Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il vertice annuncia i risultati provvisori positivi dallo studio di fase 2 del telaprevir in pazienti con HCV, HIV

Prodotti farmaceutici di vertice incorporati (Nasdaq: Risultati provvisori oggi annunciati di VRTX) da un in corso, in due parti (telaprevir di valutazione di studio di A e di B), di fase 2 congiuntamente ad pegylated-interferone e ribavirina hanno confrontato ad pegylated-interferone ed a ribavirina da solo nella gente che è infettata con sia il virus dell'epatite C che il virus dell'immunodeficienza umana (HCV) di genotipo 1 (HIV), anche conosciuta come l'co-infezione di HCV-HIV. Tutta la gente in questo studio era nuova al trattamento di epatite virale C. La parte A Dello studio sta valutando il telaprevir nella gente che corrente non sta curanda con la terapia del antiretroviral (ART) per infezione HIV. La parte B Dello studio sta valutando il telaprevir nella gente che riceve Atripla® o ad un regime® basato Reyataz per il HIV. Questi regimi iniziali del HIV sono stati selezionati in base alle linee guida ed ai dati correnti del trattamento del HIV a partire dagli studi di interazione della droga droga su telaprevir e sulle medicine comunemente usate di ARTE. I dati dallo studio di co-infezione sono stati presentati oggi alla conferenzath di 18 sui Retroviruses e sulle infezioni opportunistiche (CROI) che hanno luogo dal 27 febbraio al 2 marzo 2011 a Boston.

Il punto finale primario dello studio è di valutare la sicurezza e la tollerabilità alla della terapia basata telaprevir di combinazione nella gente co-infettata con epatite virale C ed il HIV. L'analisi provvisoria è stata condotta quando tutti i pazienti avevano raggiunto la settimana 4 del trattamento.

“La ricerca nell'epatite virale C ha indicato che quella gente che risponde presto al trattamento abbia un'più alta probabilità di raggiungimento della maturazione virale,„ ha detto Robert Kauffman, M.D., Ph.D., vicepresidente senior e capo ispettore sanitario al vertice. “Questi risultati provvisori sono incoraggianti perché hanno mostrato che una proporzione elevata della gente nello studio ha avuta una risposta virale rapida a telaprevir. Useremo che cosa stiamo imparando da questo studio informare la progettazione di uno studio di co-infezione di fase 3 su telaprevir pianificazione per la conclusione dell'anno.„

Risultati provvisori di studio

Sessanta genti sono state iscritte a questo studio di fase 2. Ai tempi dell'analisi, tutti i partecipanti di studio avevano raggiunto la settimana 4 del trattamento e 69 per cento dei pazienti.

Gli eventi avversi più comuni (≥15% della gente) indipendentemente dal braccio del trattamento erano fatica, il prurito, nausea, emicrania, vertigini, febbre, anoressia, vomitare, diarrea e freddi. Di questi eventi avversi, il prurito, la nausea, le vertigini, la febbre, l'anoressia e vomitare si sono presentati più frequentemente nelle armi del telaprevir (differenza di ≥10%) confrontate a placebo. La maggior parte degli eventi avversi era delicata o moderata.

Source:

Vertex Pharmaceuticals