Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Test clinico per studiare gli statins in pazienti con arresto respiratorio severo acuto

L'università della regina e NUI Galway e piombo un test clinico studiare la possibilità che gli statins, una droga comunemente usata combattere il colesterolo, potrebbero aiutare i pazienti con arresto respiratorio severo acuto.

150 pazienti sono stati reclutati nella prova, che sta facenda funzionare in collaborazione con il gruppo critico irlandese di prove di cura, attraverso le unità di cure intensive multiple sull'isola dell'Irlanda ed in Inghilterra ed in Scozia, con un numero dell'obiettivo di 540 pazienti.

La ricerca sta costituenda un fondo per dal quadro della ricerca di salubrità e dall'efficacia e dal programma di valutazione del meccanismo che è costituito un fondo per dal Consiglio di ricerca medica e dall'istituto nazionale per la ricerca di salubrità (NIHR), con i contributi dal CSO in Scozia, da NISCHR in Galles e nella R & S di HSC, dall'agenzia di salute pubblica in Irlanda del Nord ed è gestito dal NIHR.

Quando la gente diventa criticamente malata, per varie ragioni compreso ambulatorio principale o dopo la lesione in un incidente di traffico della strada, o infezioni quale influenza H1N1, i loro polmoni si guastano spesso, che è definita “sindrome di emergenza respiratoria acuta„. Questa circostanza, che soprattutto è causata dalla risposta di sistema immunitario dell'organismo alla lesione, è comune, può pregiudicare qualsiasi gruppo d'età ed è spesso interna. Ancora, anche dopo che il ripristino dalla lesione di polmone, pazienti successivamente avverte una qualità di vita più scadente. Molti superstiti di questa circostanza non possono ritornare per lavorare o occuparsi di.

“Purtroppo, fin qui non c'è l'efficace trattamento per questa lesione di polmone„, ha detto il professor John Laffey che è professore dell'anestesia a NUI Galway e dell'anestesista del consulente agli ospedali universitari di Galway. “Stiamo studiando se la simvastatina della droga, comunemente usata trattare ricco in colesterolo, è sicura ed efficace nel trattamento di questa lesione di polmone. Una funzionalità unica di questo studio è che è uno studio generato dagli sforzi di ricerca irlandesi ed è da uno studio multinazionale guidato da irlandese, essendo conducendo attraverso l'isola dell'Irlanda ed anche in unità di cure intensive in Inghilterra ed in Scozia.„

Il professor Laffey è continuato: “Configurazioni di questo studio su una serie di studi facendo uso delle simvastatine, compreso un più piccolo test clinico costituito un fondo per dalla divisione di ricerca e sviluppo e di salubrità di cura sociale, dall'agenzia di salute pubblica per l'Irlanda del Nord e REVIVE, effettuati dal professor Danny McAuley ed il suo gruppo nella fiducia di salubrità di Belfast e di cura sociale, che sono i nostri partner in questo studio. Questi studi offrono la considerevole speranza che le simvastatine potrebbero aiutare le vittime da questa malattia devastante. Lo studio può prendere a cinque anni per completare, ma se la simvastatina è efficace, contribuirebbe a salvare le vite di queste vittime, migliorando la qualità di vita dei superstiti e potenzialmente a diminuire i costi, diminuendo il tempo passato in unità di cure intensive.„

Il gruppo di studio comprende gli esperti nella progettazione di studio basata alla funzione di ricerca clinica di HRB Galway ed al centro clinico di sostegno della ricerca nella fiducia di salubrità di Belfast e di cura sociale come pure medici senior che lavorano nelle unità critiche di cura ed esperti nella lesione di polmone acuta.

Il professor Danny McAuley, che è professore della medicina di terapia intensiva all'università della regina Belfast e del consulente Intensivist all'ospedale reale di Port Victoria, spiegato: “Egualmente preleveremo i campioni di sangue agli indicatori della misura di infiammazione che permetteranno che noi determiniamo se le simvastatine possono diminuire la risposta immunitaria che provoca ferite del polmone. Inoltre, determineremo quanto severo il danneggiamento dei polmoni dei pazienti è e quanto velocemente recuperano.„

La gente sarà divisa a caso in due gruppi; un gruppo sarà dato la droga attiva e l'altra un placebo. Questa progettazione significa che tutta la differenza nell'esperienza nei pazienti sarà dovuto indipendentemente da fatto che hanno ricevuto le simvastatine e non a qualunque altra differenza che potrebbe influenzare il risultato del trattamento.

Giles franco, che è professore di terapeutica del Cancro a NUI Galway, è egualmente Direttore della funzione di ricerca clinica di HRB a NUI Galway, che sta aiutando coordina il test clinico in Irlanda: “I partecipanti a questa prova stanno aiutando l'indirizzo un problema di salute vitale e difficile. Questo studio è tipico di un numero aumentante di prove multicentrate che sono possibili a causa di collaborazione aumentante fra agli gli impianti di ricerca clinici fondati HRB dell'Irlanda. Gli studi fanno partecipare i pazienti con una gamma molto vasta di sfide di salubrità. Il comportamento di questi studia, che fanno partecipare i nostri pazienti e le loro famiglie, personale di sanità della comunità, ospedali, istituti di ricerca e partner dell'industria, migliora la sanità ed assicura che l'Irlanda continui a dare un contributo aumentante significativo a progresso medico globale.„