Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Americani responsabili circa sviluppo del tumore della tiroide dalla mammografia

Alcuni Americani hanno espresso la preoccupazione, dovuto un rapporto erroneo di media, che la piccola quantità di radiazione che un paziente riceve da un mammogramma può significativamente aumentare la probabilità di sviluppare il tumore della tiroide. Questa preoccupazione non è supportata semplicemente in letteratura scientifica.

La dose di radiazioni alla tiroide da un mammogramma è estremamente - bassa. La tiroide non è esposta al raggio di raggi x diretto utilizzato all'immagine il petto e non riceve soltanto una quantità minuscola di raggi x sparsi (meno di 0,005 milligray). Ciò è equivalente a soltanto 30 minuti di fondo naturale di radiazioni ricevuto da tutti gli Americani dalle sorgenti naturali.

Per la mammografia annuale della selezione dalle età 40-80, il rischio di cancro da questa quantità minuscola di radiazione sparsa alla tiroide è incredibilmente piccolo (meno di 1 in 17,1 milione donne schermate). Questo rischio minuscolo dovrebbe essere saldato con il fatto che l'uso del carter della tiroide potrebbe interferire con il posizionamento ottimale e potrebbe provocare i artefatti - ombre che potrebbero comparire sull'immagine di mammografia. Entrambi fattori hanno potuto diminuire la qualità dell'immagine ed interferire con la diagnosi. Di conseguenza, l'uso di un carter della tiroide durante la mammografia non è raccomandato.

I pazienti sono invitati a non rimandare o non rinunciare alla cura necessaria della rappresentazione del petto basata su questo rapporto erroneo di media.

Source:

hhtp//www.MammographySavesLives.org/