Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Numero degli Americani con i calcoli renali quasi raddoppiati dal 1994

Il numero degli Americani che soffrono dai calcoli renali fra 2007 e 2010 quasi raddoppiati dal 1994, secondo uno studio dai ricercatori all'università di California, a Los Angeles (UCLA) ed al BORDO.

“Mentre abbiamo invitare la prevalenza dei calcoli renali per aumentare, la dimensione dell'aumento era sorprendente,„ dice Charles D. Scales, Jr., MD, un dipartimento delle fondamenta/Stati Uniti di Robert Wood Johnson dello studioso clinico di affari di veterani nei dipartimenti dell'urologia e medicina alla scuola di medicina di David Geffen al UCLA. “I nostri risultati egualmente hanno suggerito che l'aumento fosse dovuto, nella grande parte, all'aumento nell'obesità ed al diabete fra gli Americani.„

Lo studio intitolato, “la prevalenza dei calcoli renali„ negli Stati Uniti sta presentando alla riunione urologica americana 2012 a Atlanta, la Georgia e comparirà nell'edizione della stampa di luglio dell'urologia dell'europeo del giornale.

Ciò è uno dei primi studi per esaminare i nuovi dati dall'indagine nazionale dell'esame di nutrizione e di salubrità (NHANES) che è stata raccolta dal 2007 al 2010. NHANES è un programma degli studi all'interno del centri per il controllo e la prevenzione delle malattie per valutare la salubrità e lo stato nutrizionale degli adulti e dei bambini negli Stati Uniti.

I disgaggi ed i suoi colleghi hanno esaminato le risposte da 12,110 persone ed hanno trovato che fra 2007 e 2010, 8,8 per cento della popolazione degli Stati Uniti hanno avuti un calcolo renale, o uno su ogni 11 persone. Nel 1994 la tariffa era una in 20. Nessun dato circa la prevalenza nazionale dei calcoli renali negli Stati Uniti è stato raccolto fra 1994 e 2007.

Poiché l'indagine egualmente chiede notizie su altri stati di salute e comprende la misura di altezza e di peso, i ricercatori potevano identificare le associazioni fra i calcoli renali ed altri stati di salute. I risultati indicano che l'obesità, il diabete e la gotta tutta aumentano il rischio di calcoli renali.

Gli autori asseriscono che questi risultati hanno implicazioni importanti per il pubblico come pure i fornitori di cure mediche. “La gente dovrebbe considerare il rischio aumentato di calcoli renali come altra ragione di mantenere uno stile di vita sano e peso corporeo,„ dice Christopher S. Saigal, MD, MPH, autore senior, ricercatore principale all'interno di salubrità del BORDO per le malattie urologiche nel progetto dell'America e professore associato dell'urologia, scuola di medicina di David Geffen al UCLA. “Ma i medici devono ripensare come trattare più d'importanza e, impediscono i calcoli renali.„

Corrente, l'approccio primario a curare i pazienti con i calcoli renali è di mettere a fuoco sui calcoli. Eppure i pazienti d'aiuto mantengono una dieta sana ed il peso corporeo può diminuire il numero dei pazienti con i calcoli renali.

“Immagini che abbiamo curato soltanto la gente con la malattia di cuore quando hanno avuti il dolore toracico o attacchi di cuore e non abbiamo contribuito a gestire i fattori di rischio come il fumo, ricco in colesterolo, o ipertensione,„ dice i disgaggi. “Questo è come corrente curiamo la gente con i calcoli renali. Conosciamo i fattori di rischio per i calcoli renali, ma il trattamento è orientato verso i pazienti con i calcoli che inducono il dolore, l'infezione, o il bloccaggio di un rene piuttosto che i pazienti d'aiuto ad impedire i calcoli renali in primo luogo.„

In un editoriale accompagnante che egualmente sarà publicato nel giornale, Brian Matlaga, il MD, il MPH, professore associato dell'urologia alla scuola di medicina di Johns Hopkins University, scrive che il costo di cura per questa malattia è enorme e non c'è indicazione che gli anni venturi vederà tutto il miglioramento in questa tendenza. Egualmente avverte che, poiché circa 10 per cento della popolazione hanno la malattia, una maggior enfasi sulla prevenzione è di importanza fondamentale.