Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'antiossidante può ritardare l'inizio di tutti gli indicatori di Alzheimer

Quando tagliate una mela e la omettete, gira il marrone. Schiacci la mela con il succo di limone, un antiossidante ed il trattamento rallenta.

Messo semplicemente, quello stesso “dorare„ trattamento-noto come ossidativo sforzo-accade nel cervello mentre il morbo di Alzheimer colloca dentro. La causa fondamentale è creduta essere trattamento improprio di una proteina connessa con la creazione dei radicali liberi che causano lo sforzo ossidativo.

Ora, uno studio dai ricercatori nell'università di istituto universitario della Georgia della farmacia ha indicato che un antiossidante può ritardare l'inizio di tutti gli indicatori del morbo di Alzheimer, compreso il declino conoscitivo. I ricercatori hanno amministrato un composto antiossidante chiamato MitoQ ai mouse geneticamente costruiti per sviluppare Alzheimer. I risultati del loro studio sono stati pubblicati nell'edizione del 2 novembre del giornale della neuroscienza.

Secondo la società del Alzheimer, più di 5 milione Americani corrente soffrono dalla malattia neurodegenerative. Senza riuscita prevenzione, quasi 14 milione Americani avranno Alzheimer da ora al 2050, rappresentando i costi di sanità di più di $1 trilione all'anno.

Lo sforzo ossidativo è creduto per indurre i neuroni nel cervello a morire, con conseguente Alzheimer. Studi l'autore James Franklin, un professore associato di farmaceutico e le scienze biomediche, ha studiato la morte di un neurone delle cellule e lo sforzo ossidativo a UGA dal 2004.

“Il cervello consuma 20 per cento dell'ossigeno nell'organismo anche se compone soltanto 5 per cento del volume, in modo da è particolarmente suscettibile dello sforzo ossidativo,„ ha detto Franklin, co-author dello studio con Meagan McManus, che ha ricevuto il suo Ph.D. in neuroscienza da UGA nel 2010.

I ricercatori di UGA hanno supposto che gli antiossidanti amministrati senza successo da altri ricercatori per curare Alzheimer non fossero concentrati abbastanza nei mitocondri delle celle. I mitocondri sono strutture all'interno delle celle che hanno molte funzioni, compreso la produzione delle molecole ossidative che danneggiano il cervello e causano la morte delle cellule.

“MitoQ si accumula selettivamente nei mitocondri,„ ha detto McManus, che ora sta studiando la genetica e la disfunzione mitocondriali come ricercatore postdottorale all'ospedale pediatrico di Filadelfia.

“È più efficace affinchè il trattamento vada diritto ai mitocondri, piuttosto che essendo presente nella cella„ ha detto generalmente.

Sebbene precedentemente non abbia condotto la ricerca sul morbo di Alzheimer, Franklin è stato mosso per approvare la proposta di ricerca di McManus per catturare la sua ricerca del laboratorio in una direzione più clinica in parte a causa della sua cronologia della famiglia con la malattia.

“Due dei miei nonni hanno avuti morbo di Alzheimer, ma hanno presentato molto diversamente con. Mentre mio nonno non potrebbe ricordarsi spesso chi eravamo, era ancora lo stesso funnyman che pieno di sentimento avevo amato sempre. Ma la malattia ha cambiato la mente di mia nonna in modo diverso e trasformato lei in qualcuno non avevamo saputo mai,„ ha detto McManus.

“Così la complessità della malattia era più intrigante a me. Ho voluto conoscere come e perché stava accadendo e più d'importanza, come fermarla dall'avvenimento all'altra gente,„ ha detto.

Nel loro studio, i mouse costruito per portare tre geni connessi con Alzheimer familiare sono stati collaudati a danno conoscitivo facendo uso del labirinto dell'acqua di Morris, una prova comune per la conservazione di memoria. I mouse che avevano ricevuto MitoQ in loro acqua potabile hanno eseguito significativamente migliore di quelli che non hanno fatto. Ulteriormente, i mouse trattati hanno verificato la quantità negativa a sforzo ossidativo, a carico dell'amiloide, a morte neurale ed a perdita sinaptica connessi con Alzheimer.