Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il batterio di Bartonella può anche svolgere un ruolo nell'artrite umana

Un batterio connesso storicamente con malattia da graffio di gatto e trasmesso prevalentemente dalle pulci può anche svolgere un ruolo nelle malattie reumatoidi umane quale l'artrite, secondo la nuova ricerca dalla North Carolina State University.

Bartonella è un batterio che è mantenuto in natura dalle pulci, dalle tacche e da altri insetti mordaci. Può essere trasmesso agli esseri umani sia da questi parassiti come pure dai morsi o dai graffi dai caponi che dai cani infettati. La malattia in relazione con Bartonella il più comunemente conosciuta è malattia di graffio di capone, causata dai henselae del B., specie di Bartonella che possono essere portate dentro il sangue di un capone per i mesi agli anni.

In collaborazione con il Dott. Robert Mozayeni, un reumatologo basato su Maryland ed il Dott. Ricardo Maggi, un assistente universitario allo stato di NC, il Dott. Ed Breitschwerdt, professore di medicina interna all'istituto universitario dello stato di NC di medicina veterinaria e professore della ricerca dell'aggiunta di medicina alla Duke University, ha provato i campioni di sangue da 296 pazienti a prova dell'infezione di Bartonella. I pazienti precedentemente erano stati diagnosticati con le circostanze che variano dalla malattia di Lyme all'artrite alla fatica cronica. Poiché i sintomi reumatici a volte sono stati riferiti dopo la malattia di graffio di capone, i ricercatori hanno voluto vedere se questi pazienti verificassero il positivo a henselae del B.

Dei 296 pazienti, 62 per cento hanno avuti anticorpi di Bartonella, che hanno supportato l'esposizione priore a questi batteri. Il DNA batterico è stato trovato in 41 per cento dei campioni pazienti, permettendo che i ricercatori limitino le specie di presente di Bartonella, con i henselae del B., i kohlerae del B. e la sottospecie di vinsonii del B. berkhoffii il più prevalente. Lo studio compare nelle malattie infettive emergenti.

“Basato sopra questo uno studio che non possiamo definitivo dire che un sottoinsieme delle malattie reumatoidi ha un'origine contagiosa,„ Breitschwerdt dice. “Tuttavia, i nostri risultati finora implicano Bartonella come fattore almeno in alcuni casi. Se il collegamento fra Bartonella e le malattie reumatoidi è valido, può anche aprire le opzioni dirette del trattamento per i pazienti con le malattie reumatoidi.„