Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'aderenza diminuente di GPA fra gli utenti COX-2 aumenta il rischio di complicazioni superiori di GI

Aumenta il rischio di complicazioni superiori di GI

Per alleviare il dolore, le vittime di artrite sono farmaci prescritti che possono includere gli anti-infiammatori non steroidei (NSAIDs) o gli inibitori cyclooxygenase-2 (COX-2), di cui tutt'e due possono irritare l'apparato digerente. Le droghe supplementari co-sono prescritte a volte con NSAIDs o gli inibitori COX-2 per impedire gli effetti gastrointestinali (GI) avversi. Ora un oggi disponibile di nuovo studio nell'istituto universitario americano del giornale della reumatologia, l'artrite & il reaumatismo, rivela che l'aderenza gastroprotective diminuente dell'agente (GPA) fra gli utenti degli inibitori COX-2 è collegata ad un rischio aumentato di tali complicazioni superiori di GI.

Le linee guida cliniche correnti raccomandano che GPAs, quali gli inibitori della pompa del protone (PPIs) o il misoprostol, sia prescritto ai pazienti che catturano NSAIDs e agli inibitori-anche COX-2 conosciuti come COX-2 stampo-che sono ad ad alto rischio degli eventi superiori di GI. La ricerca precedente indica che negli utenti di NSAID che non riescono ad aderire al regime di GPA, l'effetto protettivo delle droghe di GPA è diminuito. Tuttavia, la prova limitata è disponibile considerando l'effetto di aderenza ad un regime gastroprotective della droga con uso dello stampo COX-2 ed è il fuoco della ricerca corrente piombo dal Dott. Vera Valkhoff con il centro medico di ERASMUS nei Paesi Bassi.

Il Dott. Valkhoff e colleghi ha analizzato i dati dalle registrazioni basate sulla popolazione di pronto intervento nel Regno Unito, nei Paesi Bassi ed in Italia fra 1996 e 2008. Il gruppo di studio ha incluso 14.416 pazienti 50 anni o più vecchi chi erano inibitori prescritti COX-2 e GPAs. I ricercatori hanno calcolato l'aderenza di GPA come la proporzione dei giorni del trattamento dello stampo COX-2 coperti da una prescrizione di GPA. I casi fa parte dello stampo COX-2 più il gruppo di GPA che ha avuto una complicazione superiore di GI (emorraggia di GI o ulcera sintomatica) che ha compreso 16.442 episodi.

I ricercatori hanno notato che di COX-2 gli stampi hanno prescritto 43% di celecoxib usato partecipanti (Celebrex), il etoricoxib del rofecoxib di 41% (Vioxx), di 1 e di 15% (Arcoxia), 2 con la maggior parte dei pazienti che usando queste droghe per i meno di 30 giorni. Durante lo studio 74 i pazienti hanno avuti un evento superiore di GI, con conseguente tariffa di incidenza di 11,9 a 1.000 anni dell'utente dell'inibitore COX-2. I risultati hanno indicato che il rischio di complicazione superiore di GI era più alto in adherers bassi di GPA (GPA è stato catturato in media uno sui cinque giorni di uso dello stampo COX-2, o più di meno) confrontati ai adherers pieni (GPA è stato catturato quattro sui cinque giorni di uso dell'inibitore COX-2, o più).

Ulteriore analisi ha trovato quella per ogni diminuzione di 10% nell'aderenza di GPA, c'era un aumento di 9% nel rischio di complicazioni gastrointestinali. “I nostri risultati indicano che con ogni riduzione di tre giorni di copertura di GPA ai 30 giorni di uso dell'inibitore COX-2, il rischio di eventi superiori di GI aumenta 9%,„ conclude il Dott. Valkhoff. “Questo studio conferma i vantaggi di aderenza di GPA nella diminuzione del rischio di complicazioni superiori di GI da uso degli stampi COX-2.„ Gli autori precisano che l'aderenza di GPA è importante nella diminuzione del rischio di eventi superiori di GI con gli stampi COX-2 e l'non aderenza è un fattore di rischio modificabile mentre i fattori di rischio convenzionali quali un evento di GI o un uso priore della terapia dell'anticoagulante non sono.