Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'inquinamento atmosferico solleva il rischio di colpo e di declino conoscitivo

Secondo i dati da due studi pubblicati negli archivi dell'esposizione della medicina interna ad inquinamento atmosferico può avere conseguenze conoscitive e cardiovascolari gravi di salubrità, anche ai livelli corrente reputati accettabili dall'ente per la salvaguardia dell'ambiente degli Stati Uniti (EPA).

Gregory Wellenius, della Brown University nella provvidenza, indice di rifrazione e colleghi ha trovato che l'esposizione a breve termine al particolato fine ai livelli che il EPA considera la cassaforte può aumentare il rischio per il colpo ischemico. Nell'altro studio, Jennifer Weuve, del centro medico di Rush University in Chicago e colleghi ha trovato che l'esposizione a lungo termine al particolato fine è stata associata con il declino conoscitivo significativamente accelerato fra le donne più anziane.

Lo studio di Wellenius ed altri “aggiunge alla prova già ben fondata„ che collega l'inquinamento atmosferico agli effetti cardiovascolari, Rajiv Bhatia, dal ministero della salute ambientale al ministero di San Francisco della salute pubblica, ha scritto in un editoriale accompagnante. Bhatia ha concluso che più sforzo è necessario porre freno l'esposizione umana ad inquinamento atmosferico al livello comunitario come pure attraverso “iniziative regolarici supporto più rigorose e creative e più politico.„  Ha rivolto ai fornitori di cure mediche sostenere per queste protezioni.

Inquinamento atmosferico e rischio di colpo

Wellenius ed i colleghi hanno analizzato i dati da 1.705 pazienti ammessi ad una singola istituzione a Boston con il colpo ischemico neurologo-confermato fra il 1° aprile 1999 ed il 31 ottobre 2008. Hanno esaminato l'associazione fra il particolato fine (definito come particelle di meno di 2,5 micrometri di diametro) ed il colpo.

Il periodo di studio ha compreso soltanto i giorni in cui la qualità dell'aria era buona o moderata come misurato ad una stazione di video centrale. I regolamenti di EPA definiscono la buona qualità dell'aria come concentrazioni di particolato fine pari o al di sotto di 15 microgrammi per metro cubico di aria e del moderato come fra 15 e 40 microgrammi. I ricercatori hanno escluso il 11 giorno cui l'inquinamento atmosferico sorpassava 40 microgrammi per metro cubico.

Hanno trovato che il rapporto stimato di probabilità dell'inizio del colpo era 1,34 dopo un periodo di 24 ore durante cui la qualità dell'aria è stata classificata come moderato rispetto ad un simile, calendario di qualità dell'buon-aria.  Questa associazione era lineare, con l'associazione fra l'inizio del colpo ed il particolato fine più forti in 12 ore dell'esposizione fra quelle con l'occlusione di aterosclerosi o dell'piccolo-imbarcazione dell'gran-arteria.

Quando hanno esaminato il tipo di particolato, i ricercatori hanno determinato che il rischio è stato associato più forte con inquinamento di traffico, come carbonio nero e NO2, contro il particolato associato non traffico.

Inquinamento atmosferico e declino conoscitivo

Weuve ed i colleghi hanno esaminato i dati da 19.049 donne di 70 anni o più vecchi senza una cronologia del colpo, che ha partecipato allo studio di salubrità degli infermieri fra 1995 e 2001 ed ha acconsentito per subire la prova conoscitiva.

Il ricercatore ha eseguito la prova conoscitiva tramite telefono tre volte durante il periodo di studio, ad intervalli biennali che cercano le associazioni fra i cambiamenti conoscitivi in entrambi ammenda (più piccolo di 2,5 micrometri di diametro) e l'esposizione del particolato di corso (2.5-10 micrometri).

Significativamente più velocemente il declino conoscitivo si è presentato fra i partecipanti con i livelli elevati dell'esposizione a lungo termine ad entrambi i gradi degli agenti inquinanti, i ricercatori determinati. Per ogni 10 microgrammi per aumento cubico del tester nell'esposizione a lungo termine alle particelle grosse, i partecipanti hanno avvertito i 0,020 declini essere in media dell'unità in punteggio globale durante il biennio. Similmente, il declino globale biennale del punteggio per ogni 10 microgrammi per esposizione cubica della particella di aumento del tester in fine era 0,018. Questi cambiamenti erano alla pari delle differenze nelle traiettorie conoscitive delle donne diversi circa due anni nell'età, i ricercatori celebri.

“Queste associazioni erano presenti ai livelli di esposizione di PM tipici in molte regioni degli Stati Uniti. Di conseguenza, se i nostri risultati sono confermati nell'altra ricerca, la riduzione dell'inquinamento dell'aria è modo di un potenziale per la diminuzione del carico futuro della popolazione del declino conoscitivo relativo all'età e finalmente, la demenza,„ Weuve ed altri ha scritto.

“Noi, come società, sia sull'orlo dell'occuparsi di un numero senza precedenti della gente che ha demenza,„ ha detto Jennifer Weuve, autore principale dello studio e un ricercatore al centro medico della Rush University di Chicago. “Sappiamo relativamente poco circa come impedire la demenza, ma sappiamo che il declino conoscitivo è collegato con demenza.„

“Risulta che la malattia cardiovascolare può svolgere un ruolo nel declino conoscitivo,„ ha detto Weuve, che è un ricercatore all'istituto dell'attività  per invecchiamento sano. Così se capiamo come impedire o ritardare questi incrementi conoscitivi, forse possiamo impedire o ritardare la demenza.„ E non appena ad un livello determinato, ha detto. “Che cosa è interessante circa inquinamento atmosferico,„ Weuve ha detto, è che “altri fattori che possono causare la demenza sono trovati generalmente al livello più determinato - la dieta, peso, fumante. E possiamo contribuire a provare ad impedirli a quel livello. Ma in questo caso, stiamo esaminando qualcosa che possiamo fare per intervenire ad un vasto disgaggio, con la società nel suo insieme… siamo un intero nuovo modo pensare alla prevenzione per demenza e declino conoscitivo,„ ha detto.

Ha detto che la più ricerca deve essere effettuata. Per esempio, è il declino che conoscitivo hanno osservato dovuto le emissioni cardiovascolari, o agenti inquinanti è avuto un effetto diretto sul cervello?

“Continuiamo imparare circa gli effetti contrari (da inquinamento) che noi abbiamo pensato possibile,„ ha detto Jean Ospital, ufficiale di effetti sulla salute con il distretto della gestione di qualità dell'aria della costa sud, che non è stato compreso con la ricerca corrente. “Non sono sicuro io trovo questi risultati sorprendenti,„ ha detto, “ma non sono egualmente sicuro io li avrei preveduti se mi aveste chiesto 10 anni fa.„

“La riga inferiore,„ ha detto Sam Atwood, un portavoce per il distretto della gestione di qualità dell'aria della costa sud, “è quello nella California del sud, abbiamo alcuni dei livelli elevati del particolato nel paese e stiamo lavorando il più rapidamente possibile a diminuire quei livelli.„

“Mentre i livelli globali di particelle fini e di ozono sono diminuito significativamente nelle due decadi scorse, questi due agenti inquinanti ancora posano un carico alla salute pubblica,„ l'istruzione di EPA ha detto. “Una delle cose più dure da spiegare al pubblico è che mentre l'aria è più pulita, continuiamo a trovare che abbiamo sottovalutato gli effetti sulla salute di inspirare l'inquinamento atmosferico,„ abbiamo detto Joe Lyou, presidente e direttore generale della coalizione per aria pulita e un membro di consiglio di amministrazione del distretto della gestione di qualità dell'aria della costa sud. “Sì, abbiamo fatto le realizzazioni significative, ma ancora abbiamo parecchio da fare. Il pubblico deve capire che questa sia una situazione di vita o di morte.„

Dr. Ananya Mandal

Written by

Dr. Ananya Mandal

Dr. Ananya Mandal is a doctor by profession, lecturer by vocation and a medical writer by passion. She specialized in Clinical Pharmacology after her bachelor's (MBBS). For her, health communication is not just writing complicated reviews for professionals but making medical knowledge understandable and available to the general public as well.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Mandal, Ananya. (2018, August 23). L'inquinamento atmosferico solleva il rischio di colpo e di declino conoscitivo. News-Medical. Retrieved on July 15, 2020 from https://www.news-medical.net/news/20120215/Air-pollution-raises-risk-of-stroke-and-cognitive-decline.aspx.

  • MLA

    Mandal, Ananya. "L'inquinamento atmosferico solleva il rischio di colpo e di declino conoscitivo". News-Medical. 15 July 2020. <https://www.news-medical.net/news/20120215/Air-pollution-raises-risk-of-stroke-and-cognitive-decline.aspx>.

  • Chicago

    Mandal, Ananya. "L'inquinamento atmosferico solleva il rischio di colpo e di declino conoscitivo". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20120215/Air-pollution-raises-risk-of-stroke-and-cognitive-decline.aspx. (accessed July 15, 2020).

  • Harvard

    Mandal, Ananya. 2018. L'inquinamento atmosferico solleva il rischio di colpo e di declino conoscitivo. News-Medical, viewed 15 July 2020, https://www.news-medical.net/news/20120215/Air-pollution-raises-risk-of-stroke-and-cognitive-decline.aspx.