Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori possono risolvere il puzzle di 100 anni per aprire e chiudere sicuro la barriera ematomeningea

I ricercatori di Cornell University possono risolvere un puzzle di 100 anni: Come aprire e chiudere sicuro la barriera ematomeningea in modo che le terapie per trattare il morbo di Alzheimer, la sclerosi a placche ed i cancri del sistema nervoso centrale possano efficacemente essere consegnate. (Giornale di neuroscienza, del 14 settembre, 2011.)

I ricercatori hanno trovato quell'adenosina, una molecola prodotta dall'ente, possono modulare l'entrata di grandi molecole nel cervello. Per la prima volta, i ricercatori hanno scoperto che quando i ricevitori dell'adenosina sono attivati sulle celle che comprendono la barriera ematomeningea, un gateway nella barriera ematomeningea può essere stabilito.

Sebbene lo studio sia fatto sui mouse, i ricercatori egualmente hanno trovato i ricevitori dell'adenosina su queste stesse celle in esseri umani. Egualmente hanno scoperto che una droga approvata dalla FDA attuale ha chiamato Lexiscan, ad una droga basata a adenosina utilizzata nella rappresentazione del cuore in pazienti molto malati, possono anche brevemente aprire il gateway attraverso la barriera ematomeningea.

La barriera ematomeningea è composta di celle specializzate che compongono i vasi sanguigni del cervello. Impedisce selettivamente le sostanze entrare nel sangue e nel cervello, permettenti soltanto tali molecole essenziali come gli amminoacidi, l'ossigeno, il glucosio e l'acqua da parte a parte. La barriera è così restrittiva che i ricercatori non potrebbero trovare un modo consegnare le droghe al cervello - finora.

“La più grande transenna per ogni malattia neurologica è che non possiamo trattare queste malattie perché non possiamo consegnare le droghe nel cervello,„ abbiamo detto Margaret Bynoe, professore associato dell'immunologia all'istituto universitario di Cornell di medicina veterinaria ed all'autore senior del 14 settembre comparente di carta nel giornale della neuroscienza. Aaron Carman, un ex socio postdottorale nel laboratorio di Bynoe, è l'autore principale del documento. Lo studio è stato costituito un fondo per dagli istituti della sanità nazionali.

“Le grandi ditte farmaceutiche stanno provando per 100 anni a scoprire come attraversare la barriera ematomeningea ed ancora tenere i pazienti vivi,„ ha detto Bynoe, che con i colleghi hanno brevettato i risultati ed hanno fondato una società, Adenios Inc., che sarà compreso in prova della droga e nelle prove precliniche.

I ricercatori hanno provato a consegnare le droghe al cervello modificandole in modo da legherebbero ai ricevitori e “al a due vie„ su altre molecole da ottenere attraverso la barriera, ma finora, questo trattamento di modifica piombo ad efficacia persa della droga, Bynoe ha detto.

“Utilizzare i ricevitori dell'adenosina sembra essere un gateway generalizzato attraverso la barriera,„ ha aggiunto. “Stiamo sfruttando che meccanismo per aprire e chiudere il gateway quando vogliamo a.„

Nell'articolo, i ricercatori descrivono con successo trasportare tali macromolecole come i grandi dextrani ed anticorpi nel cervello. “Abbiamo voluto vedere le dimensioni a cui potremmo ottenere le grandi molecole dentro e se c'fosse una restrizione sulla dimensione,„ Bynoe abbiamo detto.

I ricercatori egualmente hanno consegnato con successo un anti-beta anticorpo dell'amiloide attraverso la barriera ematomeningea e lo hanno osservato legare all'beta-amiloide le placche che causano Alzheimer in un modello transgenico del mouse. Il simile lavoro è stato iniziato per il trattamento della sclerosi a placche, dove i ricercatori sperano di stringere la barriera piuttosto che aperta, per impedire alle celle immuni distruttive di entrare e di causare nella malattia.

Sebbene ci siano molti antagonisti conosciuti (droghe o proteine che specificamente bloccano la segnalazione) per i ricevitori dell'adenosina in mouse, i lavori futuri proveranno ad identificare tali droghe per gli esseri umani.

I ricercatori egualmente pianificazione esplorare la consegna delle droghe di tumore al cervello e capire meglio la fisiologia dietro come i ricevitori dell'adenosina modulano la barriera ematomeningea.