Simposio internazionale sugli inquinanti organici persistenti che si svolgerà a Bruxelles

Il 31 simposio internazionale sugli inquinanti organici persistenti (diossina 2011) si terrà a Bruxelles dal 22 Agosto al 25, 2011, che riunisce circa 1000 specialisti provenienti da tutto il mondo. E 'la prima volta che questo incontro scientifico, il più importante del genere in questo settore di ricerca, e che nasce sulla scia del disastro di Seveso (1976), si svolge in Belgio.

Questa 31a edizione è stato organizzato su iniziativa del professor Jean-François Focant (Università di Liegi), presidente del simposio diossina 2011, e Adrian Covaci (Università di Anversa), il co-presidente.

Inquinanti organici persistenti (POP) rappresentano diverse decine di famiglie di molecole, di cui il più noto (purtroppo) sono diossine, furani e PCB più in generale.

Attraverso 800 abstract presentati in cinque sessioni parallele e le sessioni plenarie, Diossina 2011 farà il punto degli sviluppi più recenti pareri scientifici concernenti POP.

Molecole complesse, POP si caratterizzano per la loro tossicità per la salute umana e l'ambiente, la loro persistenza nell'ambiente (la più comune emivita campate sono più di dieci anni) e di bioaccumulazione negli organismi viventi.

Diversi trattati internazionali hanno classificato e fissato le soglie di emissione per talune categorie di POP. Se la produzione di sostanze come i PCB è oggi vietato e se le emissioni industriali sono generalmente monitorati, gli scienziati e le autorità pubbliche stanno continuando a sondaggio con attenzione questi inquinanti a causa del potenziale impatto a lungo termine sulla salute e l'ambiente legati alla loro persistenza e bioaccumulo.

Diossina 2011 sarà inoltre posto l'accento sulla emergenti composti organici, gli effetti sempre più utilizzato in diverse applicazioni, ma di cui sono ancora molto poco conosciute, come le molecole di bromo (usato ad esempio come ritardanti di fiamma), le molecole di fluoro (Teflon, chimica, chimica medica , ecc) e pesticidi organoclorurati, ecc

Fonte: http://www.dioxin2011.org