Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Le droghe HSV1 hanno potuto rallentare la progressione del Morbo di Alzheimer

Le droghe Antivirali usate per mirare al virus di herpes hanno potuto essere efficaci a rallentare la progressione del Morbo di Alzheimer (AD), manifestazioni nuove di uno studio.

L'Università di scienziati di Manchester precedentemente ha indicato che il tipo 1 del virus Herpes simplex (HSV1) è un fattore di rischio per Alzheimer quando è presente nei cervelli della gente che ha un rischio genetico specifico alla malattia.

L'ANNUNCIO è uno stato neurodegenerative incurabile che pregiudica circa 18 milione di persone universalmente. Le cause della malattia o delle strutture anormali della proteina vedute nei cervelli dell'ANNUNCIO - placche dell'amiloide e grovigli neurofibrillary - sono completamente sconosciute.

Il gruppo di Manchester ha stabilito che il virus di herpes causasse una capitalizzazione di due proteine chiave dell'ANNUNCIO - β-amiloide (Aβ) e tau (P-Tau) anormalmente fosforilata - conosciute per essere le componenti principali delle placche e dei grovigli rispettivamente. Entrambe Le proteine sono pensate da molti scienziati da partecipare allo sviluppo della malattia.

“Abbiamo trovato che il DNA virale nei cervelli dell'ANNUNCIO molto specificamente è situato all'interno delle placche dell'amiloide,„ abbiamo detto il Professor Ruth Itzhaki, che piombo il gruppo nella Facoltà dell'Università delle Scienze Biologiche. “Questo, insieme alla produzione di amiloide che il virus induce, suggerisce che HSV1 sia una causa dei prodotti tossici dell'amiloide e delle placche.

“I Nostri risultati indicano che HSV1, insieme al fattore genetico ospite, è un rischio importante per l'ANNUNCIO e che gli agenti antivirali potrebbero essere usati per la cura dei pazienti per rallentare la progressione di malattia.„

Gli agenti antivirali Attualmente disponibili agiscono mirando alla replica di DNA HSV1 ed in modo dai ricercatori hanno considerato che potrebbero riuscire nel trattamento dell'ANNUNCIO soltanto se la capitalizzazione di β-amiloide e di capitalizzazione P-Tau causati dal virus si presenta in o dopo la fase in cui il Replicazione del dna virale si presenta.

“Se queste proteine sono prodotte indipendentemente dalla replica HSV1, i antivirals non potrebbero essere efficaci,„ ha detto il Professor Itzhaki. “Abbiamo studiato questo e la replica HSV1 della diminuzione come pure di P-Tau e di β-amiloide la capitalizzazione ha fatto diminuire effettivamente, antivirals altri due con anche e l'agente antivirale più comunemente usato, acyclovir con delle celle di HSV1-infected il trattamento che abbiamo trovato poichè avremmo preveduto.

“Questo è il primo studio che studia gli effetti antivirali sui cambiamenti del tipo di annuncio e concludiamo che poiché gli agenti antivirali diminuiscono notevolmente l'β-amiloide ed i livelli P-Tau in celle di HSV1-infected, essi saremmo adatti a trattare il Morbo di Alzheimer. Il grande vantaggio sopra le terapie correnti dell'ANNUNCIO è che il acyclovir mirerebbe soltanto al virus, non alla cellula ospite o alle celle non infette normali. Più Ulteriormente, questi agenti sono molto sicuri e sono relativamente economici.

“Inoltre, mirando ad una causa del Morbo di Alzheimer, l'altro danno virale, oltre ad β-amiloide e aP-Tau, che potrebbero partecipare alla patogenesi della malattia, egualmente sarebbe inibito.

“La fase seguente della nostra ricerca - conforme al finanziamento - metterà a fuoco sull'individuazione l'agente antivirale più adatto - o della combinazione di due agenti che funzionano via i meccanismi differenti - per uso come trattamento. Poi dobbiamo studiare il modo in cui il virus ed il fattore di rischio genetico interattivi causare la malattia, come che potrebbe piombo ad ulteriori trattamenti novelli.

“Finalmente, speriamo di cominciare i test clinici in esseri umani ma questo è ancora un certo modo fuori eppure ed ancora richiederà il nuovo finanziamento.„

Sorgente: Università di Manchester

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    The University of Manchester. (2011, October 18). Le droghe HSV1 hanno potuto rallentare la progressione del Morbo di Alzheimer. News-Medical. Retrieved on October 27, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20111018/HSV1-drugs-could-slow-progression-of-Alzheimers-disease.aspx.

  • MLA

    The University of Manchester. "Le droghe HSV1 hanno potuto rallentare la progressione del Morbo di Alzheimer". News-Medical. 27 October 2021. <https://www.news-medical.net/news/20111018/HSV1-drugs-could-slow-progression-of-Alzheimers-disease.aspx>.

  • Chicago

    The University of Manchester. "Le droghe HSV1 hanno potuto rallentare la progressione del Morbo di Alzheimer". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20111018/HSV1-drugs-could-slow-progression-of-Alzheimers-disease.aspx. (accessed October 27, 2021).

  • Harvard

    The University of Manchester. 2011. Le droghe HSV1 hanno potuto rallentare la progressione del Morbo di Alzheimer. News-Medical, viewed 27 October 2021, https://www.news-medical.net/news/20111018/HSV1-drugs-could-slow-progression-of-Alzheimers-disease.aspx.