Il preliminare deriva dalla prova di fase 1b/2a del ibudilast di MediciNova nelle persone dedite dell'opioide annunciate

I ricercatori di tossicodipendenza con le nomine unite al centro medico di Columbia University e New York indicano l'istituto psichiatrico (NYSPI) con MediciNova l'inc, una società biofarmaceutica commerciale pubblicamente sul servizio globale del Nasdaq (Nasdaq: MNOV) ed il servizio di Jasdaq del Osaka Securities Exchange (numero di codice: 4875), oggi riferito i risultati preliminari del candidato neurologico della droga della società, ibudilast (MN-166/AV411), in una prova di fase 1b/2a nelle persone dedite dell'opioide. Lo studio in gran parte è stato costituito un fondo per dall'istituto nazionale su abuso di droga (NIDA) con il completamento di MediciNova.

La prova piombo da chi arriva, dal Ph.D., da professore della neurobiologia clinica e dai colleghi di Sandra, compreso il bottaio di Ziva, Ph.D., assistente universitario della neurobiologia clinica; ricercatori clinici stabiliti di ricerca nel trattamento di tossicodipendenza. Per questi 21 il giorno, il ricoverato, la prova alla cieca, a studio controllato a placebo, 30 volontari eroina-dipendenti è stato iscritto e mantenuto stato su morfina orale per i primi 14 giorni. Nella prima settimana, tutti gli oggetti hanno ricevuto il placebo ed il giorno 8, i partecipanti sono stati ripartiti con scelta casuale per continuare il placebo (p), la dose bassa (L; 20 mg due volte al giorno (40 mg/giorno)), o dose elevata (H; 40 mg due volte al giorno (80 mg/giorno)) ibudilast. I dati sono stati analizzati da 10 oggetti che completano ogni braccio del trattamento. Nella terza settimana, la morfina più non è stata amministrata tali che i fenomeni di ritiro durante la disintossicazione potrebbero essere riflessi. I punti finali primari erano la sicurezza/tollerabilità ed i cambiamenti nel ritiro soggettivo totale dell'opioide sottopongono a operazioni di disgaggio (SOWS) il punteggio. I punti finali secondari hanno incluso altri disgaggi di ritiro ed analgesia e misure fisiologiche. Gli indicatori di analgesia o di tolleranza alterata (effetti diminuiti dell'opioide con esposizione della morfina di ripetizione) sono stati valutati nelle sessioni del laboratorio con l'amministrazione di oxycodone e l'immersione dell'acqua fredda della mano seguita dai punti finali obiettivi e soggettivi di dolore.

Analisi di dati preliminari da DRS. Chi arriva ed il bottaio hanno indicato che il ibudilast era sicuro e ben-tollerato in tutti gli oggetti e che determinati punti finali hanno rivelato l'efficacia del ibudilast. Le classificazioni sul disgaggio soggettivo di ritiro dell'opioide, il punto finale primario della prova, erano più alte durante la terza settimana (giorni 15-21) riguardante le prime due settimane in P e nella L gruppi (P inferiore o uguale a 0,05), ma non nel gruppo di H. da diminuzioni indotte Oxycodone nelle classificazioni soggettive di dolore, una misura di analgesia, erano più basse durante la seconda settimana riguardante la prima settimana nel gruppo di H (P inferiore o uguale a 0,01). Similmente, la tolleranza è stata osservata agli effetti fisiologici del oxycodone nel gruppo di P con dal il miosis indotto oxycodone in diminuzione durante la seconda settimana riguardante la prima settimana e dal al miosis indotto oxycodone aumentato nei gruppi di H e di L durante la seconda settimana (P inferiore o uguale a 0,05). Il Dott. Comer ha concluso, “il trattamento del ibudilast è sembrato diminuzione della dose-dipendente i sintomi soggettivi di ritiro dell'opioide e sembra invertire la tolleranza agli effetti fisiologici e e soggettivi opioide-suscitati dell'analgesico.„

“Siamo soddisfatti con il completamento di questa prova del punto di riferimento e siamo eccitati con i risultati preliminari e le loro implicazioni per più vasta utilità di ibudilast,„ ha detto Yuichi Iwaki, il Ph.D. di M.D., il direttore generale di MediciNova. Kirk Johnson, Ph.D, l'ufficiale scientifico principale di MediciNova aggiunto, “questi risultati ad una da una prova controllata ben è il primo per dimostrare l'utilità potenziale di un modulatore glial come ibudilast, con il fattore inibitorio di migrazione del macrofago (MIF) e (PDE) gli atti d'inibizione, per potenzialmente il trattamento la dipendenza e del dolore dell'opioide in esseri umani. Inoltre, il risultato positivo della nostra collaborazione con Columbia/NYSPI e NIDA accoppiati con le prove società-patrocinate in cui il ibudilast è stato la sicurezza dosato fino a 100 mg/giorno preannuncia bene per lo sviluppo esplorativo in corso della droga„. 

Ibudilast è stato utilizzato nei disordini del post-colpo e di asma nel Giappone per quasi 20 anni ed egualmente è stato utilizzato alle dosi elevate con i risultati incoraggianti nei test clinici MediciNova-patrocinati nella sclerosi a placche e nel dolore neuropatico. La progettazione di prova di collaborazione fra gli esperti nella ricerca di tossicodipendenza alle organizzazioni come Columbia/NYSPI ed il UCLA piombo alle indagini precliniche e cliniche NIDA-di supporto per sia l'opioide che la dipendenza della metamfetamina. L'abuso di queste droghe continua ad essere una preoccupazione significativa di salute pubblica ed il trattamento farmacologico è un bisogno clinico insoddisfatto. Poichè non ci sono droghe dell'non opioide approvate per il trattamento di dipendenza agli opioidi o alla metamfetamina, il ibudilast è uno dei pochi trattamenti conosciuti di nuovo-approccio che sono studiati clinicamente.  

Source:

 MediciNova, Inc.