Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo stimolo Profondo del cervello rimane un efficace trattamento per Parkinson

“Uno stimolo profondo chiamato del cervello dello stimolatore cardiaco del cervello„ (DBS) rimane un efficace trattamento per la Malattia del Parkinson per almeno tre anni, secondo uno studio nell'emissione online Del giugno 2010 di Neurology®, il giornale medico dell'Accademia Americana della Neurologia.

Ma mentre i miglioramenti nella funzione di motore sono rimanere stabili, c'erano declini graduali nella qualità di vita correlata con la salute e nelle abilità conoscitive.

Il Primo autore dello studio è Frances M. Weaver, PhD, che ha nomine unite alla Scuola di Medicina di Chicago Stritch dell'Ospedale del Jr. VA di Edward Hines e dell'Università di Loyola.
Il Tessitore era uno dei principali inquirenti di un documento 2010 in New England Journal di Medicina che ha trovato che le funzioni di motore sono rimanere stabili per due anni nei pazienti di DBS. La nuova analisi supplementare ha prolungato il periodo di seguito fino 36 mesi.

DBS è un trattamento per i pazienti di Parkinson che più non traggono giovamento dal farmaco, o che avvertono gli effetti secondari inaccettabili. DBS non è una maturazione e non ferma la malattia dalla progressione. Ma nei pazienti giusti, DBS può migliorare significativamente i sintomi, particolarmente tremiti. DBS anche può alleviare la rigidità del muscolo che le cause hanno fatto diminuire l'intervallo di moto.

Nella procedura di DBS, un neurochirurgo perfora un pozzo di moneta da dieci centesimi di dollaro-dimensione nel cranio ed inserisce un elettrodo circa 4 pollici nel cervello. Un collegare connettente dall'elettrodo funziona sotto l'interfaccia ad una batteria impiantata vicino alla clavicola. L'elettrodo consegna i segnali elettrici delicati che efficacemente riorganizzano gli impulsi elettrici del cervello. La procedura può essere fatta da un o entrambe il lato del cervello.

I Ricercatori hanno valutato 89 pazienti che sono stati stimolati in una parte del cervello chiamato il interna di pallidus di globus e 70 pazienti che sono stati stimolati in una parte differente del cervello hanno chiamato il nucleo subthalamic. (Ambulatorio ricevuto Pazienti di DBS a sette sei e di VA centri medici affiliati.) I Pazienti sono stati valutati al riferimento (prima della chirurgia di DBS) ed a 3, 6, 12, 18, 24 e 36 mesi. I Pazienti erano stimati su un disgaggio della Malattia del Parkinson che comprende le funzioni di motore quali discorso, espressione facciale, i tremiti, la rigidità, i rubinetti della barretta, i movimenti della mano, la posizione, l'andatura, la bradicinesia (movimento lento) Ecc. Più bassa la classificazione, migliore la funzione.

I Miglioramenti nella funzione di motore erano col passare del tempo simili in entrambi i gruppi di pazienti ed in stalla. Fra i pazienti stimolati nel interna di pallidus di globus, il punteggio è migliorato da 41,1 al riferimento a 27,1 a 36 mesi. Fra i pazienti stimolati nel nucleo subthalamic, il punteggio è migliorato da 42,5 al riferimento a 29,7 a 36 mesi.

Al Contrario, alcuni presto aumenti della qualità di vita e le capacità fare le attività della vita quotidiana sono stati persi gradualmente e c'era un declino nella funzione neurocognitive. Questo probabile riflette la progressione della malattia e l'emergenza dei sintomi che sono resistenti a DBS ed ai farmaci.

I Ricercatori hanno concluso che sia il interna di pallidus di globus che le aree subthalamic del nucleo del cervello “sono obiettivi possibili di DBS per il trattamento dei sintomi del motore, ma evidenziano l'importanza dei sintomi di nonmotor come fattori determinanti di qualità di vita nella gente con la Malattia del Parkinson.„

Sorgente: Neurologia