Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le simvastatine possono diminuire il danno del midollo spinale dalla lesione reperfusion/di ischemia

La simvastatina d'abbassamento della droga sembra diminuire ferite del midollo spinale provocate tramite la privazione dell'ossigeno in animali da laboratorio, secondo uno studio nell'emissione di settembre dell'anestesia & dell'analgesia, Gazzetta ufficiale della società internazionale della ricerca dell'anestesia (IARS).

Con ulteriore ricerca, il trattamento con le droghe dello statin potrebbe fornire un nuovo approccio a ridurre il rischio di paraplegia come complicazione di chirurgia che comprende l'aorta, la nuova ricerca suggerisce. Lo studio sperimentale piombo da Takeshi Saito, Ph.D., della scuola post-laurea dell'università di Nigata delle scienze mediche e dentarie, il Giappone.

I ricercatori hanno usato una tecnica standard per produrre il danno del midollo spinale dovuto la privazione dell'ossigeno nei ratti del laboratorio. Questa tecnica simula una complicazione seria che può accadere in pazienti che subiscono l'ambulatorio principale che comprende l'aorta, quale chirurgia per riparare un aneurisma aortico. In questa situazione, l'interruzione temporanea dell'offerta di sangue (lesione reperfusion/di ischemia) può piombo alla lesione ed alla paraplegia del midollo spinale.

Negli esperimenti, i ratti hanno ricevuto le simvastatine o un trattamento inattivo per una settimana prima dell'interruzione dell'offerta di sangue al midollo spinale, più una dose supplementare 24 ore dopo che il flusso sanguigno è stato ripristinato. I segni di danno e di paraplegia del midollo spinale sono stati confrontati fra i due gruppi.

Dopo 24 e 48 ore, il movimento degli arti posteriori era significativamente migliore in ratti trattati con le simvastatine. L'anomalia di moto dell'arto causata dalla lesione reperfusion/di ischemia è stata diminuita da circa metà in animali statin-trattati, confrontati a quelli che ricevono il trattamento inattivo.

L'esame di seguito degli esemplari del midollo spinale ha mostrato meno danno cellulare nel gruppo di simvastatine.

Il danno del midollo spinale con conseguente paraplegia è un rischio potenziale di ambulatorio aortico. Varie strategie sono state provate per impedire questa complicazione devastante, con successo limitato.

Gli studi recenti hanno suggerito che lo statin drogasse - ampiamente usato per abbassare il colesterolo livello-può proteggere il cervello da danno causato tramite la privazione dell'ossigeno. Ciò solleva la possibilità che gli statins potrebbero avere un simile effetto “neuroprotective„ contro danno del midollo spinale causato dalla lesione reperfusion/di ischemia.

I nuovi esperimenti suggeriscono che la simvastatina protegga da danno del midollo spinale causato dalla lesione reperfusion/di ischemia in ratti, in una situazione simile a quella causata da ambulatorio aortico in esseri umani. È esattamente poco chiaro come la simvastatina esercita il suo effetto-possibile neuroprotective con soppressione delle sostanze nocive rilasciate in risposta alla privazione dell'ossigeno. La più ricerca sarà necessaria vedere se le droghe dello statin hanno dell'effetto protettivo contro la lesione del midollo spinale e paraplegia in pazienti che subiscono l'ambulatorio aortico.

“La lesione del midollo spinale è fra le complicazioni più devastanti di chirurgia vascolare principale,„ il Dott. Steven L. Shafer della Columbia University, il redattore capo dell'anestesia & analgesia di osservazioni. “Sebbene questo risultato sia molto preliminare, apre un nuovo approccio alla protezione del cavo. Se il risultato è riproducibile in più grandi animali, quindi i test clinici dovrebbero essere condotti per stabilire la sicurezza e l'efficacia per i pazienti che subiscono la riparazione aortica.„

Source:

Anesthesia & Analgesia