I sintomi di ADHD “presentano nella maggior parte dei bambini che balbettano„

Da Liam Davenport, Reporter dei medwireNews

Più della metà dei bambini in età scolare che balbettano (CWS) abbia sintomi sufficienti di disordine di deficit/iperattività (ADHD) di attenzione al rinvio della cedola per la valutazione clinica, i risultati di uno studio degli STATI UNITI sui rapporti parentali indica.

“Da una prospettiva clinica, l'identificazione dei tratti di coesistenza di ADHD in CWS proviene estremamente importante perché questi sottogruppi di bambini richiederanno un tipo differente di intervento da quei bambini che presentano con la balbuzie da solo,„ spiegano Joseph Donaher, dall'Ospedale Pediatrico di Filadelfia in Pensilvania ed i co-author.

“Questo suggerimento è specialmente considerazione pertinente [risultati] che la presenza di tratti del tipo di ADHD può diminuire i risultati clinici per la gente che balbetta.„

Aggiunge: “Per Contro, questi risultati egualmente hanno suggerito che i risultati clinici potessero essere migliorati indirizzando le abilità dell'attenzione prima dell'applicare la logopedia per CWS. Quindi, se i clinici possono identificare i tratti specifici di ADHD che sembrano problematici per una persona, possono potere progettare gli interventi che rappresentano queste debolezze.„

In uno studio retrospettivo di 36 CWS, invecchiato fra 3,9 e 17,2 anni, di cui i genitori sono stati amministrati la Scala Di Valutazione di ADHD, 58% ha risposto ai criteri per il rinvio per la valutazione supplementare dei sintomi di ADHD, a 66% del maschio e a 25% dei partecipanti femminili.

Interessante, la percentuale di bambini che hanno risposto ai criteri di rinvio ha fatto diminuire a partire 100% in quelli dai 3 - 5 anni invecchiati a 33% fra quelli 15 - 17 anni invecchiati, il gruppo riferisce nel Giornale dei Disordini di Fluidità.

Quattro CWS hanno avuti diagnosi concomitanti, compreso ansia e disordine post - traumatico di sforzo, la sindrome di Tourette e la frattura del cranio e tutti hanno risposto ai criteri per il rinvio.

In Tutto, 11% dei bambini hanno avuti una storia della famiglia di balbuzie recuperata, 42% una storia della famiglia di balbuzie persistente e 8% una cronologia sia di balbuzie persistente che recuperata, mentre 39% non ha avuto storia della famiglia di balbuzie. Il Rinvio è stato associato significativamente con sia una cronologia della diagnosi di balbuzie che concomitante recuperata.

L'analisi di Bonferroni ha indicato che c'era una forte correlazione positiva fra una storia della famiglia riferita di balbuzie recuperata e una diagnosi concomitante.

Licensed from medwireNews with permission from Springer Healthcare Ltd. ©Springer Healthcare Ltd. All rights reserved. Neither of these parties endorse or recommend any commercial products, services, or equipment.