Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Inlyta riceve l'approvazione di FDA per il trattamento del cancro avanzato del rene

Le guide della Droga tengono il cancro dalla progressione

Gli Stati Uniti Food and Drug Administration oggi hanno approvato Inlyta (axitinib) per curare i pazienti con il cancro avanzato del rene (cancro del rene) che non hanno risposto ad un'altra droga per questo tipo di cancro.

Il Cancro del rene è un tipo di cancro del rene quel inizio nel rivestimento di tubi molto piccoli nel rene. Inlyta funziona bloccando determinate proteine chiamate chinasi che svolgono un ruolo nella crescita del tumore e nella progressione del cancro. Inlyta è una pillola che i pazienti catturano due volte al giorno.

“Questa è la settima droga che è stata approvata per il trattamento del cancro metastatico o avanzato delle cellule del rene dal 2005,„ ha detto Richard Pazdur, M.D., Direttore dell'Ufficio dell'Ematologia e dei Prodotti dell'Oncologia nel Centro di FDA per la Valutazione e la Ricerca della Droga. “Collettivamente, questo livello senza precedenti di sviluppo della droga durante questo periodo di tempo ha alterato significativamente il paradigma del trattamento del cancro metastatico del rene ed offre a pazienti le opzioni multiple del trattamento.„

Le droghe Recentemente approvate per il trattamento del cancro del rene comprendono il sorafenib (2005), il sunitinib (2006), il temsirolimus (2007), il everolimus (2009), il bevacizumab (2009) e il pazopanib (2009).

La sicurezza e l'efficacia di Inlyta sono state valutate in una singola ripartita le probabilità in, il aperto contrassegno, uno studio clinico multicentrato di 723 pazienti su cui la malattia aveva progredito o dopo il trattamento con una terapia sistematica priore. Lo studio è stato destinato per misurare la sopravvivenza senza progressione, il tempo che un paziente ha vissuto senza la progressione del cancro. I Risultati hanno mostrato una sopravvivenza senza progressione mediana di 6,7 mesi rispetto a 4,7 mesi ad un trattamento standard (sorafenib).

Gli effetti secondari più comuni osservati in più maggior di 20 per cento dei pazienti nello studio clinico erano diarrea, ipertensione (ipertensione), fatica, appetito in diminuzione, nausea, perdita di voce (dysphonia), sindrome del a mano piede (eritrodisestesia palmar-plantare), perdita di peso, vomitare, la debolezza (astenia) e costipazione.

I Pazienti con ipertensione dovrebbero averlo controllata ben prima della cattura del Inlyta. Alcuni pazienti che hanno catturato Inlyta sperimentato sanguinando i problemi, che erano in alcuni casi interni. I Pazienti con i tumori cerebrali non trattati o lo spurgo gastrointestinale non dovrebbero catturare Inlyta.

Inlyta è commercializzato da New York a Pfizer Inc. Basato a città

SORGENTE Stati Uniti Food and Drug Administration