Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La genetica di Seattle inizia la sperimentazione di fase II di ADCETRIS nel linfoma non Hodgkin di CD30-positive

Seattle la Genetics, Inc. (NASDAQ: SGEN) oggi ha annunciato che ha iniziato un test clinico di fase II di ADCETRIS™ (vedotin del brentuximab) per i pazienti con i linfomi non Hodgkin ricaduti o refrattari di CD30-positive, compreso grande linfoma diffuso del linfocita B, linfoma a cellula T periferico ed altri sottotipi meno comuni di linfoma. La prova è destinata per valutare l'attività antitumorale, la durata della risposta ed il profilo di sicurezza di ADCETRIS in questi pazienti. ADCETRIS è un coniugato della anticorpo-droga (ADC) diretto verso CD30. Il 19 agosto 2011, gli Stati Uniti Food and Drug Administration hanno accordato l'approvazione accelerata di ADCETRIS per due indicazioni.

“Questo test clinico fa parte del nostro piano di sviluppo completo per valutare largamente il potenziale di ADCETRIS nelle malignità di CD30-positive, costruente sui dati abbiamo generato in pazienti sicuri con linfoma di Hodgkin e ALCL sistematico,„ ha detto Thomas C. Reynolds, M.D., il Ph.D., capo ispettore sanitario della genetica di Seattle. “Crediamo che l'abilità d'ottimizzazione di ADCETRIS a CD30 fornisca le opportunità significative nei sottotipi selezionati di linfoma. Questo studio e le nostre altre prove previste più ulteriormente definiranno il ruolo potenziale di ADCETRIS in questi pazienti.„

Il punto finale primario della sperimentazione di fase II è di determinare l'attività antitumorale di ADCETRIS come misurato dal tasso di risposta obiettivo. Inoltre, la prova caratterizzerà la relazione dell'espressione CD30 con attività antitumorale. I pazienti ammissibili devono ricadere o linfoma non Hodgkin refrattario di CD30-positive, all'infuori grande di linfoma anaplastico cutaneo o sistematico delle cellule (ALCL). Lo studio si pensa che iscriva fino a circa 55 pazienti ai centri multipli negli Stati Uniti.

Source:

Seattle Genetics, Inc.