Il virus di sesta malattia rappresenta un terzo delle casse febbrili di status epilepticus

La nuova ricerca indica che herpesviruses-6B (HHV) e HHV-7 umani, sanno comunemente come virus di sesta malattia), rappresenta un terzo delle casse febbrili (FSE) di status epilepticus. I risultati dello studio prospettivo di FEBSTAT ora disponibile in Epilepsia, un giornale pubblicato da Wiley-Blackwell a nome della lega internazionale contro l'epilessia (ILAE), indicano che HHV-6B può partecipare allo sviluppo dell'epilessia ed ulteriore ricerca è necessaria urgentemente.

FEBSTAT è uno studio multicentrato sulle conseguenze del FSE, destinate per identificare i fattori che aumentano il rischio di lesione all'ippocampo, un'area del cervello responsabile della memoria a lungo termine ed implicato nello sviluppo dell'epilessia di lobo temporale. Lo studio di FEBSTAT è costituito un fondo per dall'istituto nazionale dei disordini neurologici e dal colpo (NINDS) degli istituti della sanità nazionali (NIH).

Secondo la ricerca precedente, fino a 5% dei bambini sotto l'età di cinque hanno attacchi febbrili, rendentegi il tipo più comune dell'attacco, con l'incidenza di punta all'età 2. Mentre i brevi o attacchi febbrili semplici sono più comuni, 5% - 8% dei casi sono prolungati e rispondono ai criteri per la condizione critica (SE) di epilepticus-a di stato dove un attacco persistente dura più di 30 minuti. Gli esperti suggeriscono che il FSE rappresenti 5% del FS; tuttavia, il FSE rappresenta 25% di tutto l'esperto in informatica di infanzia e per più di 70% delle casse dell'esperto in informatica che si presentano durante il secondo anno di vita. Il FSE è associato con il rischio aumentato dell'epilessia, specialmente l'epilessia di lobo temporale (TLE).

“Uno scopo dello studio di FEBSTAT è di determinare la frequenza di HHV-6A, di HHV-6B e di HHV-7 come causa del FSE e se l'infezione con qualcuno di questi herpesviruses aumenta il rischio di trauma cranico e di epilessia,„ ha detto il Dott. Leon Epstein la a, neurologo pediatrico dell'autore principale alla scuola di medicina di Feinberg di Northwestern University ed all'ospedale pediatrico di Robert & di Ann H. Lurie di Chicago.

Il gruppo ha iscritto 199 bambini fra le età di 1 mese e 5 anni, che hanno presentato con il FSE ed hanno ricevuto una valutazione per l'infezione di herpesvirus in 72 ore dell'episodio. La viremia è stata individuata facendo uso di reazione a catena della polimerasi (PCR) che ha identificato la presenza di HHV-6A, DNA di HHV-7A o di HHV-6B e RNA. Insieme con i risultati di PCR, i ricercatori hanno usato i titoli dell'anticorpo per determinare se l'infezione fosse un herpesvirus primario o riattivato.

I risultati indicano che circa un terzo dei bambini con il FSE ha avuto viremia HHV-6 o HHV-7. La viremia di HHV-6B è stata individuata in 32% dei partecipanti pediatrici, con 38 e 16 bambini che hanno infezione primaria e riattivata, rispettivamente. I ricercatori hanno trovato che 7% dei bambini ha avuto viremia HHV-7 al riferimento e 2 bambini hanno avuti co-infezione primaria HHV-6/7. Non c'erano differenze di età evidenti, tipo di malattia, febbre, strutture di attacco, o le anomalie d'immaginazione acute in bambini con o senza uno dei herpesviruses.

I ricercatori di FEBSTAT continueranno a seguire i 199 bambini coinvolgere nello studio, invitare fino a 40% di questa popolazione pediatrica a sviluppare il TLE. Lo studio di FEBSTAT determinerà se c'è un'associazione fra gli attacchi febbrili prolungati causati dalla viremia di HHV-6B e lo sviluppo del TLE. Lo studio corrente aggiunge a prova dalla ricerca precedente da Donati et al. e da Fotheringham ed altri che hanno individuato HHV-6 nei campioni del cervello dei pazienti con il TLE.

“il TLE potrebbe richiedere 8 - 11 anno per sviluppare quanto segue un episodio del FSE, in modo da più tempo è necessario prima che il ruolo di HHV-6B completamente sia capito,„ conclude il Dott. Epstein. “Se lo studio di FEBSTAT trova che il FSE causato da HHV-6B piombo al TLE, questa comprensione fornirebbe una base per i test clinici delle terapie antivirali ed antinfiammatorie per impedire il TLE.„