Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I sottotipi di Medulloblastoma sono malattie separate con differenti origini

Lo sforzo Internazionale piombo dagli scienziati dell'Ospedale della Ricerca dei Bambini della St Jude si pensa che per rifornire lo sviluppo di combustibile delle terapie mirate a ed aiuti la ricerca delle combinazioni uniche di celle e di mutazioni che piombo ad altri cancri

 I Ricercatori hanno dimostrato per la prima volta che il tumore cerebrale di infanzia maligno più comune, medulloblastoma, è realmente varie malattie, ciascuna che risulta dalle celle distinte destinate per trasformarsi in in strutture differenti. L'innovazione si pensa che drammaticamente alteri la diagnosi ed il trattamento di questo cancro principale di infanzia.

I ricercatori dell'Ospedale della Ricerca dei Bambini della St Jude piombo lo sforzo internazionale, che conferma che determinati tumori cerebrali e possibilmente altri cancri considerare come la stessa malattia; sono in effetti le malattie separate con differenti origini. L'individuazione supporta la credenza che i tumori probabilmente avranno bisogno delle terapie differenti. Lo studio, che gli scienziati implicati a sette istituzioni negli Stati Uniti, Giappone e Gran Bretagna, sembra nell'edizione online in anticipo dell'8 dicembre della Natura del giornale.

“Dieci anni fa di medulloblastoma è stato considerato una singola malattia e tutti i bambini con questo tumore cerebrale hanno ottenuto lo stesso trattamento. Questo studio indica chiaramente che ci sono sottotipi distinti di questo cancro che vengono dalla cella unicamente suscettibile digitano dentro il cervello che acquista le mutazioni specifiche,„ hanno detto Richard Gilbertson, M.D., Ph.D., l'autore senior dello studio e un membro dei dipartimenti della St Jude della Neurobiologia e dell'Oncologia Inerenti Allo Sviluppo. “Questi risultati permetteranno che noi miglioriamo il modello l'eterogeneità vediamo nella clinica ed avanzare verso la progettazione delle terapie dirette per ogni sottotipo del tumore.„

Le configurazioni di ricerca su opera pubblicata all'inizio di quest'anno in Natura da Gilbertson che e dai suoi colleghi. Quella ricerca ha utilizzato lo stesso metodo per mostrare i simili meccanismi sul lavoro nella generazione dei sottotipi di ependimoma, del terzo la maggior parte del tumore cerebrale comune in bambini e del tumore spinale adulto più comune.

L'approccio in entrambe le indagini ha mappato l'espressione genica per paragonare le celle nel sistema nervoso normale alle celle nei sottotipi differenti dei tumori cerebrali. Lo scopo era di identificare le origini specifiche dei sottotipi differenti di tumore cerebrale.

L'ultimo studio ha messo a fuoco sul senz'ali (WNT) ed i sottotipi sonici dell'istrice (ZITTO) del medulloblastoma, che rappresentano insieme circa 40 per cento dei 400 tumori stimati di medulloblastoma hanno diagnosticato annualmente nei bambini e negli adolescenti degli Stati Uniti. I sottotipi sono nominati per i tumori in particolare anormalmente attivati biochimici di vie.

I Ricercatori hanno usato l'espressione genica che mappano per smascherare un insieme delle celle nel tronco cerebrale come la sorgente possibile del medulloblastoma di WNT-sottotipo. Le celle precedentemente non erano state collegate a cancro. Le celle egualmente sono situate sotto ed oltre al cervelletto. Nel Passato, questa struttura del cervello era probabilmente la sorgente di tutti i medulloblastomas.

Poiché le mutazioni nei geni CTNNB1 si presentano specificamente in pazienti con il medulloblastoma di WNT-sottotipo, i ricercatori hanno subito una mutazione il gene CTNNB1 in queste stesse celle nel tronco cerebrale di sviluppo del mouse. Dall'età di 6 mesi, circa 20 per cento di quei mouse hanno sviluppato i medulloblastomas che hanno imitato l'anatomia, l'istologia e la genetica del medulloblastoma umano di WNT-sottotipo.

Amar Gajjar, M.D., co-presidente del Dipartimento della St Jude dell'Oncologia, ha detto che il modello del mouse faciliterà lo sviluppo del romanzo, terapie meno tossiche per i bambini. È co-author dello studio.

La ricerca Più Iniziale ha rintracciato l'origine del medulloblastoma di Zitto-sottotipo ad un sottoinsieme delle celle conosciute come le celle del precursore del neurone del granulo destinate per trasformarsi in in parte del cervelletto. In questo studio, Gilbertson ed i colleghi indicano che la sovraespressione di CTNNB1 in quelle celle del granulo del precursore non ha impatto sul cervelletto di sviluppo del mouse e non non piombo al medulloblastoma.

Gli ultimi risultati suggeriscono medulloblastoma di WNT-sottotipo cominci in un sottoinsieme delle celle che diventano celle muscose della fibra nel tronco cerebrale adulto, ma Gilbertson ha detto che la ricerca supplementare è necessaria confermare l'osservazione. Lo studio egualmente indica la perdita del gene soppressore del tumore p53 e possibilmente del gene soppressore del tumore TULP4 come rifornimento dello sviluppo di combustibile del tumore di WNT-sottotipo.

Gilbertson piombo il gruppo che nel 2006 ha mostrato che il medulloblastoma potrebbe essere categorizzato ha basato sopra se il WNT, ZITTO o un'altra via biochimica è stata attivata anormalmente. I Ricercatori hanno continuato a dimostrare che i WNT e ZITTO sottotipi egualmente sembrano differenti sotto il microscopio, mirano ai pazienti delle età differenti ed hanno risultati differenti. ZITTO il sottotipo tende a sorgere molto in bambini piccoli. Circa 80 per cento stanno bene ai superstiti a lungo termine. Il sottotipo di WNT solitamente direzione gli adolescenti più anziani ed è considerato curabile in tutti i casi.

Gilbertson ha detto questi ultimi risultati indicano che i pazienti con i tumori di WNT-sottotipo potrebbero essere candidati per la terapia meno intensiva e così meno probabili da soffrire gli effetti secondari del trattamento a lungo termine. Il trattamento di Medulloblastoma comprende la chirurgia, la radiazione e la chemioterapia.

Sorgente: Ospedale della Ricerca dei Bambini della St Jude