Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: La Chemioterapia può migliorare il tasso di sopravvivenza in adolescenti più anziani con la leucemia

La Ricerca piombo dai ricercatori dell'Ospedale della Ricerca dei Bambini-s della St Jude probabilmente urterà come la leucemia linfoblastica acuta è trattata in giovani adulti e la più vecchia età adolescente di manifestazioni non detta i risultati peggiori contro il cancro di infanzia più comune.

La chemioterapia Più efficace di rischio-regolato ed il video paziente specializzato hanno aiutato le tariffe della maturazione di spinta a quasi 88 per cento per gli adolescenti più anziani iscritti ad un tipo di terapia acuto di leucemia linfoblastica dell'Ospedale della Ricerca dei Bambini (ALL) della St Jude e chiusi la differenza di sopravvivenza fra i pazienti più anziani e più giovani che combattono il cancro di infanzia più comune.

Un rapporto online nell'edizione del 20 dicembre del Giornale dell'Oncologia Clinica ha notato che la sopravvivenza globale ha saltato 30 per cento nell'era del trattamento più recente per TUTTI I pazienti che erano le età da 15 a 18 quando il loro cancro è stato trovato.

Lo studio ha paragonato la sopravvivenza a lungo termine dei pazienti curati fra 2000 e 2007 in un protocollo progettato dai ricercatori della St Jude a quelle iscritte ai protocolli più iniziali della St Jude. Circa 59 per cento dei pazienti più anziani curati fra 1991 e 1999 sono stati fatti maturare, rispetto a più di 88 per cento delle età da 1 a 14 dei bambini trattati durante lo stesso periodo. Ma la sopravvivenza globale per i pazienti più anziani è aumentato a quasi 88 per cento fra 2000 e 2007, quando la sopravvivenza a lungo termine di più giovani pazienti è salito a circa 94 per cento. Nazionalmente, circa 61 per cento di TUTTA L'età 15 - 19 dei pazienti trattati fra 2000 e 2004 era cinque anni ancora vivi più successivamente.

Non solo più pazienti nell'era recente del trattamento sono sopravvissuto a, ma Ching-Hon Pui, M.D., presidenza del Dipartimento della St Jude dell'Oncologia e l'autore principale del documento, ha detto che sono egualmente meno probabili soffrire gli effetti recenti seri del trattamento, compreso i secondi cancri e la sterilità. Quello è perché il regime, conosciuto come ricorso drammaticamente diminuita di Totali XV, eliminata o alle droghe connesse con quegli effetti secondari.

Il protocollo egualmente ha sostituito la radiazione del cervello con la chemioterapia come strategia per impedire la ricaduta nel sistema nervoso centrale e per la diminuzione del rischio di problemi neuro-conoscitivi successivi. Nessuno degli adolescenti hanno sofferto le ricadute del sistema nervoso centrale. “Non solo abbiaci ha aumentato la tariffa della maturazione, ma egualmente abbiamo migliorato la qualità di vita a lungo termine per i nostri pazienti,„ Pui ha detto.

Storicamente, le persone che sviluppano TUTTI dopo che l'età 14 era meno probabile sopravvivere alla loro malattia di più giovani pazienti. Gli adolescenti Più Anziani sono più probabili avere sottotipi ad alto rischio della malattia, le loro cellule tumorali sono più probabili essere resistenti alle droghe anticancro correnti e tendono ad avere più tossicità dalla terapia. “La sfida è di ottenere gli adolescenti sulla giusta quantità di droga mentre evita la tossicità. Nel Totale XV sembriamo stendere il bilancio giusto,„ ha detto Maria Relling, Pharm.D., presidenza del Dipartimento Farmaceutico di Scienze della St Jude e co-author della ricerca.

I risultati vengono in mezzo di prova crescente che gli adolescenti ed i giovani adulti con TUTTI migliorano una volta trattati su pediatrico piuttosto che i protocolli adulti. “Ci sono molti dati per mostrare che i giovani adulti con INTERAMENTE trattato sui protocolli pediatrici hanno meno ricadute che i simili pazienti curati sui protocolli adulti di leucemia,„ Relling hanno detto. Ha notato che questi risultati indicano che TUTTI I pazienti nel loro 20s e 30s potrebbero trarre giovamento dall'aggiunta il methotrexate e del asparaginase della alto-dose al trattamento. Entrambe Le droghe bloccano la proliferazione delle cellule tumorali. Non sono ampiamente usate nel trattamento del cancro adulto, in parte perché l'età aumentata è associata con più complicazioni. Pui ha detto che il Totale XV egualmente ha dimostrato la vasta maggioranza degli adolescenti più anziani può essere fatto maturare senza subire un trapianto del midollo osseo. “Questa lezione dovrebbe essere estendere ai giovani adulti,„ ha aggiunto.

Il Totale XV ha compreso parecchie innovazioni del trattamento, compreso maggior uso del methotrexate e del asparaginase endovenosi mirati a della alto-dose per i pazienti più anziani. Lo studio ha incluso 45 adolescenti più anziani e 453 più giovani pazienti. Quarantaquattro pazienti più anziani e 403 più giovani curati negli studi più iniziali egualmente sono stati inclusi in questo rapporto.

Pui ha detto che le compliance egualmente sono state riflesse molto attentamente. Le analisi del sangue contribuite per non identificare i pazienti con molto in basso o quantità rilevabile del mercaptopurine della droga, un segno la droga non stavano catturande come dirette. Pui ha detto che i livelli dell'agente della chemioterapia sono aumentato dopo che i pazienti e le famiglie sono stati ricordati a di importanza di aderenza rigorosa del trattamento.

Per la prima volta, la risposta iniziale di un paziente al trattamento è stata usata per guidare la cura in corso. La tecnica è stata aperta la strada a alla St Jude e comprende misurare le cellule tumorali o la malattia residua minima (MRD) che hanno sopravvissuto alla terapia iniziale. “La selezione di MRD ha permesso che noi catturassimo i pazienti che precedentemente non sarebbero stati identificati come radar-risponditore poveri alla terapia e curarli più intensivamente,„ Pui ha detto.

Sorgente: Ospedale della Ricerca dei Bambini della St Jude