Lo Zafferano promuove il apoptosis ed inibisce la crescita delle celle cancerogene

La Nuova ricerca suggerisce che lo zafferano fornisca un effetto chemopreventive significativo contro il cancro di fegato nei modelli animali. Quando lo zafferano è stato amministrato ai ratti con il cancro di fegato indotto della dietilnitrosammina (TANA) un'inibizione di proliferazione delle cellule e di stimolo del apoptosis è stata osservata. I risultati Completi compaiono nell'emissione dell'Epatologia, un giornale di Settembre pubblicato da Wiley Blackwell a nome dell'Associazione Americana per lo Studio sulle Affezioni Epatiche.

Il carcinoma Epatocellulare (HCC), o il cancro di fegato, è il quinto la maggior parte del cancro comune e la terza causa principale della mortalità del cancro nel mondo. La prova Medica ha indicato che l'infezione cronica con epatite B e C è fattori di rischio importanti per HCC e l'esposizione agli agenti cancerogeni ambientali, al sovraccarico del ferro, all'affezione epatica grassa ed all'abuso di alcool può anche contribuire allo sviluppo del cancro di fegato. La TANA, un agente cancerogeno ambientale, è trovata in tabacco-fumo, cosmetici, benzina ed alimenti trasformati compreso i prodotti a base di carne e del latte.

“Nella lotta contro cancro, c'è stato molto interesse nei beni chemopreventive delle erbe naturali ed impianti,„ ha detto Prof. Amr Amin dall'Università degli Emirati Arabi Uniti. “Con le opzioni limitate del trattamento, approcci che impediscono lo sviluppo del cancro sia fra le migliori strategie da proteggere dalla malattia.„ Gli studi Priori hanno indicato che lo zafferano, un prodotto vegetale naturalmente derivato, possiede i beni anticancro e ed antinfiammatori dell'antiossidante. Lo Zafferano è una spezia comunemente usata, aggiungendo il sapore e colore agli alimenti e una sostanza possibile di Cancro-combattimento che è disponibile facilmente.

Per più ulteriormente esplorare il potenziale di zafferano nell'impedire lo sviluppo e la progressione di HCC, la TANA è stata usata per indurre le lesioni in ratti, imitando i tumori benigni e maligni in esseri umani. Il gruppo di ricerca ha amministrato lo zafferano agli animali a 75mg/kg, a 150 mg/kg e a 300 mg/kg al giorno due settimane prima dell'iniezione della TANA ed ha continuato il regime per 22 settimane.

Lo zafferano di manifestazione di Risultati ha diminuito significativamente il numero e l'incidenza dei noduli del fegato, con gli animali che ricevono la dose elevata di zafferano che mostra l'inibizione completa di noduli epatici. Gli Animali che hanno ricevuto il pretrattamento con zafferano video una diminuzione nell'elevazione della transpeptidasi del glutamil di gamma, dell'amminotransferasi dell'alanina e dell'alfa-feto proteina (GGT, ALT, αFP) - proteine che indicano il danno di fegato. Ancora, lo zafferano ha inibito l'elevazione delle celle positive per Ki-67, il cyclooxygenase 2, la sintasi viscoelastica dell'ossido di azoto, le fattore-kappe nucleari Bp-65 ed il ricevitore fosforilato di fattore di necrosi tumorale, che hanno rispettivi ruoli nello sviluppo e nella progressione delle celle cancerogene.

“I Nostri risultati suggeriscono che lo zafferano fornisca un effetto protettivo anticancro promuovendo la morte delle cellule (apoptosis), inibente la proliferazione delle celle cancerogene e bloccante l'infiammazione,„ Prof. conclusivo Amin. “L'Indagine successiva dell'estratto dello zafferano e del suo meccanismo di atto in HCC è corrente in corso.„

Sorgente: Wiley-Blackwell

Advertisement