Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Tocotrienol ha potuto contribuire a diminuire il danno del colpo

Il completamento Preventivo con un modulo naturale della vitamina E chiamato tocotrienol ha potuto contribuire a diminuire la lesione cerebrale causata dai colpi, dai ricercatori riferiti oggi alla seconda Conferenza Internazionale su Tocotrienols e dalle Malattie Croniche. Gli scienziati egualmente hanno trovato la prova che il tocotrienol può avviare i geni che alterano la struttura del vaso sanguigno per contribuire per oltrepassare un bloccaggio e può contribuire ad impedire un colpo di ripetizione, che si presenta ogni anno circa in 200,000 persone.

Di Supporto costituendo un fondo per Dal Centro di Ohio State University per Scienza Clinica e Di Traduzione (CCTS), i risultati aggiungono ad un organismo di lavoro crescente da un gruppo dei ricercatori del colpo che studiano le terapie che possono essere adottate facilmente dai medici.

“C'è molta ricerca di promessa per sviluppare i composti che i prodotti chimici dell'obiettivo nel cervello per diminuire il danno del colpo, ma saranno anni prima che vediamo una droga reale,„ dice il Dott. Cameron Rink ed uno dei ricercatori chiave di tocotrienol. “Stiamo mettendo a fuoco sul danno semplice che diminuisce le strategie - quale uso profilattico di un modulo raro della vitamina E e dell'ossigenoterapia - che potrebbe essere applicato rapidamente in pratica clinica.„

Tocotrienol diminuisce il danno del colpo nei modi multipli

I Ricercatori allo Stato dell'Ohio stanno studiando l'impatto della vitamina E di tocotrienol sul tessuto cerebrale per più di una decade. Tocotrienol, anche conosciuto come il CTT, rappresenta la metà della famiglia naturale della vitamina E. Mentre il CTT è una componente comune di una dieta Asiatica Sudorientale tipica, non è trovato nella dieta (Americana) Occidentale, dove è disponibile come supplemento nutrizionale.

Per lo studio, 20 cani sono stati definiti a caso a o ricevono un placebo o un CTT completa il quotidiano per 10 settimane. Gli Scienziati poi hanno indotto il colpo bloccando un'arteria nei cervelli degli animali per un'ora mentre gli animali erano nell'ambito dell'anestesia.

I Ricercatori hanno trovato che 24 ore dopo un colpo, le lesioni che indicano il danno di tessuto cerebrale erano circa 80 per cento più piccole in cani che hanno ricevuto il completamento del CTT rispetto ai cani che non hanno ricevuto intervento. Gli esami della Rappresentazione hanno provato che i cervelli degli animali trattati egualmente hanno avuti migliore flusso sanguigno al sito del colpo.

L'esame Supplementare del tessuto cerebrale ha indicato che il completamento del CTT è sembrato supportare il arteriogenesis, un trattamento tramite cui le arterie collaterali si ricostruiscono nelle più grandi imbarcazioni in modo da possono oltrepassare il sito del bloccaggio. I Geni connessi con questo trattamento erano più attivi nel tessuto cerebrale commovente dai cani trattati CTT quelli dai cani non trattati. I Ricercatori notano che la funzione del cervello in esseri umani ed in grandi mammiferi quali i cani è simile, rendendo i risultati ancor più impactful.

“Questo è uno dei primi studi per fornire la prova che una sostanza nutriente sicura - una vitamina - può migliorare il flusso sanguigno nel cervello colpo-commovente,„ dice la Pista di pattinaggio di Cameron, il professore associato di chirurgia e il co-ricercatore di studio.

I Ricercatori egualmente dicono che i risultati suggeriscono che l'uso del CTT potrebbe essere particolarmente utile alla gente che precedentemente ha sofferto un mini-colpo, anche conosciuta come un attacco ischemico transitorio (TIA). I pazienti di TIA sono ad ad alto rischio per sviluppare un secondo, colpo più severo. Dei 800.000 colpi stimati ogni anno; approssimativamente 25 per cento sono eventi di ripetizione, secondo l'Associazione Americana del Cuore.

Sorgente: Il Centro di Ohio State University per Scienza Clinica e Di Traduzione