Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Oppressione collegata con disturbo borderline di personalità in bambini

Da Lauretta Ihonor, Reporter di MedWire

I risultati BRITANNICI di studio indicano che i bambini che sono oppressi dai loro pari a scuola primaria hanno un rischio aumentato per sviluppare il disturbo borderline di personalità (BPD) durante l'infanzia.

E questo sembra rimanere vero indipendentemente dal tipo di oppressione sperimentato dal bambino, dice Dieter Wolke, dall'Università di Warwick a Coventry ed i co-author.

Aggiungono: “In particolare, bambini che sono stati esposti (ad evidente e relazionale) combinati o la vittimizzazione cronica (a 8 e 10 anni) era al rischio altamente aumentato di sviluppare i sintomi di BPD, indicanti una relazione dose-risposta.„

I risultati egualmente indicano che la relazione fra l'oppressione e lo sviluppo di BPD è inalterata da altre variabili dimodificazione, quali ostilità e abuso sessuale parentali.

Come riportato nel Giornale di Psicologia Infantile e della Psichiatria, 6050 madri Con sede in Gran-Bretagna ed i loro bambini sono stati reclutati per lo studio.

Tutti I bambini, le loro madri ed i loro insegnanti sono stati chiesti di compilare i questionari che riferiscono il tipo e la frequenza di vittimizzazione in relazione con il pari sperimentati da ogni bambino durante i 6 mesi precedenti. Questi questionari sono stati compilati quando ogni bambino è stato invecchiato 8 anni ed ancora quando di 10 anni.

Le Madri egualmente sono state chieste di compilare un questionario destinato per identificare l'esposizione di ogni bambino “agli eventi rovesi„ indipendenti alla vittimizzazione basata a pari.

Tali eventi hanno compreso le pratiche ostili di parenting fra le età di 2,0 e 7,0 anni e abuso sessuale fra le età di 1,5 e 9,0 anni.

Tutti I bambini successivamente sono stati intervistati da uno psicologo formato, ad un'età media di 11,8 anni, per valutare la presenza di BPD.

Wolke ed i colleghi riferiscono che l'oppressione bambina, della madre e insegnante-riferita, accadente quando il bambino è stato invecchiato 8 o 10 anni, ha sollevato il rischio per il rischio di sviluppo di BPD 2,82-, 2,43- e 1,95 volta rispettivamente, confrontato senza opprimere.

Quando l'oppressione bambino riferita era cronica (presente sia a 8 che 10 anni), il rischio per lo sviluppo di BPD è aumentato più ulteriormente per diventare più di cinque volte superiore a in assenza dell'oppressione.

I Bambini esposti ai metodi combinati di oppressione (fisica e psicologica) hanno fatti un elevato rischio di 7,10 volte rispetto per sviluppare i sintomi di BPD, ai bambini nonbullied.

“il BPD è caratterizzato da instabile e le relazioni intense, il dysregulation affettivo e una vasta incapacità per fidarsi giustamente degli atti e dei motivi di altri,„ spiegano Wolke et al.

Concludono: “I Clinici dovrebbero considerare ordinariamente i problemi del pari come fattore in adolescenti che presentano con i sintomi di BPD.„

Licensed from medwireNews with permission from Springer Healthcare Ltd. ©Springer Healthcare Ltd. All rights reserved. Neither of these parties endorse or recommend any commercial products, services, or equipment.