Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

UAB in primo luogo negli Stati Uniti con la stazione di lavoro di cella-trattamento

L'Università di Alabama a Birmingham ha intrapreso un'azione significativa verso rendere a terapia cellulare specializzata un la parte di cura paziente con la sua acquisizione della prima stazione di lavoro di cella-trattamento (CPWS) da SANYO North America Corporation (SANYO) negli Stati Uniti.

Richard Marchase, Ph.D., vice presidente per la Ricerca e lo Sviluppo Economico a UAB, dice che “UAB ha una cronologia ricca di preparare il terreno nell'arena di terapia cellulare. Siamo entusiasmati che potevamo essere i primi negli Stati Uniti per usare il CPWS di SANYO. Ciò aggiungerà alle nostre capacità di livello internazionale di tradurre la scienza di base in medicina clinica.„

“Il CPWS ci mette oltre la punta del progresso per fabbricazione delle cellule,„ dice l'Agnello di Larry, il Ph.D., il professore associato di medicina e la pediatria nella Scuola di Medicina di UAB e nel Direttore del Laboratorio della Terapia Cellulare di UAB.

Il CPWS, un pezzo di strumentazione circa la dimensione di piccola automobile, contiene tutta la strumentazione necessaria richiesta per fabbricare le celle per terapia cellulare in un ambiente sterile. È, Agnello dice, “come una stanza pulita in una casella. Fornisce il bio--contenimento che è ideale per la conservazione del prodotto delle cellule sterile e stabile, che è particolarmente importante se le celle devono essere coltivate per un lungo periodo di tempo o richiedono parecchie manipolazioni.„

Un progetto importante messo per utilizzare nel CPWS sarà la fabbricazione delle cellule staminali pluripotent incitate (iPS) per la maturazione dell'anemia faciforme. Nel 2007 Tim Townes, Ph.D., pubblicato nella Scienza del giornale un di carta descrivendo come il suo gruppo ha catturato le cellule epiteliali dai mouse della cellula falciforme, trasformato loro nelle celle di IPS, sostituite il gene difettoso con un gene normale, quindi globuli fabbricati che, una volta collocato nuovamente dentro i mouse, fatti maturare loro della malattia.

“Il CPWS è lo strumento che permette che noi traduciamo sicuro la scienza di base in medicina clinica come possibile,„ dice Townes, il professor e presidenza del Dipartimento di UAB della Biochimica e della Genetica Molecolare e Direttore dell'Istituto della Cellula Staminale di UAB.

UAB vede forse la più grande popolazione dei pazienti con l'anemia faciforme nel mondo, più di 1.500 adulti e bambini. Townes ed i suoi colleghi hanno perfezionato il trattamento di trasformare le cellule epiteliali umane dai pazienti della cellula falciforme nelle celle di IPS e, in vitro, correggenti i geni difettosi. Una Volta Che l'approvazione di FDA è assicurata, il CPWS permetterà al suo laboratorio realmente di portar a compimentoe e trapiantare le celle corrette nuovamente dentro i pazienti e di fare maturare la malattia.

“Tutto che ora facciamo in laboratorio faremo nel CPWS,„ dice Townes. “Potremmo farlo in una stanza pulita, ma non sarebbe sicuro quanto facendola con il CPWS.„

UAB egualmente ha un progetto di lunga durata messo a fuoco sulle celle di T di delta di gamma di uso, una piccola componente del sistema immunitario, come trattamento per vari cancri. La ricerca di base dell'Agnello ha indicato queste celle, una volta presente in grandi numeri, aumenterà la sopravvivenza per i pazienti con la leucemia. Un Altro progetto comprenderà il lavoro da Fred Goldman, M.D, il professor della pediatria a UAB ed a Direttore del Sangue di Lowder e del Programma del Trapianto del Midollo all'Ospedale Pediatrico dell'Alabama, facendo uso delle celle di IPS per il dyskeratosis ed altri disordini di sangue benigni.

Secondo SANYO, il CPWS è considerato la soluzione in primo luogo integrata e autonoma dell'industria per buon fabbricando il trattamento e la lavorazione pratica-compiacenti di cellula staminale e di terapie cellulari a ricupero per le applicazioni della ricerca. La stazione di lavoro fornisce l'ambiente asettico richiesto class-100 in un'orma compatta e ad un più a basso costo di un locale senza polvere tradizionale. Il CPWS installato a UAB è un sistema di pressione positiva.

Marchase dice che il CPWS permetterà all'università di ampliare il suo portafoglio di biotecnologia con altre istituzioni e con l'industria privata.

Christine Stannard, il vice presidente di SANYO della Divisione Biomedica delle Soluzioni, dice, “In modo che il servizio di terapia cellulare di svilupparsi, la ricerca della cellula staminale e le terapie cellulari si trasformerà in in una tappa critica e SANYO sta fornendo una soluzione pratica affinchè Biotech ed i clienti farmaceutici avanzi la loro ricerca.„

“UAB avrà l'ultima tecnologia disponibile,„ Stannard dice.

“La capacità di cambiare l'intero sistema in 90 minuti permette i prodotti multipli delle cellule di essere prodotta in un singolo CPWS,„ dice l'Agnello. “Il Laboratorio di Terapia Cellulare e l'Istituto della Cellula Staminale di UAB prevedono varie terapie che possono essere derivate da iPSc. Anticipiamo che il CPWS risponderà facilmente a questa esigenza per il futuro.„

Il CPWS è una risorsa di memoria di supporto da UAB e dal Sistema di Salubrità di UAB.

Noto per il suo approccio innovatore ed interdisciplinare a formazione all'entrambe laureato ed allo studente non laureato livella, l'Università di Alabama a Birmingham è lo stato di più grande datore di lavoro di Alabama e di un centro sanitario accademico di fama internazionale della ricerca e; i sui banchi professionali e programmi di paziente-cura di specialità sono allineati coerente fra il principale 50 della nazione. Trovi più informazioni a www.uab.edu ed a www.uabmedicine.org.