Gli scienziati di Yale University sintetizzano il lomaiviticin che sembra distruggere le cellule staminali del cancro

Un gruppo degli scienziati di Yale University ha sintetizzato per la prima volta un composto chimico chiamato aglycon di lomaiviticin, piombo allo sviluppo di nuova classe di molecole che sembrano mirare e distruggere alle cellule staminali del cancro.

I chimici universalmente si sono interessati ai beni anticancro potenziali dei lomaiviticin dalla sua scoperta nel 2001. Ma finora, hanno non potuti ottenere le quantità significative del composto, che è prodotto da un batterio marino raro che non può essere persuaso facilmente nella creazione della molecola. Per la decade passata, i gruppi differenti intorno al mondo stanno provando invece a sintetizzare il composto naturale in laboratorio, ma senza successo.

Ora un gruppo a Yale, piombo dal chimico Seth Herzon, è riuscito a creare per la prima volta il aglycon di lomaiviticin, aprendo i nuovi viali di prospezione nelle chemioterapie novelle che potrebbero mirare alle cellule staminali del cancro, probabilmente i precursori ai tumori in una serie di cancri differenti compreso ovarico, cervello, polmone, prostata e leucemia. La loro scoperta compare oggi online nel giornale della società di prodotto chimico americano.

“Circa tre quarti degli agenti anticancro è derivato dai prodotti naturali, così ci sono stati mucchi di lavoro in questa area,„ Herzon ha detto. “Ma questo composto è strutturalmente molto differente da altri prodotti naturali, che lo hanno reso estremamente difficile sintetizzare in laboratorio.„

Oltre al aglycon di lomaiviticin, il gruppo di Herzon egualmente ha creato le più piccole, simili molecole che hanno provato estremamente efficace nell'uccisione delle cellule staminali ovariche, ha detto il MOR di Gil, M.D., un ricercatore alla scuola di medicina di Yale che sta collaborando con Herzon per verificare la nuova classe di potenziale delle molecole come cancro terapeutico.

Gli scienziati sono eccitati specialmente circa i aglycon di lomaiviticin potenziali per uccidere le cellule staminali del cancro ovarico perché la malattia è notoriamente resistente a Taxol ed al carboplatino, due della chemioterapia più comune droga. “Il cancro ovarico ha un tasso alto di ricorrenza e dopo avere usando la chemioterapia per combattere la prima volta il tumore, siete lasciato con le celle resistenti del tumore che tendono a continuare ritornare,„ MOR spiegato. “Se potete uccidere le cellule staminali prima che abbiano la probabilità formare un tumore, il paziente avrà una possibilità di sopravvivenza molto migliore - e ci non sono molte terapie potenziali là fuori che mirino alle cellule staminali del cancro ora.„

Il gruppo di Herzon, che è riuscito a sintetizzare la molecola ad appena 11 punto a partire dalle particelle elementari chimiche di base, sta lavorando al problema dal 2008 ed ha speso più di un anno su appena un punto del trattamento che comprende la creazione di un'obbligazione del carbonio-carbonio. Era un risultato che molti ricercatori hanno reputato impossibili, ma mentre altri provati per lavorare intorno a dovere creare quell'obbligazione usando altre tecniche, il ripagato della persistenza del gruppo.

“Molti sangue, sudore e strappi sono entrato in creazione della quell'obbligazione,„ Herzon ha detto. “Dopo il quel, il resto del trattamento era relativamente facile.„

Dopo, il gruppo continuerà ad analizzare il composto per capire meglio che cosa sta accadendo alle cellule staminali al livello molecolare. Il gruppo spera di cominciare a provare i composti in animali presto.

“Questo è un grande esempio della sinergia fra chimica di base e le scienze applicate,„ Herzon ha detto. “Il nostro scopo originale della sintetizzazione del questo prodotto naturale piombo noi nelle assolutamente nuove direzioni che potrebbero avere vasti impatti nella medicina umana.„