La terapia Antisenso mostra la promessa nel trattamento della toxoplasmosi

Un approccio mirato a a trattare toxoplasmosi, una malattia parassitaria, le manifestazioni presto promettono negli studi sugli animali in provetta e, dove ha impedito i parassiti la fabbricazione delle proteine selezionate. Una Volta provata in mouse recentemente infettati, ha diminuito il numero dei parassiti possibili da più di 90 per cento, ricercatori dalla Medicina dell'Università di Chicago riferiscono negli Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze.

Questa terapia precisamente messa a fuoco combina i brevi fili di materiale del tipo di acido nucleico “antisenso„ con un piccolo peptide che può trasportare quei fili tramite le membrane cellulari e nei parassiti, in cui interrompono i segnali genetici. Un simile approccio da un gruppo a Yale, pubblicato ad aprile, indicato promessa comparabile come trattamento per i parassiti che causano la malaria.

“Questo era proof of concept,„ ha detto lo studio Rima McLeod autore, il MD, un esperto nella toxoplasmosi ed il professor alla Medicina dell'Università di Chicago. “Potevamo attraversare le membrane multiple, inserire i fili antisenso nei parassiti viventi all'interno delle celle ed impedire loro di fare varie proteine. Ora pensiamo che possiamo interrompere c'è ne dei geni di questo parassita.„

“Questo approccio può anche avere un ruolo nelle malattie non parassitarie,„ ha aggiunto. Corrente sta provando in stents d'eluizione, come trattamento ad infezioni batteriche o virali, compreso Ebola ed in pazienti con la Distrofia muscolare di Duchenne, dove può bloccare la produzione del segmento difettoso di un gene disfunzionale.

Il parassita McLeod ed i colleghi messi a fuoco sopra, gondii del Toxoplasma, è “probabilmente l'infezione parassitaria più comune nel mondo,„ ha detto. “Infetta l'altrettanto come un terzo di tutti gli esseri umani, circa due miliardo genti universalmente.„ Il gondii del T. causa la malattia in coloro che ha sistemi immunitari acerbi, specialmente quelle infettata in utero. Anche può essere devastante per coloro che immune-è compromesso e quando causa la malattia dell'occhio.

“I Nuovi farmaci sono necessari urgentemente,„ ha detto. I trattamenti standard possono causare gli effetti secondari ed i pazienti possono diventare ipersensibili a loro. Non Ci sono medicine che possono eliminare determinate fasi latenti del ciclo di vita del parassita. Non c'è vaccino per gli esseri umani.

Il nuovo trattamento consiste di un oligomero della morfolina del phosphorodiamidate (PMO), una breve molecola del tipo di DNA che lega al RNA messaggero, impedente lo la traduzione nella proteina. Ciò è coniugata “ad un peptide transductive,„ una piccola molecola che può ferry il PMO attraverso le barriere cellulari. La combinazione è conosciuta come PPMO. Uno studio più iniziale dal laboratorio di McLeod ha indicato che tali peptidi transductive potrebbero introdurre le piccole molecole nella fase dormiente intrattabile del parassita.

I ricercatori hanno verificato questo sistema in celle infettate nella cultura del tessuto ed in mouse in tensione e recentemente infettati. Poteva da abbattere la produzione di parecchie proteine distinte.

In primo luogo hanno provato il loro PPMO contro i biomarcatori facilmente rilevabili inserendo i geni a proteina fluorescente gialla e a luciferase, una proteina responsabile dell'incandescenza delle lucciole, nei parassiti. Poi hanno esposto le celle parassita-infestate ai bassi livelli di PPMO che mira all'un pezzo solo di quei geni. Questa fluorescenza gialla diminuita o bioluminescenza attenuata da 40 - 60 per cento.

Dopo, hanno verificato la sua capacità di bloccare la produzione di un enzima, la riduttasi del dihydrofolate (DHFR), che il parassita deve preparare il folato e ripiegare. Dopo 48 ore, la produzione di DHFR dei parassiti intracellulari contrassegnato è stata diminuita. Gli oligomeri Antisenso che mirano ad un altri enzima e fattori che dirigono l'attività di molti geni, chiamati “fattori di trascrizione,„ connesso con la replica del parassita, “egualmente riuscivano,„ la nota degli autori, “diminuendo la replica del parassita.„

Quando hanno provato il PPMO anti--DHFR in mouse recentemente infettati, i risultati erano drammatici. In 96 ore, il trattamento ha diminuito il numero dei parassiti da 83 per cento - 97 per cento, secondo la tecnica di misura.

Questo approccio è “lo spostamento di paradigma,„ McLeod ha detto. “Ha il potenziale di abrogare tutto l'obiettivo molecolare e sottolinea la varietà di malattie per cui un tal approccio potrebbe fare domanda.„

La tecnologia ancora ha alcuni problemi, ha detto. Questo PPMOs ha un indice analitico terapeutico stretto; possono essere tossici un poco a più della dose efficace più bassa. Ed ancora non abbiamo sviluppato un modo sradicare le fasi latenti del gondii del T., che possono trovarsi dormiente in retina o cellule cerebrali per anni, ma tali studi sono in corso. I ricercatori sperano di usare questa tecnica per svegliare i parassiti dormienti e poi usano le droghe o PPMOs che mira a ripiegare i parassiti per ucciderli o eliminare sia il parassita attivo che dormiente mette in scena mirando ai loro fattori di trascrizione impianti impianto e ad altre proteine unici ai parassiti che gli esseri umani non hanno.

Gran Parte del credito per mettere a punto e sperimentare questo sistema dovrebbe andare all'autore principale dello studio, McLeod ha detto.

La BO-Shiun Lai, uno studente di college quarto anno aumentante di 20enne all'Università di Chicago, inciampata nel suo atteggiamento della ricerca nel laboratorio di McLeod ma adattata rapidamente. “Sebbene sia difficile all'inizio,„ ha detto, “ognuno in laboratorio mi ha aiutato a sviluppare il progetto ed a smerigliatrice le mie tecniche di laboratorio lungo la strada.„

Sorgente: Centro Medico dell'Università di Chicago