Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La terapia Specifica può tagliare la mortalità di polmonite nei bambini del HIV

Da Lauretta Ihonor

L'alto tasso di mortalità connesso con arresto respiratorio in relazione con la polmonite severo acuto in infanti ha esposto a o infettato con il HIV possono essere diminuiti a 30% se una pianificazione del trattamento che comprende gli antibiotici, la ventilazione e la restrizione fluida è usata, i ricercatori riferiscono.

Il rischio per la morte è più grande quando l'infezione del citomegalovirus (CMV) è alla base della polmonite; quindi, l'uso del trattamento CMV-specifico può contribuire a minimizzare il rischio della mortalità fra questi infanti, dice il Verde di Robin (Ospedale Accademico di Stephen Biko, Pretoria, Sudafrica) ed i colleghi.

Egualmente evidenziano che “l'efficace cura prenatale con la diagnosi e la terapia appropriata delle madri infettate può virtualmente eliminare i problemi di Infezione HIV in bambini piccoli.„

Il Verde e i co-ricercatori hanno reclutato 63 infanti invecchiati 2-9 mesi che sono stati ammessi all'ospedale con polmonite e arresto respiratorio HIV in relazione con. Tutti Gli infanti erano l'uno o l'altro non infetto ma esposto al HIV via una madre infettata (n=10) o Affetto da HIV (n=53).

Quando la causa specifica della polmonite è stata studiata via il lavaggio broncoalveolare nonbronchoscopic, il jiroveci di Pneumocystis è stato identificato in 33% del gruppo e in CMV in 55%. Il caricamento virale CMV era abbastanza su di corrispondere alla definizione CMV della malattia (≥log 4) in 38% del gruppo globale.

Gli infanti sono stati curati con una co-formulazione del trimetoprim-sulfamethoxazole (un trimetoprim di 20 mg/kg/giorno e un sulfamethoxazole di 100 mg/kg/giorno), gli steroidi orali (1 mg/kg/giorno del ‑ 2), l'ampicillina e gli antibiotici del amikacin. La terapia di Ganciclovir è stata data agli infanti con un caricamento CMV almeno del registro 4.

Tutti Gli infanti hanno fatti la loro limitare assunzione fluida totale a 60-80 mL/kg/day ed il supporto del ventilatore è stato fornito.

Come riportato nella Medicina Critica Pediatrica di Cura, 30% degli infanti è morto da arresto respiratorio. Di questi, 68% ha avuto un caricamento CMV almeno del registro 4.

Fra questi infanti CMV-infettati con un caricamento virale almeno del registro 4, la morte si è presentata ad un periodo medio di 13 giorni.

Gli Infanti che sono sopravvissuto a sono stati scaricati dopo un periodo medio di 14 giorni.

Il Verde ed il gruppo concludono che più ricerca CMV sulla prevenzione e sul trattamento è necessaria se ulteriori diminuzioni nei tassi di mortalità connessi con arresto respiratorio in infanti Affetti da HIV o esposti devono essere raggiunte.

Licensed from medwireNews with permission from Springer Healthcare Ltd. ©Springer Healthcare Ltd. All rights reserved. Neither of these parties endorse or recommend any commercial products, services, or equipment.