incoraggiare la ricerca seria per “l'anestetico sicuro„ per gli anziani e la più ricerca è autorizzata.„

Il Dott. Mandal ha specificato che “la pubblicazione di questa emissione è più tempestiva ed aggiungerà il valore, la profondità e l'avanzamento alla conoscenza scientifica corrente in questa area.„

Source:

National Brain Research Centre