Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La melanina egualmente protegge da radiazione ionizzante

I Sunbathers lungamente hanno saputo che la melanina in loro cellule epiteliali assicura la protezione dal danno causato da luce ultravioletta visibile e. Gli studi più recenti hanno indicato quella melanina, che è prodotta dal gran numero delle forme di vita del pianeta, egualmente fornisce ad alcune specie la protezione da radiazione ionizzante. In microbi sicuri, in particolare alcuni organismi vicino ai precedenti impianti in Cernobyl, melanina del reattore nucleare anche è stato collegato alla crescita aumentata in presenza di radiazione ionizzante.

La ricerca al Dipartimento per l'energia di Stati Uniti il laboratorio nazionale del fiume Savannah, in collaborazione con l'istituto universitario di Albert Einstein di medicina, ha fornito le comprensioni nel meccanismo elettrochimico che dà il polimero complesso conosciuto come melanina i sui beni radioprotective a lungo termine, uno scopo di usando quella conoscenza per sviluppare i materiali che imitano quei beni naturali.

Un articolo recente in bioelettrochimica del giornale (bioelettrochimica 82 (2011) 69-73) collega come i ricercatori hanno stabilito quello radiazione ionizzante interagisce con melanina per alterare il suo potenziale dell'ossidazione/riduzione, con conseguente produzione della corrente elettrica.

La radiazione causa il danno spogliando gli elettroni assenti dal suo obiettivo. “Col passare del tempo, mentre la melanina è bombardata con radiazione e gli elettroni sono battuti via, pensereste vedere la melanina diventare ossidata, o scolorita e perdete la sua capacità di assicurare la protezione,„ ha detto il Dott. Charles Turick, collega di scienza con SRNL, “ma quello non è che cosa stiamo vedendo. Invece, la melanina si ripara continuamente.„

La ricerca del gruppo ha intrapreso loro un'azione più vicino a capire quel meccanismo di auto-ripristino. Hanno dimostrato che la melanina può ricevere gli elettroni, ricambianti gli effetti d'ossidazione della radiazione gamma. Il lavoro ha mostrato, per la prima volta, quell'esposizione costante di melanina ai risultati di radiazione gamma nella produzione della corrente elettrica.

L'imitazione della quell'abilità sarebbe utile, per esempio, nell'industria di spazio, dove i satelliti ed altre attrezzature sono esposti agli alti livelli di radiazione per le portate lunghe di tempo. “Esaminando i materiali, un elettrodo radiazione-ossidato gamma che consiste in parte di melanina accetterebbe costantemente continuamente gli elettroni, quindi con conseguente risposta corrente,„ Turick ha detto. “Se potessimo capire come quel gli impianti, noi potrebbero tenere quella strumentazione lavorare per un tempo molto molto.„

SRNL è l'ufficio della DAINA del laboratorio nazionale della gestione ambientale a SRS. SRNL mette la scienza per lavorare per supportare la DAINA e la nazione nelle aree della gestione ambientale, obbligazione di patria e del cittadino e energia pulita. La gestione e l'appaltatore di funzionamento per SRS e SRNL è soluzioni nucleari del fiume Savannah, LLC.