Afroamericani più probabilmente dei Caucasians da svilupparsi e morire dal cancro polmonare

Il cancro polmonare, la causa principale della morte del cancro negli Stati Uniti, cattura un tributo particolarmente pesante sugli afroamericani.  Malgrado le loro tariffe di fumo più basse, gli afroamericani sono più probabili dei Caucasians svilupparsi e morire dal cancro polmonare.

Oggi, Eli Lilly e società (NYSE: Risultati annunciati di LLY) di uno studio d'osservazione futuro che ha valutato se l'origine etnica ha pregiudicato il risultato nei non piccoli malati di cancro del polmone delle cellule della fase IIIB/IV (NSCLC) curati con ALIMTA® (pemetrexed per l'iniezione) nella regolazione del secondo line.  Lo studio ha trovato che la tariffa del controllo di malattie (una delle misure per la valutazione dell'efficacia delle terapie di NSCLC) fra gli afroamericani era non inferiore a quella dei Caucasians.

I risultati dello studio sono stati annunciati oggi alla scienza annuale americana dell'Associazione per la ricerca sul cancro (AACR) “delle disparità di salubrità del Cancro in razziale/minoranze etniche e„ nella riunione medicamente Underserved in Washington, DC

“Pochi studi futuri del cancro polmonare hanno esaminato l'impatto della corsa ed origine etnica sui risultati clinici,„ ha detto Lee Schwartzberg, M.D., FACP, Presidente e capo ispettore sanitario alla ricerca della GHIANDA, al LLC e ad uno dei ricercatori dello studio.  “Ma come ricercatori del cancro, determinanti come il trattamento di influenze di origine etnica dovrebbe essere altrettanto importante quanto scoprendo il ruolo di una mutazione genetica nella predizione del successo terapeutico.„

La tariffa del controllo di malattie, o il DCR, è definita come la percentuale dei pazienti con una risposta parziale o completa ad una droga, più la percentuale dei pazienti di cui la malattia si è stabilizzata. Il DCR potrebbe essere un preannunciatore più potente di come una droga pregiudicherà la sopravvivenza che la misura tradizionale della risposta del tumore alla terapia (la somma della risposta completa più la risposta parziale).

Le informazioni sul DCR erano disponibili per 267 Caucasians e 59 afroamericani.  Il DCR non regolato, o i dati grezzi, era 45,8 per cento (27 di 59 pazienti) per il braccio afroamericano di studio e 43,4 per cento (116 di 267 pazienti) per il braccio caucasico.  Il rapporto di probabilità, una misura di se una risposta è più probabile in una popolazione che un altro, indicata le proporzioni era simile.  Ciò era vera sui dati grezzi come pure dopo adeguamento per i fattori pertinenti quali l'età, il genere, lo stato di fumo ed il reddito.

La sopravvivenza mediana per i pazienti afroamericani nello studio era di 6,9 mesi (ci di 95%: 4,5, 8,9) rispetto a 6,7 mesi (ci di 95%: 5,7, 7,9) per i pazienti caucasici.  Inoltre, i pazienti afroamericani hanno raggiunto 3,0 mesi (ci di 95%: 2,3, 4,7) della sopravvivenza senza progressione mediana rispetto a 2,7 mesi (ci di 95%: 2,4, 3,4) per i pazienti caucasici.  I risultati indicano che il DCR era non inferiore per l'afroamericano confrontato ai pazienti caucasici di NSCLC che ricevono ALIMTA in questo studio.

“Tradizionalmente, la vasta maggioranza degli studi del cancro polmonare ha fatto partecipare i Caucasians, in modo dai medici non hanno avuti modo di sapere se gli stessi risultati avrebbero sostenuto per altri gruppi etnici, quali gli afroamericani,„ ha detto Coleman Obasaju, M.D., Ph.D., Direttore medico senior all'oncologia di Lilly.  “Questi generi di studi ci aiutano a cominciare ad eliminare questo divario ed a migliorare i risultati di salubrità per tutte le origini etniche.„

Come componente dello scopo di Lilly per migliorare i risultati di salubrità per i diversi pazienti, la società sta aumentando l'iscrizione di diverse popolazioni nei test clinici e sta rendendola più facile per i pazienti nelle minoranze partecipare.  La strategia del test clinico di Lilly include la formazione delle associazioni con altre organizzazioni impegnate nello stesso scopo e la fabbricazione degli sforzi per istruire ed incoraggiare i medici ed i pazienti a capire l'importanza di diversa rappresentazione nei test clinici.

Source:

Eli Lilly and Company