Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Nuovo approccio di terapia per il capanno mimetico dei pazienti da un lato

Pazienti che sono ciechi in un lato del loro vantaggio del campo visivo dalla presentazione dei suoni dal lato commovente. Dopo passivamente l'udito sonda per un'ora, la loro rilevazione visiva degli stimoli leggeri a metà cieco del loro campo visivo migliore significativamente. Vie Neurali che le informazioni trattate dai sensi differenti sono simultaneamente responsabili di questo effetto. “Abbiamo intrapreso un intero nuovo approccio di terapia„ diciamo il Dott. Jörg Lewald del PALLADIO dall'Unità della Psicologia Cognitiva dello SFREGAMENTO. Insieme ai colleghi dalla Clinica Neurologica dell'Università a Bergmannsheil (Prof. Dott. Martin Tegenthoff) ed all'Università di Durham (Dott. Markus Hausmann del PALLADIO), descrive i risultati in PLoS UNO.

Passivo che ascolta piuttosto che l'esteso addestramento visivo

Per studiare l'efficacia dello stimolo uditivo, il gruppo di ricerca ha effettuato una prova visiva prima e dopo lo stimolo acustico. I Pazienti sono stati chiesti di determinare la posizione dei flash leggeri nel campo di visibilità sano e cieco. Mentre la prestazione era stabile a metà intatto del loro campo di visibilità, il numero delle risposte corrette a metà cieco è aumentato dopo lo stimolo uditivo. Questo effetto è durato 1,5 ore. “In altri trattamenti, i pazienti subiscono arduo e l'addestramento visivo che richiede tempo„ spiega Lewald. “I risultati terapeutici sono moderato e variano notevolmente dal paziente al paziente. Il Nostro risultato indica che l'audizione passiva da solo può migliorare temporaneamente la visione.„

L'origine dei difetti del campo visivo

Se i colpi o le lesioni danneggiano l'area del cervello che elabora le informazioni del senso visivo, questo provoca un difetto del campo visivo. L'area il più comunemente commovente è la corteccia visiva primaria, il primo punto elaborante per input visivo alla corteccia cerebrale. Più neuroni muoiono in questa area del cervello, più grande il deficit visivo. L'intera metà del campo visivo è Solitamente commovente, una circostanza conosciuta come il hemianopia. “Hemianopia limita i pazienti immenso nella loro vita di tutti i giorni„ dice Lewald. “Quando gli oggetti o la gente sono mancati dal lato cieco, questo può piombo rapidamente agli incidenti.„

Come il cervello integra le informazioni sensitive

“Sta aumentando la prova che elaborare delle informazioni sensitive ricevute non è separato rigorosamente nel cervello„, dice Lewald. “Nelle varie fasi ci sono connessioni fra i sistemi sensoriali.„ In particolare le cellule nervose nel collicolo superiore così-definito, nella parte del mesemcefalo, nelle informazioni uditive e visive trattate simultaneamente. Questa area non è influenzata solitamente dai difetti del campo visivo e così continua ad analizzare gli stimoli visivi. Di Conseguenza, le funzioni visive rimanenti sono conservate a metà cieco, di cui i pazienti, tuttavia, non sono informati. “Poiché le stesse cellule nervose egualmente ricevono le informazioni uditive, abbiamo avuti l'idea usare gli stimoli acustici per aumentare la loro sensibilità agli stimoli dell'indicatore luminoso„ diciamo Lewald.

Nuove emissioni di ricerca

Il gruppo dei ricercatori ora mira più ulteriormente a raffinare il loro approccio di terapia per rivelare il miglioramento continuo nel funzionamento visivo. Egualmente studieranno se lo stimolo del senso dell'audizione egualmente ha un effetto sulle funzioni visive più complesse. Per Concludere, mirano ad esplorare i meccanismi che sono alla base dell'effetto osservato.

http://dx.plos.org/10.1371/journal.pone.0031603