Nessun rischio aggiunto del HIV con gli anticoncezionali ormonali

Una prova di prevenzione del HIV che retrodata lo spostamento (ARV) agli approcci antiretroviral basati ciò nonostante sta contribuendo a rispondere ad alcune delle domande che più pertinenti e più di attualità il campo sta affrontando oggi. Più di tre anni dopo la segnalazione dei risultati primari di HPTN 035, una di ultime prove di cosiddetti microbicides della prima generazione, i ricercatori dagli istituti nazionali della rete salubrità Salubrità di prove del Microbicide (MTN) hanno riferito due nuovi insiemi dei risultati derivati dal tesoro trovato dello studio degli esemplari del laboratorio e di dati statistici. I risultati di entrambe le analisi sono stati presentati alla conferenza internazionale dei Microbicides (M2012). La riunione, che hanno cominciato domani domenica 15 aprile ed estremità, il 18 aprile, sta tenenda a Sydney.

Sono le donne che uso contraccezione ormonale al maggior rischio di acquisto del HIV? No, secondo un'analisi retrospettiva dell'oggi più in anticipo riferito dati di HPTN 035, l'ultimo giro di informazioni contrastanti su un'emissione che ha sconcertato egualmente i ricercatori e gli avvocati di salubrità.

Sono alcune donne più biologicamente suscettibili del HIV che altre ed in caso affermativo, è là un modo identificare chi sono? Sì, suggerisce l'altro studio, una serie di prove di laboratorio dei campioni fluidi vaginali dagli ex partecipanti di HPTN 035, indicanti ulteriormente un'esigenza dello sviluppare gli approcci mirati a di prevenzione del HIV per le donne che possono essere particolarmente vulnerabili.

Universalmente, 34 milione di persone stimato stanno vivendo con il HIV, più di due terzi di chi vivono in Africa Subsahariana. Il numero di nuove infezioni continua a oltrepassare gli avanzamenti nel trattamento: Per ogni persona che inizia il trattamento del HIV, ci sono due nuove infezioni. Nel 2010, circa 2,7 milione di persone recentemente sono stati infettati con il HIV più di 7.000 ogni giorno.

I Microbicides sono prodotti che sono diventati per impedire o diminuire la trasmissione sessuale del HIV o di altro sessualmente - infezioni trasmesse (STIs) una volta utilizzati nella vagina o nel retto. I microbicides vaginali stanno progettandi in molti moduli, compreso i gel, le pellicole o gli anelli che rilasciano gradualmente col passare del tempo un principio attivo. Se risultato efficace, microbicides potesse contribuire ad impedire il HIV in donne in paesi in via di sviluppo in cui è sparso il più spesso con richieste eterosessuali non protette malgrado gli sforzi per promuovere l'astinenza, la monogamia e l'uso dei preservativi. I Microbicides anche potrebbero contribuire ad impedire il HIV sia in uomini che in donne che praticano il sesso anale. A differenza dei preservativi, i microbicides forniscono una strategia di prevenzione del HIV che non è gestita dal suo partner sessuale. I prodotti differenti nelle varie fasi nella conduttura dello sviluppo stanno provandi; con quelli che incorporano le droghe di ARV l'ulteriore avanti in prova e nei prodotti soli nei test clinici. Un altro approccio basato ARV di promessa di prevenzione è chiamato la profilassi orale dell'pre-esposizione, o preparazione, che comprende l'uso quotidiano di una compressa di ARV utilizzata più comunemente nel trattamento del HIV dalla gente che è non infetta.

Le più di 40 presentazioni del manifesto ed orali dai ricercatori di MTN hanno o saranno presentate a M2012, compreso quelli evidenziati e riassunti qui sotto:

Uso di contraccezione ormonale non associato a un aumentato rischio di infezione HIV, secondo analisi dei dati che fanno partecipare quasi 3.000 donne in HPTN 035

L'uso degli anticoncezionali ormonali - iniettabile o orale - non ha collocato le donne al maggior rischio di acquisto del HIV, secondo un esame retrospettivo dei dati da HPTN 035, una prova di prevenzione del HIV di IIb di fase che ha valutato i microbicides vaginali PRO 2000 e BufferGel. Tuttavia, accoppiato con una diagnosi della gonorrea o della clamidia, l'uso contraccettivo ormonale è stato associato con il maggior rischio statisticamente significativo di infezione HIV, riferito Zvavahera Mike Chirenje, di M.D., dell'università di Zimbabwe in co-presidente di protocollo di HPTN e di Harare 035. “In molti modi, i nostri dati riflettono finora l'organismo globale di prova, che ha veduto i risultati contradditori di studio.„

L'analisi ha fatto partecipare 2.887 donne che si erano iscritte ad uno dei siti africani della ricerca sette. (I partecipanti degli Stati Uniti si sono esclusi dall'analisi.) Secondo i auto-rapporti del partecipante, 51 per cento ha detto che stavano usando un anticoncezionale iniettabile, quale Depo-Provera (DMPA); 21 per cento ha indicato l'uso dell'anticoncezionale orale e 18 per cento hanno detto che stavano usando un anticoncezionale non ormonale. HPTN 035 è stato condotto fra 2005 e 2008. I risultati, che sono stati riferiti all'inizio del 2009, hanno trovato che PRO 2000 era 30 per cento più efficace di un placebo nell'impedire il HIV, sebbene questo che trova non fosse statisticamente significativo e quel BufferGel non ha avuto effetto protettivo. Negli ultimi mesi, i ricercatori hanno esaminato la contraccezione ed il rischio del HIV in questo gruppo dei partecipanti. La loro analisi viene alle calcagna dell'organizzazione mondiale della sanità (WHO) che annuncia che manterrà il suo orientamento corrente sull'uso degli anticoncezionali ormonali, che non limitano il loro uso dalle donne che vivono con il HIV o ad ad alto rischio del HIV. Il WHO ha detto che sebbene alcuni studi avessero suggerito un rischio aumentato possibile di acquisizione del HIV con l'uso della contraccezione iniettabile solo progesterone, la totalità dei dati è inconcludente. Ciò nonostante, il WHO sta raccomandando che le donne che desiderano usare i injectables solo del progesterone siano dette dei rischi possibili e si consiglino di usare sempre i preservativi ed altre misure preventive del HIV.

“Se c'è una conclusione da fare dalla nostra analisi come pure l'altro studia fin qui, è che non ci sono chiare risposte circa la contraccezione ormonale ed il rischio del HIV,„ il Dott. Chirenje ha aggiunto.

La prova di laboratorio semplice di liquido vaginale può indicare la predisposizione al HIV

Il liquido vaginale difficile per la sua attività contro Escherichia coli potrebbe contribuire ad identificare le donne che sono più suscettibili di infezione HIV, la nuova ricerca suggerisce. I ricercatori dalla rete di prove del Microbicide (MTN) hanno esaminato i campioni fluidi vaginali da un sottoinsieme delle donne che erano partecipanti a HPTN 035 per vedere se potessero identificare qualunque fattori biologici che hanno predisposto alcune di queste donne per essere infettati ed altre non ed in caso affermativo, se questi informazioni potrebbero in futuro contribuire ad identificare coloro che può essere al maggior rischio. Effettivamente, il loro lavoro ha indicato che c'erano stati bugne, che possono rimanere nascoste, se non per un approccio particolare del laboratorio.

HPTN 035 ha valutato la sicurezza e l'efficacia dei microbicides vaginali BufferGel- e PRO 2000 fra più di 3.000 donne in Africa e negli Stati Uniti. I risultati primari, che sono stati riferiti nel febbraio 2009, hanno trovato che PRO 2000 era 30 per cento più efficace di un placebo nell'impedire il HIV, sebbene questo che trova non fosse statisticamente significativo e quel BufferGel non ha avuto effetto protettivo. Nel totale, 194 donne sono stato infettate durante la prova. Durante la prova, i ricercatori hanno raccolto più di 3.500 campioni fluidi vaginali da 2.031 delle donne per lo studio futuro. L'analisi corrente ha compreso 26 campioni da otto delle 194 donne che hanno acquistato il HIV che è stato raccolto entro tre mesi delle donne che verificano il positivo; 11 di questi campioni sono stati forniti prima che fossero conosciute per essere infettate. I 78 campioni supplementari dai partecipanti HIVnegativi sono stati usati per il confronto. Le misure standard per la rilevazione le molecole e delle proteine varie del sistema immunitario non hanno evidenziato differenze fra i due gruppi di donne. Ma in una prova di laboratorio con cui il liquido vaginale si è combinato con Escherichia coli, le donne che successivamente sono diventato HIV infettato hanno mostrato il più alta attività contro i batteri che quelle donne che sono rimanere HIVnegative. “Non capiamo esattamente che cosa questa analisi sta dicendoci che all'infuori di quello queste donne hanno avute certo livello di fondo di attività immune che li ha collocati al maggior rischio,„ ha detto Charlene Dezzutti, Ph.D., dell'università di Pittsburgh. “Vorremmo potere identificare le donne che possono essere più suscettibili del HIV - prima che siano infettate, ma c'è ancora più lavoro avanti. Dobbiamo verificare l'approccio in più campioni e scavare più profondo.„

Lo studio trova il gel di dapivirine, un microbicide vaginale potenziale, pose nessun danno agli uomini

I risultati di una fase studio fare partecipare gli uomini sessualmente astinenti hanno trovato che un microbicide vaginale che contiene il dapivirine della droga di antiretroviral era sicuro e tollerato bene una volta applicato attuale al pene. Gli studi sono stati intrapresi che per fornire i dati supplementari della sicurezza a sostegno dell'uso potenziale dei dapivirine mentre il microbicide vaginale ha formulato come un gel o anello. “Sebbene il gel non sia inteso per essere usato sul pene, è importante conoscere che il suo uso dalle donne nella vagina egualmente sarebbe sicuro per gli uomini durante le richieste,„ Ross spiegato Cranston, M.D., dell'università di Pittsburgh, che piombo lo studio per la rete di prove del Microbicide (MTN). Dapivirine, anche conosciuto come TMC-120, è un tipo di antiretroviral chiamato un inibitore di transcriptase dell'inverso del non nucleoside (NNRTI). Legatura di NNRTIs a ed enzima inverso del transcriptase del HIV di disable, una proteina di che il HIV ha bisogno per fare le copie di se stesso. Sebbene il dapivirine inizialmente sia sviluppato come agente terapeutico orale da utilizzare nel trattamento del HIV, il dapivirine è un candidato di promessa per lo sviluppo come microbicide dovuto il suo profilo di sicurezza favorevole come pure i sui beni fisici e chimici. Gli studi, che sono stati intrapresi in collaborazione con l'associazione internazionale per i Microbicides, hanno fatto partecipare 48 uomini - 24 circonciso e 24 uncircumcised - che hanno applicato il quotidiano del gel per i sette giorni. L'applicazione del pene del dapivirine 0,05% gel è stata tollerata bene senza le preoccupazioni della sicurezza, riferite il Dott. Cranston.

Il ritratto del riferimento di salubrità dell'osso in donne africane sarà particolarmente pertinente se la preparazione srotolasse

I ricercatori hanno creato che cosa può essere il ritratto più completo di salubrità dell'osso in donne africane in buona salute dell'età riproduttiva fin qui come pure identificato i fattori più associati con perdita di densità minerale ossea, o l'assottigliamento dell'osso. Le informazioni contribuiranno a capire gli effetti potenziali per disossare, all'occorrenza, che quotidiano usi di o del tenofovir (ARV) delle droghe di antiretroviral o Truvada può avere quando usato dalle donne HIVnegative per impedire l'infezione HIV, un approccio chiamato la profilassi orale dell'pre-esposizione (PrEP). Sebbene il tenofovir e Truvada, una compressa orale che contiene sia il tenofovir che l'emtricitabina, siano considerati sicuro ed efficace per la cura della gente con il HIV, le diminuzioni modeste nella densità minerale ossea sono state osservate in gente affetta da HIV durante il trattamento con tenofovir. Ulteriormente, i piccoli cambi nella densità ossea sono stati osservati in uomini HIVnegativi che fanno sesso con gli uomini che hanno ricevuto Truvada nello studio del iPrEx. Ma per le donne HIVnegative che possono usare la preparazione, altri fattori potrebbero anche contribuire ai cambiamenti nella salubrità dell'osso compreso nutrizione, la contraccezione ormonale, la gravidanza e l'allattamento al seno corrente o priore. “Ci sono stati informazioni limitate su salubrità dell'osso in donne africane. Ecco perché abbiamo ritenuto importante fare questo studio,„ ha detto Nyaradzo Mgodi, M.D., dall'università di Zimbabwe a Harare. “Dobbiamo avere un posto cominciante prima che possiamo capire gli effetti potenziali di queste droghe come prevenzione del HIV. I dati saranno critici per considerazione dell'entrata in vigore della preparazione.„

Il composito è basato su 517 donne nell'Uganda e nello Zimbabwe, che erano una media di 29 anni in cui hanno entrato nella VOCE la B, uno studio d'osservazione all'interno degli interventi vaginali ed orali di prova di VOCE di prevenzione del HIV - per gestire l'epidemia. Secondo i dati, le donne con densità minerale ossea più bassa sono più probabili da usare il Depo-Provera contraccettivo iniettabile (DMPA); abbia la massa dell'organismo più basso o piombo uno stile di vita più sedentario. Interessante, al riferimento, le donne ugandesi hanno avute densità ossea più bassa che le donne dallo Zimbabwe. Le donne nella VOCE B rappresentano un sottoinsieme dei partecipanti di VOCE che sono stati definiti a caso ad uno dei regimi orali della compressa della prova (tenofovir, Truvada o compressa del placebo). Lo studio comprende le misure di densità ossea ogni 6 mesi durante il tempo che stanno usando la loro droga di studio e per un anno dopo che il farmaco di studio è fermato. I ricercatori pensano completare la VOCE B da ora ad agosto 2013 e potere riferire successivamente i sui risultati che stesso anno.