Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La perdita di sonno contrassegnato esagera la reattività emozionale nella gente con i disordini di ansia

La nuova ricerca indica che la perdita di sonno contrassegnato esagera il grado a cui prevediamo gli eventi emozionali imminenti, specialmente fra la gente altamente ansiosa, che è particolarmente vulnerabile.

Due caratteristiche comuni dei disordini di ansia sono perdita di sonno e un'amplificazione di risposta emozionale. I risultati dal nuovo studio indicano che queste funzionalità non possono essere indipendenti da una un altro ma possono interagire invece.

Ricercatori dal sonno e laboratorio all'università di California, Berkeley, scansione usato di Neuroimaging del cervello su 18 adulti in buona salute in due sessioni separate, una dopo il sonno di una notte normale e un secondo dopo una notte di privazione di sonno. Durante le entrambe le sessioni, i partecipanti sono stati esposti ad un compito emozionale che ha compreso un periodo di prevedere un'esperienza potenzialmente negativa (un'immagine visiva sgradevole) o un'esperienza potenzialmente benigna (un'immagine visiva neutrale).

Le scansioni del fMRI hanno indicato che la privazione di sonno ha ampliato significativamente l'accumulazione di attività anticipata nei centri emozionali profondi del cervello, particolarmente l'amigdala, una parte del cervello connesso con la risposta alle esperienze negative e sgradevoli. In alcuni di questi centri emozionali del cervello, la privazione di sonno ha avviato nocivo un aumento nella reazione anticipata da più di 60 per cento.

Inoltre, i ricercatori hanno trovato che la resistenza di questo effetto della privazione di sonno è stata collegata con quanto naturalmente ansioso i partecipanti erano. Quella gente che era più ansiosa ha mostrato la più grande vulnerabilità agli effetti aggravanti della privazione di sonno. I risultati indicano che l'ansia può elevare significativamente la disfunzione emozionale e rischiare associato con sonno insufficiente.

“L'anticipazione è un trattamento fondamentale del cervello, un meccanismo comune di sopravvivenza attraverso le numerose specie,„ ha detto Andrea Goldstein, autore principale dello studio e un dottorando nel sonno e nel laboratorio di Neuroimaging. “I nostri risultati indicano che appena una notte di perdita di sonno altera significativamente il funzionamento ottimale di questo trattamento essenziale del cervello, particolarmente fra le persone ansiose. Ciò è forse mai più pertinente tenendo conto dell'erosione continuata di tempo di sonno che continua ad accadere attraverso la società.„