Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il fattore di necrosi tumorale può sopprimere l'infiammazione, artrite reumatoide dell'ossequio

Un nuovo studio dai reumatologi all'ospedale per ambulatorio speciale in New York ha indicato che una proteina pro-infiammatoria potente, fattore di necrosi tumorale (TNF), può anche sopprimere gli aspetti di infiammazione. I ricercatori dicono che l'identificazione del meccanismo di come questo accade potrebbe potenzialmente piombo ai nuovi trattamenti per le malattie quale l'artrite reumatoide. Lo studio è stato pubblicato il 22 maggio online prima della pubblicazione in immunologia della natura del giornale.

“Prima di questo studio, TNF lungamente è stato conosciuto come citochina pro-infiammatoria potente, ma se guardate con attenzione attraverso la letteratura, ci sono suggerimenti che egualmente hanno alcune funzioni soppressive, ma niente è stato conosciuto circa i meccanismi,„ ha detto Lionel Ivashkiv, M.D., ufficiale del socio e medico scientifici principali nell'artrite e nel programma di degenerazione del tessuto all'ospedale per ambulatorio speciale che piombo lo studio. “Questa è realmente la prima rappresentazione del meccanismo come TNF può girare l'infiammazione per scolarsi.„

Poiché molte proteine hanno funzioni omeostatiche, sia determinanti che sopprimenti determinati atti in modo da una cella può mantenere l'equilibrio interno, il pensiero TNF dei ricercatori non potrebbe fare un'eccezione. “La maggior parte di forti attivatori nel sistema immunitario avviano una risposta di feedback per reprimere la quantità di infiammazione,„ il Dott. Ivashkiv ha detto.

Per scoprire, i ricercatori hanno progettato gli esperimenti che stimolano i macrofagi con il lipopolysaccharide (LPS), un fattore infiammatorio prototipo che stimola i ricevitori importanti nell'infiammazione. In provetta studia, i ricercatori ha trattato i monociti ed i macrofagi umani, celle che hanno un ruolo chiave nelle malattie infiammatorie, con TNF e poi ha sfidato queste celle con i LPS. Hanno trovato che il TNF ha soppresso la risposta infiammatoria dei macrofagi e dei monociti. Poi hanno dato a mouse le dosi basse di TNF seguito dalle dosi elevate dei LPS ed hanno trovato che i mouse erano protetti dagli effetti dei LPS della dose elevata, che è solitamente letale. Hanno scoperto che il meccanismo da cui TNF ha soppresso la risposta infiammatoria ha compreso una proteina conosciuta come GSK3 (alfa della chinasi 3 della sintasi del glicogeno) e un gene conosciuto come TNFAIP3 che codifica la proteina A20. Esperimenti con una droga che può inibire GSK3 come pure gli esperimenti con interferenza del RNA di A20, che può bloccare la funzione del gene A20, contribuita per identificare i ruoli di questi proteina e gene.

I ricercatori dicono che i risultati potrebbero essere usati per sviluppare le terapie potenziali per le malattie, quale l'artrite reumatoide. “Pensiamo che sia pertinente all'artrite reumatoide, non solo perché le celle stiamo studiando (i macrofagi) siamo esattamente le stesse celle che migrano nelle giunzioni e che facciamo le citochine infiammatorie coinvolgere nell'artrite reumatoide, ma perché A20 è implicato. TNFAIP3 è uno dei geni collegati il meglio all'artrite reumatoide,„ il Dott. che Ivashkiv ha detto. “Ci sono polimorfismi nel gene A20 che sono stati collegati alla patogenesi del RA.„

I ricercatori suppongono che i pazienti che fanno meno A20 siano più suscettibili di infiammazione e così dell'artrite reumatoide. Un approccio a trattare il RA potrebbe essere di aumentare i livelli A20 in pazienti che fanno naturalmente meno A20 da GSK-3 di manipolazione, poiché questo studio ha indicato che GSK-3 influenza A20. “L'ordinamento di studio di apre una riga di ricerca come i livelli A20 possono essere manipolati in pazienti con le varie malattie,„ al Dott. di comprensione Ivashkiv ha detto.

I risultati hanno potuto applicarsi ad altre malattie oltre all'artrite. Nei termini quale l'artrite reumatoide, potete volere amplificare A20, ma in altre impostazioni quale cancro, in cui i macrofagi sono soppressi, potete volere inibire l'espressione A20.

“Che cosa lo studio mostra che che è nuovo è quel TNF ha funzioni soppressive oltre alle sue funzioni d'attivazione ben note,„ il Dott. Ivashkiv ha detto. “Prima che questo studio, la gente pensi potrebbe sopprimere l'immunità adattabile, ma sorprendente abbiamo trovato che realmente sopprime una cella del sistema immunitario innato, il macrofago, che è la stessa cella che lo fa e, facendo che, regolamenta la sua propria produzione.„

Source:

Hospital for Special Surgery