Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I pazienti di CML possono trarre giovamento da imatinib dopo le terapie infruttuose dell'interferone

Un nuovo studio ha trovato che pazienti con la leucemia mieloide cronica (CML) che non hanno risposto ai vantaggi a lungo termine di esperienza di trattamenti dell'interferone quando passano al imatinib mirato a della droga. Pubblicato presto online nel Cancro, un giornale pari-esaminato dell'associazione del cancro americana, lo studio indica che il imatinib è il trattamento della scelta per questi pazienti.

Imatinib, una droga che blocca la proteina ha fatto da un gene cancerogeno particolare, ha rivoluzionato il trattamento e la prognosi dei pazienti con CML. Ora fino a 93 per cento dei pazienti che catturano la droga mentre la terapia iniziale per CML sopravvive almeno ad otto anni, mentre prima di imatinib, pazienti hanno sopravvissuto ad una media dei soltanto tre - sei anni.

Mentre il imatinib ora è la droga standard data dopo una diagnosi di CML, circa 15.000 - 20.000 pazienti negli Stati Uniti possono cominciare catturare il imatinib dopo non essere riuscito a rispondere alla droga standard precedente per CML, interferone. Come i pazienti che ora catturano il imatinib come terapia iniziale per il loro cancro, questi pazienti sembrano reagire bene a imatinib, almeno a breve termine; tuttavia, piccolo è conosciuto circa la loro prognosi a lungo termine.

Per studiare, Hagop Kantarjian, MD, del centro del Cancro di Anderson di MD dell'università del Texas a Houston e dei suoi colleghi ha analizzato 368 pazienti di CML dalla loro istituzione che ha cominciato catturare il imatinib dopo non essere riuscito a rispondere ad interferone. Il gruppo ha stimato che 68 per cento dei pazienti sopravvivessero a per almeno 10 anni. La ricerca precedente indica che soltanto 20 - 30 per cento dei pazienti che non rispondono alla terapia dell'interferone e non hanno accesso a imatinib sopravvivere a questo lungo.

Secondo gli autori, questi risultati suggeriscono che la maggior parte dei pazienti possano trarre giovamento da imatinib dopo i trattamenti infruttuosi dell'interferone e non devono considerare altre opzioni terapeutiche.