Le linee guida aggiornate di NCCN per il profilo del cancro al seno hanno ampliato le opzioni del trattamento

Le donne con cancro al seno metastatico hanno ampliato le opzioni del trattamento per il trattamento della malattia e nella prevenzione degli eventi in relazione con scheletrica conformemente alle linee guida recentemente aggiornate di NCCN per cancro al seno. Robert W. Carlson, MD, del centro del Cancro di Stanford e della presidenza completi del comitato delle linee guida di NCCN per cancro al seno, ha presentato questi ed altri aggiornamenti del notabile alle linee guida di NCCN alla conferenza annuale di NCCNth 16 il 10 marzo 2011.

“L'efficacia della terapia di tamoxifene per il trattamento di cancro al seno varia ampiamente fra le persone, che piombo a parecchie prove che provano a determinare se c'è un'associazione fra il genotipo della CYP 2D6 e l'efficacia del tamoxifene nell'impedire la ricorrenza del cancro al seno„

Eribulin (Halaven, Eisai Inc.) si è aggiunto alle linee guida come singola opzione preferita dell'agente nel trattamento della malattia metastatica, il Dott. celebre Carlson di NCCN. Eribulin ha ricevuto l'approvazione di FDA per il trattamento di cancro al seno metastatico in pazienti che hanno ricevuto almeno due reggimenti priori della chemioterapia per la malattia della tardi-fase, in base ai risultati da uno studio di fase 3. Lo studio ha indicato che il eribulin ha fornito statisticamente i miglioramenti globali significativi di sopravvivenza nei pazienti metastatici del cancro al seno precedentemente curati con un'antraciclina e un taxano.

“Considerando ci sono opzioni limitate per le donne con cancro al seno metastatico che già hanno ricevuto altre terapie, questo sono un'opzione considerevole del trattamento che il feltro del comitato era importante da comprendere nelle linee guida,„ hanno detto il Dott. Carlson.

Per i pazienti con cancro al seno di cui la malattia si è riprodotta per metastasi alle loro ossa, le linee guida aggiornate di NCCN ora comprendono il denosumab (XGEVA, Amgen) come opzione per la prevenzione degli eventi in relazione con scheletrica, quali le fratture e l'osteoalgia. Denosumab è stato approvato da FDA che segue i risultati di uno studio che confronta il denosumab e l'acido zoledronic (Zometa®, oncologia di Novartis) trovanti il denosumab per essere almeno efficace quanto l'acido zoledronic nell'impedire gli eventi in relazione con scheletrica.

“Le complicazioni scheletriche come conseguenza delle metastasi dell'osso possono essere una sorgente importante di dolore e fare diminuire significativamente la qualità di vita di un paziente con cancro. Le ossa indebolite possono piombo alle fratture e compressione midollare e necessitare le procedure come chirurgia e radiazione che sottolineano l'esigenza delle opzioni supplementari di trattamento,„ ha detto il Dott. Carlson.

Il Dott. Carlson ha sottolineato l'importanza dei biomarcatori come preannunciatori chiave dei risultati del cancro, specialmente nel cancro al seno.

“Identificando la presenza di biomarcatori nei tumori del petto, fornitori di cure mediche possa meglio prescrivere gli efficaci, trattamenti personali che sono più probabili provocare i risultati positivi per i pazienti,„ ha detto il Dott. Carlson.

Tre biomarcatori sono stati utilizzati storicamente nella cura del cancro al seno: ricevitore dell'estrogeno (ER), ricevitore del progesterone (PR) e HER2. Questi indicatori sono stati una guida affidabile per il trattamento e preannunciatore dei risultati del cancro al seno; tuttavia, parecchi biomarcatori emergenti, quale il genotipo della CYP 2D6 per determinare l'efficacia di tamoxifene (Soltamox, prodotti farmaceutici di AstraZeneca, LP), egualmente stanno ricercandi estesamente.

“L'efficacia della terapia di tamoxifene per il trattamento di cancro al seno varia ampiamente fra le persone, che piombo a parecchie prove che provano a determinare se c'è un'associazione fra il genotipo della CYP 2D6 e l'efficacia del tamoxifene nell'impedire la ricorrenza del cancro al seno,„ ha detto il Dott. Carlson.

Il Dott. Carlson ha sollecitato che il comitato delle linee guida di NCCN ritiene che gli studi disponibili che esaminano la CYP 2D6 fossero contradditori, quindi il comitato non raccomanda la prova sistematica per il genotipo della CYP 2D6.

La continuazione attirare l'interesse pubblico e l'attenzione, il Dott. Carlson ha esaminato la ricerca e la prova che piombo alla decisione affinchè il comitato delle linee guida di NCCN riaffermi la sua raccomandazione attuale di bevacizumab (Avastin®, Genentech/Roche) congiuntamente a paclitaxel (Taxol®, società di Bristol-Myers Squibb) come opzione terapeutica appropriata per cancro al seno metastatico.

I risultati nel primo grande, studio ripartito con scelta casuale su bevacizumab congiuntamente alla chemioterapia del paclitaxel hanno dimostrato un miglioramento nel controllo di malattie e nella risposta, ma nessun vantaggio di sopravvivenza ha paragonato alla chemioterapia sola e piombo sia a FDA l'approvazione della combinazione che dell'aggiunta della combinazione alle linee guida di NCCN. Successivamente, parecchi studi supplementari sono stati riferiti che egualmente dimostrano un piccolo vantaggio del controllo di malattie con bevacizumab congiuntamente alla chemioterapia, ma nessun vantaggio di sopravvivenza. In base a questi studi, il comitato delle linee guida di NCCN continua a comprendere la combinazione di bevacizumab e di paclitaxel come opzione. Il comitato è meno complementare di altri agenti della chemioterapia congiuntamente a bevacizumab.

Il comitato ha riveduto la nota a piè di pagina relativa, che ora specifica, “test clinici ripartiti con scelta casuale nel documento metastatico del cancro al seno che l'aggiunta di bevacizumab ad una certa prima o seconda riga agenti della chemioterapia modestamente migliora il tempo alla progressione ed ai tassi di risposta ma non migliora la sopravvivenza globale. Il tempo ad impatto di progressione può variare fra gli agenti citotossici e sembra più grande con bevacizumab congiuntamente a paclitaxel settimanale.„

Le linee guida di NCCN sono emanate ed aggiornate con ad un trattamento basato a prova con l'esame esplicito della prova scientifica integrata con giudizio esperto dai comitati di esperti pluridisciplinari i medici dalle istituzioni del membro di NCCN. La versione più recente di questa e tutte le linee guida di NCCN sono disponibili gratis a NCCN.org. Le linee guida di NCCN per i pazienti: Il cancro al seno è disponibile a NCCN.com.

Source:

National Comprehensive Cancer Network