Il Cibo del salmone avvantaggia le donne incinte ed i loro bambini

L'Università di ricercatori di Granada ha provato che mangiare due servizi del salmone elevati ad un'impresa di piscicoltura (arricchito con gli acidi grassi omega-3 e leggermente contaminato soltanto) una settimana durante la gravidanza è utile entrambi per la madre ed il bambino.

Questi studi di ricerca - intrapresi nel quadro di un Progetto costituito un fondo per dal Programma Quadro di VI UE ha chiamato Il Salmone nello Studio (SiPS) di Gravidanza rivela che l'assunzione del salmone aumenta i livelli dell'acido grasso omega-3 sia nella madre che nel bambino e migliora le loro difese antiossidanti; la causa è il contenuto del retinolo e del selenio del salmone. Inoltre, il salmone non altera i livelli di sforzo ossidativi, la risposta infiammatoria e l'omeostasi vascolare.

Per effettuare questo studio, un campione ripartito con scelta casuale delle donne incinte con l'assunzione bassa del pesce è stato selezionato. Il campione è stato diviso in due gruppi: il gruppo di controllo - di che è continuato con il loro gruppo Di Color Salmone regolare e di dieta - di cui ha compreso due servizi “ha trattato„ il salmone a partire da 20 settimane della gestazione fino al termine. Il salmone utilizzato in questo studio era stato elevato in un'impresa di piscicoltura nell'ambito di una dieta controllata compreso gli ingredienti speciali (oli vegetali ed alimento come le alghe e zooplancton); con questa dieta, il salmone è diventato ricco in acidi grassi omega-3 ed ha presentato le alte concentrazioni di vitamine antiossidanti - come Vitamine A ed E e selenio; inoltre il pesce ha contenuto i livelli molto bassi dell'agente inquinante.

Sangue e Campioni di Urina

Il Sangue ed i campioni di urina sono stati prelevati dai due gruppi, che egualmente sono stati chiesti di compilare un questionario delle abitudini alimentari alle settimane 20 e 34 della gestazione - quale fornirebbero informazioni sull'ingestione di cibo durante le 12 settimane precedenti. Successivamente, il sangue ed i campioni di urina sono stati prelevati ancora alla settimana 38 della gestazione ed a lavoro - dove egualmente i campioni di sangue del cavo sono stati prelevati.

I ricercatori hanno trovato che le concentrazioni nell'acido grasso omega-3 sono migliorato quando le donne incinte che non hanno mangiato frequentemente il pesce hanno mangiato due servizi del settimanale di color salmone; gli stessi risultati sono stati ottenuti per i neonati. Due servizi del salmone alla settimana aiutano la madre ed il suo bambino a raggiungere l'assunzione raccomandata minimo dell'acido grasso omega-3.

Ulteriormente, i ricercatori hanno trovato che i biomarcatori per ossidazione del lipido e danno ossidativo a DNA non sono stati influenzati dall'assunzione del salmone. Quindi, i ricercatori hanno concluso quello che mangiano due servizi del salmone che una settimana durante la gravidanza non aumenta lo sforzo ossidativo. Infatti, le concentrazioni nel retinolo e nel selenio sono state aumentate di plasma delle donne incinte e le concentrazioni nel selenio sono aumentato di neonati. Questo miglioramento nelle difese antiossidanti ha potuto contribuire ad impedire e diminuire lo sforzo ossidativo supplementare connesso con la gravidanza.

Per Concludere, mangiare il salmone elevato ad un'impresa di piscicoltura non ha pregiudicato negativamente le difese delle donne incinte, carboidrato e metabolismo dei lipidi, adipokine e concentrazioni e biomarcatori antiossidanti di citochina per omeostasi vascolare nei neonati.

http://canal.ugr.es/health-science-and-technology/item/55521