Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Leukoaraiosis modifica la funzione del cervello negli anziani

I ricercatori alla clinica di Mayo dicono uno stato comune chiamato leukoaraiosis, composto delle aree minuscole nel cervello che sono state private di ossigeno e compaiono come punti bianchi luminosi sulle scansioni di MRI, non è una parte inoffensiva del trattamento di invecchiamento, ma piuttosto una malattia che alteri la funzione del cervello negli anziani. I risultati del loro studio sono pubblicati online in radiologia del giornale.

“C'è stato molta controversia sopra queste anomalie comunemente identificate sulle scansioni di MRI ed il loro impatto clinico,„ ha detto Kirk M. Welker, M.D., assistente universitario della radiologia nell'istituto universitario di medicina alla clinica di Mayo a Rochester, Minnesota “nel passato, leukoaraiosis è stato considerato una parte benigna del trattamento di invecchiamento, come capelli e le grinze grigi.„

Leukoaraiosis, anche chiamato piccola ischemia dell'imbarcazione e citato spesso come gli oggetti luminosi non identificati o “UBOs„ sulle scansioni di cervello, è una circostanza in cui i vasi sanguigni malati piombo alle piccole zone di danno nella materia bianca del cervello. Le lesioni sono comuni nei cervelli della gente sopra l'età di 60, sebbene la quantità di malattia vari fra le persone.

“Sappiamo che invecchiare è un fattore di rischio per il leukoaraiosis e sospettiamo che l'ipertensione può anche svolgere un ruolo,„ il Dott. Welker abbiamo detto.

Il gruppo del Dott. Welker ha eseguito le scansioni di risonanza magnetica funzionale (fMRI) sui partecipanti anziani conoscitivo normali reclutati dallo studio della clinica di Mayo su invecchiamento fra 2006 e 2010. In 18 partecipanti, la quantità di leukoaraiosis era un moderato 25 millilitri ed in 18 partecipanti di pari età di controllo, la quantità di malattia era di meno di cinque millilitri.

I pazienti erano imaged in uno scanner di MRI mentre hanno eseguito un compito di decisione semantico identificando le paia di parola e un compito di percezione visiva che hanno compreso differenziarsi diritto dalle righe diagonali. il fMRI è un tipo speciale di imaging a risonanza magnetica che misura i cambiamenti metabolici in una parte attiva del cervello.

Sebbene entrambi i gruppi eseguano le mansioni con simile successo, le scansioni del fMRI hanno rivelato i reticoli differenti di attivazione del cervello fra i due gruppi. Rispetto ai membri del gruppo di controllo, i pazienti ai livelli moderati di leukoaraiosis hanno avuti reticoli atipici di attivazione, compreso l'attivazione in diminuzione nelle aree del cervello coinvolgere nel trattamento di linguaggio durante il compito di decisione semantico e l'attivazione aumentata nelle aree visivo-spaziali del cervello durante il compito di percezione visiva.

“I sistemi differenti del cervello rispondono diversamente alla malattia,„ il Dott. Welker hanno spiegato. “Il danno della materia bianca pregiudica le connessioni all'interno della rete del linguaggio del cervello, che piombo ad una riduzione globale dell'attività della rete.„

Ha precisato quello che identifica il leukoaraiosis nel cervello è importante, sia per i diversi pazienti che subiscono il cervello mappante per la chirurgia o altri trattamenti che per gli studi della ricerca.

Per salubrità neurologica migliore, il Dott. Welker ha detto che gli sforzi dovrebbero essere catturati per impedire il leukoaraiosis accadere.

“I nostri risultati aggiungono ad un organismo crescente di prova che questa è una malattia che dobbiamo prestare attenzione a,„ lui hanno detto. “Leukoaraiosis non è una manifestazione benigna di invecchiamento ma di uno stato patologico importante che altera la funzione del cervello.„