Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio fa luce sul modo che gli anticorpi distinguono fra “i biomarcatori differenti

Gli scienziati identificano le differenze molecolari fra le proteine d'indicazione e quelle che esistono naturalmente

Una nuova pubblicazione fa luce sul modo che gli anticorpi distinguono fra “i biomarcatori differenti ma strettamente connessi - proteine che rivelano le informazioni sullo stato del corpo umano. Questa nuova comprensione ha potuto permettere alle ditte farmaceutiche di sviluppare le nuove tecnologie per rapidamente la diagnostica ed il trattamento delle malattie interne.

Tutte le malattie hanno proteine, o le concentrazioni di proteine, specificamente collegate a loro hanno chiamato i biomarcatori. L'identificazione dei questi può provare uno strumento diagnostico potente. Questi biomarcatori sono individuati dai immunoassays - una prova che mescola una sostanza (per esempio sangue, urina) con gli anticorpi, che legano alla proteina se sono presenti. Gli anticorpi possono poi essere misurati per identificare il livello del biomarcatore, che a sua volta indica la presenza e le dimensioni di malattia.

Gli anticorpi legano con l'alta specificità ad una molecola di proteina o un gruppo limitato di molecole (per esempio ormoni), che è perché possiamo usare gli anticorpi per provare a biomarcatori specifici. I problemi sorgono quando legano ai gruppi di simili ormoni che sono associati con i cambiamenti corporei normali. Ciò piombo ai falsi positivi e quindi alle informazioni inaffidabili.

Nuova ricerca, effettuata dal laboratorio fisico nazionale (NPL), dall'università di Edimburgo e di partner industriali dal Regno Unito (Mologic srl), dagli Stati Uniti (centro di ricerca del Watson di IBM) e dai Paesi Bassi (Pepscan presto BV), cambiamenti questo. La ricerca mostra come le proteine differenti si compongono e quindi come possono essere identificate attendibilmente.

La soluzione altamente cercata è “selezione intelligente„ dei siti anticorpo-specifici di interazione sugli ormoni che possono differire dai simili siti di altri ormoni da appena una molecola.

La ricerca messa a fuoco su hCG (gonadotropina corionica umana), un ormone prodotto durante la gravidanza. Un sottounità di hCG - hCGβ - è secernuto da alcuni cancri, significanti la rilevazione può dare l'allarme immediato dei tumori.

il hCG è molto simile ad altri ormoni riproduttivi, conosciuti come il LH e FSH, che sono sempre presenti nell'organismo. La rilevazione del hCG può essere confusa con questi altri ormoni, piombo ai risultati inaffidabili.

Gli anticorpi di immunoassay legano ad una parte minuscola dell'ormone chiamato un epitopo. Gli ormoni si compongono di migliaia “di particelle elementari, con gli epitopi che compongono meno di 10 di questi blocchi. La differenza fra gli ormoni può essere così piccola quanto uno di questi blocchetti di epitopo.

Il gruppo di ricerca ha catturato varie misure precise dell'ormone del hCG, attingendo la tecnologia di livello mondiale e la competenza della misura del NPL, che sono state supportate tramite le simulazioni su elaboratore atomistiche.

Il gruppo ha mostrato quanto le caratteristiche livellate molto sottili e atomiche definiscono la selettività dell'anticorpo negli epitopi strettamente connessi delle proteine differenti. Hanno identificato che gli anticorpi specifici sono altamente selettivi nei immunoassays e possono distinguere fra hCGβ ed i frammenti strettamente connessi del LH.

Capendo queste differenze strutturali spiega la selettività osservata negli ormoni pieni. Armato con questa conoscenza, gli scienziati possono sviluppare la selezione intelligente di epitopo per raggiungere la prestazione richiesta di analisi. Ciò significa che le prove affidabili possono essere sviluppate per indentify la presenza di ormoni differenti - in questo caso la presenza di hCGβ che indica il cancro, rispetto al LH, che è sempre presente.

Gli avanzamenti descritti in questa ricerca permetteranno allo sviluppo di ulteriori immunoassays di identificare altri biomarcatori dai simili gruppi. Le ditte farmaceutiche potrebbero usare questa per sviluppare le nuove tecnologie per i sistemi diagnostici ed i trattamenti clinici di malattia, per esempio prove per il tumore come componente delle selezioni sistematiche.

Ryadnov massimo, ricercatore principale al laboratorio fisico nazionale, dice “le risposte una di questo lavoro di grandi domande nella distinzione dei biomarcatori che sono critici per l'identificazione ed il trattamento delle malattie serie. Speriamo che questa innovazione sostenga lo sviluppo di un intervallo di nuovi tecniche e trattamento diagnostici.„

Prof. Paul Davis, ufficiale scientifico principale Mologic srl - una società diagnostica BRITANNICA che ha iniziato lo studio, ha detto: “Era un grande sforzo di collaborazione e partecipa come un esempio fine di che cosa può essere raggiunto quando gli scienziati motivati lavorano insieme apertamente attraverso i limiti.„