Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

l'Everolimus-eluizione dello stent diminuisce l'incidenza di trombosi dello stent

I risultati allo dello studio di gruppo fondato a indipendente diBerna-Rotterdam forniscono la prova robusta di una riduzione “importante„ di camice e della trombosi molto recente dello stent. La riduzione dell'incidenza è stata trovata quando uno stent d'eluizione della più nuova generazione (EES) è stato paragonato agli stents d'eluizione della prima generazione (DES) a seguito a lungo termine.

“L'eliminazione vicina di trombosi dello stent osservata fra una e quattro anni dopo che l'impianto mostra quello l'everolimus-eluizione degli stents sormonta la limitazione principale del DES della prima generazione,„ ha detto il Dott. Lorenz Räber del ricercatore dall'ospedale universitario di Berna, Svizzera. “Questo un avanzamento importante nella sicurezza del DES.„

Come sfondo allo studio, il Dott. Räber nota che l'introduzione del DES, che rilasciano le droghe antiproliferative da un polimero sulla superficie dello stent per impedire la formazione di eccessivo tessuto della cicatrice all'interno dell'impalcatura metallica (restenosis), era un avanzamento importante nel campo della cardiologia interventional, poichè il maggiore dovuto il restenosis è stato diminuito significativamente. Tuttavia, dopo l'introduzione del DES, i dati hanno indicato che la formazione di tessuto normale della cicatrice è stata inibita occasionalmente a tal punto che gli stents sono stati lasciati scoperti. Ciò è stata spiegata parzialmente dalle reazioni infiammatorie contro il rivestimento in polimeri, presdisposing a trombosi dello stent.

Sebbene rara, la trombosi dello stent sia una complicazione seria, che può provocare la morte o l'infarto miocardico acuto. Trombosi dello Stent che accade più di un anno dopo che l'impianto - citato comunemente come trombosi molto recente dello stent (VLST) - è stato osservato più frequentemente in pazienti curati con il DES della prima generazione che rilascia il paclitaxel o il sirolimus delle droghe che con gli stents nudi del metallo ed è emerso come un'entità distinta che complica il loro uso. Il gruppo diBerna-Rotterdam precedentemente ha riferito un rischio annuale costante di VLST di 0,6% fino a cinque anni che seguono l'impianto del DES della prima generazione, trovando quello è stato confermato da altre prove e meta-analisi.

È di fronte a questa situazione che il DES della più nuova generazione, quali gli stents d'eluizione, è stato sviluppato, di migliorare la sicurezza con l'applicazione di un polimero più biocompatibile, con una riduzione della dose di farmaco e dello spessore diminuito del puntone. Se questi cambiamenti nella progettazione sono sufficienti per sormontare VLST - la limitazione principale del DES della prima generazione - fin qui non è conosciuta.

Lo studio di gruppo diBerna-Rotterdam ha incluso più di 12.000 pazienti curati fra 2002 e 2009 all'ospedale universitario di Berna in Svizzera e il Thoraxcenter al centro medico di ERASMUS a Rotterdam, Paesi Bassi. L'obiettivo era di paragonare l'incidenza di trombosi dello stent fra il DES della più nuova generazione che eluisce il everolimus ed il DES della prima generazione che eluisce lo srolimus o il paclitaxel, all'attenzione particolare su trombosi dello stent che accade fra un e quattro anni (VLST).

I risultati hanno indicato che la tariffa di trombosi dello stent fino a quattro anni era più bassa fra i pazienti curati con gli stents d'eluizione (1,4%) che con gli stents d'eluizione (2,9%, p<0.0001) e l'paclitaxel-eluizione degli stents (4,4%, p<0.0001). La riduzione della trombosi dello stent era più prominente fra un e quattro anni, con conseguente riduzione di rischio di 67% di VLST per il confronto di everolimus-eluizione con gli stents d'eluizione e una riduzione di rischio di 76% per il confronto di everolimus-eluizione con gli stents d'eluizione.

Commentando i risultati, il Dott. Räber ha detto: “Per la prima volta ora abbiamo prova robusta del vantaggio terapeutico a lungo termine del DES della più nuova generazione sopra il DES della prima generazione. L'eliminazione virtuale di VLST nei nostri risultati fornisce la riassicurazione della sicurezza a lungo termine di queste unità.„