Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo studio identifica il botulismo ricorrente della ferita fra i tossicodipendenti dell'iniezione

Il botulismo è una malattia rara e un botulismo ricorrente ancor più rari. Tuttavia, nella California, il botulismo ricorrente della ferita fra i tossicodipendenti dell'iniezione è stato sull'aumento e compone tre quarti delle casse riferite negli Stati Uniti. Un nuovo studio pubblicato nelle malattie infettive cliniche ed in online attualmente disponibile (http://cid.oxfordjournals.org/content/early/2011/02/07/cid.cir005.full) esamina questo problema.

Dal 1993 al 2006, 17 tossicodipendenti dell'iniezione sono stati identificati all'interno del sistema di sorveglianza del ministero della California della salute pubblica per avere botulismo ricorrente della ferita. I sintomi clinici hanno variato dalla paralisi acuta a discorso slurred alla difficoltà che inghiotte ed almeno un caso di botulismo della ferita per ogni paziente era laboratorio confermato. Di quelli, 14 hanno avuti una ricorrenza e tre hanno avuti due episodi ricorrenti. Tutti pazienti hanno riferito l'uso dell'eroina, con 88 per cento specificamente che riferiscono l'uso nero dell'eroina del catrame.

“I casi ricorrenti suggeriscono che l'esposizione a botulismo dovuto uso della droga dell'iniezione non provochi l'immunità protettiva,„ secondo lo studio l'autore Duc Vugia, MD, del ministero della California della salute pubblica. “Di conseguenza, sia i clinici che i tossicodipendenti dell'iniezione dovrebbero essere informati del potenziale affinchè il botulismo della ferita ricorrano con uso continuato della droga dell'iniezione tenere conto la diagnosi tempestiva e l'amministrazione in anticipo del trattamento appropriato.„

Il Dott. Vugia aggiunto, “se queste esperienze vicine di morte non cambiano il comportamento fra questi tossicodipendenti dell'iniezione e se la malattia severa dall'esposizione a botulismo non fa confer immunità, botulismo ricorrente della ferita continuerà ad accadere ed aggiungere al carico di sanità. Gli sforzi continuati per diminuire l'uso della droga dell'iniezione e per istruire gli utenti correnti sui rischi contagiosi connessi con uso della droga illecita sono determinanti per il miglioramento della salubrità della popolazione di uso della droga dell'iniezione.„