Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La sindrome metabolica aumenta il rischio di sviluppare HCC e ICC cancri di fegato primari

Le tariffe di incidenza di carcinoma epatocellulare (HCC) e di colangiocarcinoma intraepatico (ICC) sono aumentato in Stati Uniti. Questo studio basato sulla popolazione che pubblica nell'emissione augusta dell'epatologia, un giornale dell'associazione americana per lo studio sulle affezioni epatiche, trovato che la sindrome metabolica aumenta significativamente il rischio di sviluppare questi cancri di fegato primari.

Secondo i dati dall'istituto nazionale contro il cancro, 24.120 nuovi casi di fegato e di cancro dei dotti biliari intraepatico e vicino a 19.000 morti dalle malattie si sono presentati negli Stati Uniti nel 2010. I fattori di rischio importanti per HCC, il tipo più comune di cancro di fegato, sono infezione cronica con epatite B ed i virus di C ed eccessivo consumo dell'alcool. ICC, il secondo tipo comune di cancro di fegato, è associato con colangite sclerotica primaria e la malattia di viscere infiammatoria. Tuttavia, la causa fino alla metà di HCC e di ICC rimane sconosciuta.

“C'è stato un aumento nelle tariffe di incidenza del Cancro-HCC del fegato e ICC-negli Stati Uniti,„ spiega l'autore principale Tania Welzel, M.D., con il der J.W. Goethe-Universität di Klinikum e dell'istituto nazionale contro il cancro. “Mentre la sindrome metabolica è un fattore di rischio riconosciuto per HCC e può anche modificare il rischio ICC, la grandezza di questo effetto non è stata studiata su vasta scala sindrome metabolica negli Stati Uniti„ comprende un gruppo le condizioni mediche che comprendono l'obesità centrale (peso in eccesso di addominale-area), glucosio a digiuno sollevato livella e diabete mellito, trigliceridi sollevati, colesterolo diminuito di HDL ed ipertensione.

Per lo studio presente, il Dott. Welzel ed i colleghi hanno esaminato l'associazione fra la sindrome e lo sviluppo metabolici dei cancri di fegato primari nella popolazione generale degli Stati Uniti. Facendo uso del database di Sgombro-Assistenza sanitaria statale, i ricercatori hanno identificato le persone diagnosticate con HCC o ICC fra 1993 e 2005. Un campione di 5% delle persone che risiedono nelle regioni geografiche simili alle registrazioni dello SGOMBRO è stato selezionato per gli scopi di confronto. Complessivamente 3649 casi di HCC, 743 casi ICC e 195953 persone senza cancro sono stati identificati e criteri soddisfatti dell'inclusione di studio.

I risultati hanno rivelato che la sindrome metabolica era presente in 37% delle persone che successivamente hanno sviluppato HCC e in 30% delle persone che hanno sviluppato ICC, confrontato a 17% delle persone che non hanno sviluppato qualsiasi cancro. Le analisi hanno mostrato che la sindrome metabolica era significativamente associata a un aumentato rischio di HCC.

“I nostri risultati mostrano un rischio aumentato 2 volte per HCC e un rischio aumentato 1,56 volte per ICC in quelle persone con la sindrome metabolica preesistente,„ il Dott. conclusivo Welzel. “Il rischio di sviluppare questi cancri di fegato primari è significativo per le persone con questa circostanza. dovuto l'alta prevalenza della sindrome metabolica, anche i piccoli aumenti nel rischio assoluto per HCC e ICC può contribuire al carico aumentare del cancro di fegato.„ Gli autori suggeriscono che la sindrome metabolica possa essere la sorgente dietro l'una serie di HCC idiopatico o ICC i casi negli Stati Uniti e gli sforzi gestire le epidemie mondiali dell'obesità e del diabete potrebbero diminuire il carico del cancro di fegato.

Source:

American Association for the Study of Liver Diseases