Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I microarrays di Agilent utilizzati in punto di riferimento studiano sui campioni prenatali

Agilent Technologies Inc. (NYSE: A) oggi ha annunciato che i sui microarrays sono stati utilizzati in uno studio della ricerca del punto di riferimento sui campioni prenatali. Lo studio triennale è stato destinato per valutare i vantaggi di accuratezza, di efficacia e di potenziale di usando l'analisi di microarray rispetto a karyotyping convenzionale. I microarrays di Agilent SurePrint CGH ed il software di analisi sono stati usati per il gruppo del campione di maggioranza di 4.400 campioni.

I ricercatori dall'Emory University, l'istituto universitario di Baylor di medicina, la Columbia University e la genomica dell'impronta hanno partecipato allo studio. I risultati sono stati presentati la settimana scorsa ad una riunione della società per medicina Materno-Fetale. Una parte dello studio ha messo a fuoco sul confronto con i cariotipi. Una seconda parte ha messo a fuoco sulla valutazione della prestazione analitica.

Lo studio della ricerca rappresenta una pietra miliare significativa nella comprensione delle anomalie prenatali.

Agilent era il contributore primario dei microarrays ed i reagenti a questo studiano, poichè 71 per cento dei campioni è stato fatto funzionare sui microarrays di Agilent SurePrint CGH, con il software di Agilent usato per l'analisi di dati. Agilent ha assistito i ricercatori dal gruppo di studio prenatale nello sviluppare le schiere utilizzate nello studio.

“Questo studio della ricerca del punto di riferimento sui campioni prenatali avrà implicazioni durature alla comunità di ricerca,„ ha detto il Dott. Laird Jackson, professore, la genetica, il dipartimento dell'ostetricia e la ginecologia, istituto universitario di Drexel University di medicina. “I Microarrays hanno permesso che noi individuassimo le più piccole aberrazioni confrontate a karyotyping tradizionale.„

Complessivamente 5.500 schiere sono state usate. La maggior parte dei campioni era liquido amniotico barbaro e villi coriali. Tutti i campioni egualmente sono stati inviati ad un laboratorio di riferimento per l'analisi del cromosoma. Tutti i dati saranno presentati al centro nazionale per informazioni di biotecnologia e saranno a disposizione della comunità gratis. I microarrays di Agilent non sono annullati o non approvati per uso nelle procedure diagnostiche.

Source:

 Agilent Technologies