Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il Nuovo meccanismo rompe la farmacoresistenza nel cancro ovarico

La Nuova ricerca dall'Istituto Centenario trova una nuova via di morte che può rompere la resistenza

La Farmacoresistenza è un ostacolo importante nella cura del cancro ovarico ma la nuova ricerca dall'Istituto Centenario ha scoperto un trattamento che uccide le cellule tumorali ovariche in un nuovo modo che può rompere il meccanismo della resistenza. Pubblicato oggi in Autophagy, i ricercatori hanno trovato che la droga (FTY720) ha avuta un effetto potente in cellule tumorali ovariche umane, anche in quelli resistenti al cisplatin, la droga chemioterapeutica più comunemente usata attualmente disponibile per il trattamento di cancro ovarico.

L'Unità Di Elaborazione Xia Centenaria di Professore Associato della Testa di Trasduzione del Segnale dell'Istituto ha descritto i risultati come innovazione nel trattamento del cancro ovarico perché, FTY720 uccide le cellule tumorali ovariche con un modo unico differente alle droghe anticancro correnti. I trattamenti Correnti, quale il cisplatin, uccidono le cellule tumorali ovariche con un modo di programmazione della morte delle cellule conosciuta come il apoptosis ma questo è spesso reversibile o demolito dalle cellule tumorali. Tuttavia, FTY720 uccide le celle con un trattamento irreversibile conosciuto come necrosi in modo dalle cellule tumorali non possono resistere a, riparare e ricadere.

Ogni anno, intorno 800 donne Australiane muoiono da cancer1 ovarico ed il cancro ovarico rimane la causa della morte principale in donne con le malignità ginecologiche sopra il mondo.

Il Dott. Xia ha detto: “Una delle ragioni principali per così risultato difficile di cancro ovarico è che le cellule tumorali hanno una capacità di resistere alle droghe chemioterapeutiche correnti tramite un carter protettivo, che si presenta naturalmente o come risposta al trattamento e questo sopravvive al cancro dal trattamento. Così carter protettivo, scoperto dai risultati dal laboratorio di Xia, è costruito, almeno parzialmente, su un trattamento catabolico, chiamato autophagy, tramite cui le celle mangiano le loro proprie componenti non vitali per la sopravvivenza nei termini di sforzo quali inedia o la chemioterapia. Notevolmente, malgrado questo trattamento di sopravvivenza che è attivato dalle cellule tumorali ovariche durante il trattamento, FTY720 è ancora capace di uccisione loro efficacemente.

Mentre questa ricerca è un primo punto importante verso sviluppare un trattamento più efficace per cancro ovarico, i ricercatori reclamano più preclinico ed i test clinici sono necessari prima che la droga potrebbe essere utilizzata in donne con cancro ovarico. Tuttavia, i ricercatori sono ottimisti che il trattamento sarebbe disponibile come nuovo agente chemioterapeutico nei parecchi anni successivi, perché questa droga è stata approvata dagli STATI UNITI Food and Drug Administration (FDA) per uso nel trattamento della sclerosi a placche ed egualmente è utilizzata nei test clinici multipli per la prevenzione del rifiuto del trapianto di organi ed il trattamento di varie malattie autoimmuni. Gli studi Recenti egualmente hanno indicato l'efficacia antitumorale in parecchi tipi di cancri ma questo è la prima volta è stato studiato per il trattamento di cancro ovarico.

Sorgente: Istituto Centenario